Insalata di limoni pane con albedo alla procidana

L'insalata di limoni pane è una antica e particolarissima specialità di Procida: la ricetta originale isolana per preparare questo delicato piatto salutare da servire in tavola come antipasto o contorno.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

L’insalata di limoni di Procida è una specialità tipica della splendida  e piccolissima isola a un’ora di mare da Napoli e che è anche possibile gustare in qualche ristorante della Costiera Amalfitana e delle Isole Flegree nella stagione in cui i cosiddetti ” limoni pane” sono grossi e ricchi di succo particolarmente dolce e albedo non amarognolo come quello degli altri agrumi di diverso tipo.

Potrà sembrarti strano, ma la base di questo delicato e raffinato piatto servito come antipasto o contorno (ideale, secondo me, per rinfrescare la bocca dopo aver mangiato una zuppa di pesce), è proprio la parte bianca interna della scorza dell’agrume, l’albedo, che solitamente viene scartata in quanto amara, ma che nel limone pane presenta una spessa consistenza ed ha un gusto delicato e del tutto particolare.

Cosa è il limone pane?

Il limone pane, eccellenza alimentare italiana e coltivato prevalentemente a Procida, ma anche a Ischia, Capri e nei dintorni di Amalfi ( anche se i procidani sostengono che tale agrume viene prodotto solo nell’ ” Isola del Postino “) è un grosso frutto che ha un aspetto simile a quello del cedro, dal sapore per nulla acre e dotato di buccia gialla particolarmente sottile e della parte interna bianca della stessa molto sviluppata e dolce, da cui deriva, appunto, il nome “pane”.

Limoni pane amalfitani in vendita

Proprio per queste sue caratteristiche questo agrume, che può anche assumere dimensioni particolarmente notevoli (viene anche chiamato impropriamente ” limone gigante “) si presta ali impieghi culinari più disparati: il succo viene usato per condire piatti e realizzare bevande, la buccia gialla (epicarpo o flavedo) viene usata nella preparazione di liquori, dolci, canditi e creme agli agrumi e si adopera la parte bianca interna, assieme alla polpa, per fare insalate originali e salutari.

Infatti l’albedo, la parte interiore bianca e spugnosa attaccata alla scorza, è ricco di sostanze benefiche per l’organismo e, essendo quello dei ” limoni di Procida ” per nulla amaro e di gusto gradevole, vale proprio la pena imparare ad utilizzarlo nelle insalate per usufruire nel modo più saporito dei vantaggi per la salute che il consumo del pane di limone comporta.

L’insalata di limoni che ti propongo oggi è la rivisitazione ” moderna ” e semplificata di una antica ricetta rurale della cucina procidana, che prevedeva l’uso del ” vino cotto ”  (ricavato dalla cottura lenta e prolungata nel rame del mosto di uva spremuto al torchio) tra gli ingredienti per aromatizzarla.

Il vino cotto è difficilissimo da trovare (ormai lo producono poche famiglie contadine ad uso familiare) anche nelle Isole Campane e al giorno d’oggi l’insalata di limoni pane viene fatta senza.

La preparazione, particolarmente ricca di elementi salutari, è semplice e rapida a farsi, ma non devi assolutamente adoperare limoni normali, ma solo quelli  pane, reperibili nelle località  in cui è presente il cultivar e nei negozi di primizie.

Tieni presente che i limoni di questa varietà, da non confondersi con i più acidi limoni di Sorrento e che il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha inserito nell’elenco dei prodotti tradizionali tipici delle regioni d’ Italia, sono adatti per farli in insalata solo in determinati periodi dell’anno (solitamente si usano quelli che completano la maturazione in giugno, gennaio, febbraio e i cosiddetti ” tardivi ” di marzo), quando sono grossi, ricchi di succo, polposi e la parte bianca è spessa e spugnosa.

La ricetta originale che ti fornisco sotto prevede l’uso della scorza gialla di tutti i limoni impiegati, ma io ne preferisco adoperarne la metà per rendere il piatto ancora più delicato ( me lo ha consigliato di fare un bravissimo cuoco dell’isola famoso per i suoi piatti vegani).

Come fare l’insalata di limoni pane alla procidana

Ingredienti:

limoni pane maturi (la quantità dipende dalle dimensioni che possono variare notevolmente) q.b

spicchi di aglio q.b

peperoncino q.b

menta fresca q.b

olio extravergine di oliva q.b

sale q.b

Procedi in questo modo, come mi hanno insegnato a Procida, per preparare l’insalata di limoni il più velocemente possibile:

  • lava i limoni, asciugali, tagliali a metà e spremine il succo;
  • falli poi a spicchi e quindi a tocchetti;
  • trasferiscili in un mortaio e spappolali con il pestello;
  • condiscili con olio extravergine di oliva, aglio tritato, peperoncino a pezzetti e sale.

Mescola poi delicatamente il tutto, spolvera con foglie di menta spezzettate con le mani, lascia insaporire per una decina di minuti circa e porta in tavola il sano e prelibato piatto.

Consigli

Per digerire meglio l’aglio, puoi non aggiungerlo direttamente, ma strofinane gli spicchi sbucciati sul piatto di portata ( come si fa con la bruschetta) prima di sistemarci sopra l’insalata di limoni pane.

Non buttare via il succo ricavato dalla spremitura dell’agrume, ma consumalo subito diluito come bibita, usalo da condimento per altri piatti o conservalo in frigorifero per poi assumerlo con acqua tiepida come bevanda disintossicante e regolatrice dell’organismo al mattino a digiuno.

Se non abiti in zone dove i limoni pane sono reperibili e ne fai scorta per poterne disporre al tuo ritorno a casa, conservali al fresco per non più di una quindicina di giorni e, controllando che siano ancora integri e sani, preparali in insalata il prima possibile, dato che, con il passare del tempo dal momento che sono stati raccolti dalla pianta, la buccia e la polpa di questi straordinari agrumi tendono ad assumere un sapore acre e poco adatto alla realizzazione della particolare ricetta procidana.

Se vuoi scoprire altre sane preparazioni a base di limone, dai un’occhiata anche a:

Credit photo limoni pane: Flickr.com by Yvon 

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro