Come eliminare la puzza di pesce dalle stoviglie

Come si elimina l' odore di pesce che persiste su pentole e stoviglie varie: metodi efficaci per mandare via la sgradevolissima puzza.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Giorni fa ho scritto un post su come togliere l’odore di uovo dalle stoviglie, ma, anche se questo è l’ “olezzo” più sgradevole, non è il solo nemico per l’olfatto che può rimanere su piatti, pentole, posate e bicchieri.

Oggi voglio trattare ancora l’argomento su come combattere gli odori sgradevoli con questo post su come eliminare l’odore di pesce da piatti e stoviglie.

Alcuni lettori mi avevano chiesto consigli su come si può mandare via la persistente puzza di pesce….ed ecco come faccio io per combattere questo ” effluvio “, che, in quanto a sgradevolezza, è secondo solo al ” freschino ” delle uova. 🙂

Come mandare via l’odore di pesce da pentole, piatti, bicchieri, posate e utensili di cucina

Se avete maneggiato prodotti ittici senza indossare i guanti, potete tenere in cucina una pietra di allume di potassio, rimedio particolarmente efficace e comodo da usare all’occorrenza, o adottare altri metodi (per approfondire, leggete il post con i miei consigli su come rimuovere l’odore di pesce  dalle mani nei modi più efficaci.

Il segreto per eliminare l’antipatico sentore di pesce da stoviglie e utensili vari di cucina è un semplice trucco casalingo che fa parte dei  rimedi della nonna:  si devono sciacquare al più presto sotto un getto d’acqua fredda dopo aver tolto ogni residuo di cibo.

Quindi si mettono a bagno, sempre in acqua fredda (l’acqua calda fissa l’odore) con detersivo per piatti e succo di limone o aceto bianco (circa 1 bicchiere per un lavello pieno) e si lascia in ammollo per 5-10 minuti  per poi lavare normalmente.

Io, come faccio anche per il cattivo odore dell’uovo, uso il detersivo per piatti naturale fai da te  sia nell’ammollo sia nel lavaggio di piatti e posate per togliere il tanfo di pesce (o “rinfrescumme“, come lo chiamiamo a Genova).

Sempre seguendo lo stesso procedimento adatto per mandare via la puzza di uova, metto a bagno i bicchieri separati dalle altre stoviglie.

Alcune persone usano la candeggina diluita in acqua a questo scopo, ma io non lo faccio, in quanto è una sostanza chimica nociva e non mi piace adoperarla su cose che entrano in contatto diretto col cibo.

E poi, non amo impiegarla nelle faccende di casa in generale, perché è facile provocare accidentalmente la formazione di macchie di varechina, specie sugli abiti. 🙂

Se si preferisce usare la  lavastoviglie, bisogna sciacquare in acqua fredda piatti, posate e pentole varie e poi inserirli nel carrello della lavapiatti, dopo aver messo nella vaschetta del brillantante un bicchiere di aceto bianco e in quella per il  detersivo l’abituale dose di detergente e 1 cucchiaio di semplice bicarbonato di sodio, che aiuta l’azione pulente e neutralizza gli odori nello stesso tempo.

E’ utile anche porre 1/2 limone nel cestello del brillantante.

Consiglio, comunque, di lavare i piatti e le pentole che si sono adoperate per cucinare il pesce separatamente dalle altre stoviglie sporche, in quanto potrebbero contaminarle con il non gradevole aroma.

Il lavaggio separato è fondamentale, ma è ovvio che bisogna anche avere l’accortezza di riservare (e tenerla separata dalle altre del lavello) una spugnetta unicamente al lavaggio di piatti, padelle, pentole, posate e utensili di cucina vari entrati in contatto col pesce in qualche modo.

Per eliminare l’odore di pesce da pentole, padelle e stoviglie varie, si possono anche usare delle foglie di tè sfuse bagnate con l’acqua: si strofinano sull’intera superficie degli utensili, poi si lava normalmente e si sciacqua con acqua fredda.

Ti consiglio di leggere anche:

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

12 commenti su “Come eliminare la puzza di pesce dalle stoviglie

  1. Io non ho più di questi problemi da quando uso i per lavare i piatti i prodotti Stanhome, dal vecchissimo e ben noto “Degreaser” o Sgrassatore, al più recente “Dish cleaner + ecolabel”. Lo “sgrassatore” è un detersivo multiuso al gusto agrumato, mentre il Dish cleaner, è della linea “ecolabel” totalmente a base vegetale con formulazione ecosostenibile, ambedue concentrati, quindi basta pochissimo, fanno poca schiuma ma sono molto efficaci lo stesso, SI POSSONO USARE CON L’ACQUA FREDDA (!!! ho abbattuto i costi del gas d’estate) e durano molto di più dei prodotti della concorrenza e SOPRATTUTTO sono MENO TOSSICI dei prodotti commerciali e della varecchina… !

    Buona domenica Renata

  2. Io anche in questo caso un po’ di varechina.
    Ma giusto un goccio, lasciando in ammollo.
    Tanto, zozzeria è questa e zozzeria è il sapone per piatti XD

    Moz-

    1. Ciao Moz e buona domenica 🙂
      Io non amo molto la candeggina e l’odore mi dà fastidio.
      Uso il detrsivo per piatti naturale che ho pubblicato su questo blog .

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro