Come eliminare la puzza di aglio da alito e mani

Come levare la persistente puzza d'aglio dall'alito dopo l'ingestione e dalle mani che lo hanno toccato: suggerimenti e pratici trucchi della nonna efficaci per eliminarla.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Ho già scritto a proposito delle innumerevoli proprietà dell’aglio e i benefici che derivano dal suo consumo, ma… l’odore sgradevole?

Vediamo oggi come eliminare l’odore di aglio.

L’odore tipico dell’aglio è dovuto ai composti organici contenuti a base di zolfo, come l’allicina ed il disolfuro di diallile e si manifesta non solo nell’alito, ma anche nel sudore della pelle.

Sapere” di aglio ed ammorbare chi ci ci sta intorno non è proprio il massimo e bisogna cercare di correre ai ripari. 😉

Eliminare il tanfo d’aglio dall’alito

Per combattere l‘alito pesante dovuto all’ingestione di questo bulbo si possono adottare alcuni accorgimenti utili a questo scopo:

  • masticare qualche chicco di caffè;
  • bere latte o yogurt prima o durante il pasto: questo  vecchio rimedio della nonna viene da sempre adottato nei paesi del Medio Oriente e un articolo pubblicato sul “Journal of Food Science” poco tempo fa afferma che il latte deterge la bocca, mentre lo zolfo viene neutralizzato dal grasso contenuto;
  • fare sciacqui con un  collutorio a base di cloramina all’ 1 %;
  • masticare foglie di salvia fresca o di prezzemolo;
  • masticare qualche chiodo di garofano;
  • mangiare funghi o aggiungerli al sugo di pomodoro: i polifenoli contenuti agiscono positivamente sull’alitosi dovuta all’aglio;
  • masticare coriandolo o cardamomo;
  • masticare un bastoncino legnoso di liquirizia;
  • masticare i semini d‘anice o di finocchio;
  • bere tè verde, anch’esso ricco di polifenoli, durante e dopo il pasto;
  • assumere una pastiglia di carbone vegetale che è in grado di assorbire il disolfuro;
  • al posto del dolce, mangiare frutta come mele, frutti di bosco, kiwi e ananas che contrastano i composti organici a base di zolfo;
  • masticare compresse farmaceutiche da banco apposite come il Salva Alito Giuliani.
    Contrariamente a una credenza comune, togliere l’anima non serve ad eliminare l’odore dall’alito, ma è utile per rendere l’aglio maggiormente digeribile.

    Eliminare la puzza d’aglio dalle mani

    Dico subito che l’odore di aglio emanato dal sudore della pelle del corpo dopo l’ingestione si elimina difficilmente: bisogna aspettare che l'”effetto aglio” vada via da solo, ma è comunque consigliabile lavarsi giornalmente con sapone di Marsiglia e bicarbonato di sodio e adoperare deodoranti a base di cristalli di potassio.

    L’odore di aglio sulle mani ( rimasto dopo averlo maneggiato per cucinare ), invece, si può togliere in vari modi, ma la cosa più importante è quella di metterle per qualche minuto sotto l’acqua corrente fredda.

    Fatto questo si può:

    • lavarle con una mistura fatta con le scaglie di saponette riciclate e caffè in polvere;
    • usare la saponetta in acciaio inossidabile, sfregandola sulla pelle per 30-40 secondi e sciacquando poi;
    • strofinarle con succo di limone fresco;
    • sciacquare le mani con una soluzione di poca acqua e bicarbonato;
    • strofinarle con un trito di prezzemolo fresco o di basilico;
    • cospargerle di dentifricio e poi sciacquarle normalmente.

    Spero che questi consigli per eliminare l’odore dell’aglio dall’alito e dalle mani siano di qualche utilità e…buon week end! 🙂

Credit photo: Goodfreephotos.com

 

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

23 commenti su “Come eliminare la puzza di aglio da alito e mani

  1. Molto, molto utile! Così si potrà usare l’aglio (tanto buono!) con più tranquillità e serenità, amica cara! Grazie!! <3 E buona domenica!

  2. Sono conasigli utili ma di difficile esecuzione positiva. Masticare la salvia…preferisco il sapore dell’aglio…poi dalla pelle mmmmm se non sei di origine turchia, romania e luoghi di quel tipo non ne vieni fuori loro vivono con l’aglio e cipolla e credimi per il lavoro li avevo ogni giorno a contatto…
    Sai molto dipende da come uno lo digerisce per cui anche se lo riesci a coprire con caffe ecc. dopo com si sul dire torna su….renderlo meno forte togliere l’anima e metterlo nel latte in ammollo o cuocerlo in camicia solo schiacciato questi accorgimenti li uso sempre perchè a me l’aglio piace.
    Buona domenica cara e avanti cosi sei veramente utile con questi consigli.

    1. Grazie Edvige.Io lo digerisco crudo solo se levo l’anima.Buona settimana.

  3. ecco! io strofino le mani con il limone…non lo mangio perchè poi sto male per giorni e giorni, ma lo uso e poi lo tolgo…lo consiglierò a quelli che lo mangiano invece, grazie mille, altro post utilissimo! un bacio

  4. Wao, che l’aglio è buonissimo ma poi davvero è dura! Ottimi consigli, viva i chicci di caffè, su tutti XD

    Moz-

    1. In effetti i chicchi di caffè funzionano e a me piace anche il gusto che hanno.

  5. Di questo post ho davvero bisogno: utilizzo pochissimo sale ma molte spezie e l’aglio è sempre presente!!! Grazie per tutte queste dritte ^_^

  6. Possiamo dire che l’odore d’aglio non favorisce i rapporti sociali, bisognerebbe avere più rispetto del prossimo capire che se si mangia aglio poi può avere effetti sia benefici ma anche non sul prossimo, sono degli ottimi consigli spero che ne facciano almeno qualcuno, io non amo l’aglio e quando lo sento sugli altri mi da molto fastidio

  7. Io più che altro ho il problema di togliere l’odore di aglio dalle mani quando cucino. Seguirò di certo i tuoi suggerimenti, grazie Franci 🙂

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro