Come coltivare il basilico per farlo crescere sano e rigoglioso

Come coltivare il basilico nel modo giusto: consigli e indicazioni specifiche per ogni fase della crescita di questa pianta officinale aromatica e ricca di benefici salutari.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

E’ finalmente arrivata la primavera e, con lei, il desiderio di coltivare fiori e piante per partecipare così anche noi al miracolo del risveglio della natura.

Ai neofiti dell’orto fai da te consiglio di iniziare con il basilico: la coltivazione è facile, raramente ci sono problemi e il vederlo crescere sano e rigoglioso è di grande soddisfazione sia per i principianti sia per gli esperti di giardinaggio.

Anche se abbiamo a disposizione un terrazzino o solo un davanzale, mettiamoci al lavoro e cominciamo col coltivare il basilico, pianta aromatica usata tantissimo in cucina e che può essere messa a terra o in vaso a seconda dello spazio disponibile.

Coltivazione fai da te del basilico

Questa vera e propria pianta officinale,ricca di proprietà curative, si può seminare tutto l’anno; ma, se vogliamo sempre disporre di  basilico fresco di autoproduzione, ricordiamoci che  in inverno va tenuta in casa, vicino a un davanzale o in una veranda (per fare in modo che  possa prendere luce) e in un luogo dalla temperatura mite e stabile al riparo da sbalzi di temperatura e lontano da fonti di calore).

Naturalmente i tempi di crescita e il sapore saranno differenti da quelli del basilico cresciuto all’aperto in vasi o in pieno campo durante la buona stagione, ma…” l’inverno è l’inverno “: non si può pretendere di avere a disposizione tutto l’anno gli aromi ineguagliabili dell’estate ed è già molto poter disporre di basilico genuino coltivato da noi in casa per dare profumo a piatti vari e preparare il pesto in modo più economico. 😉

Teniamo sempre presente che la coltivazione in casa del basilico è una “forzatura” a tutti gli effetti, dato che l’habitat ideale della pianta è all’aperto, dove cresce al massimo fino ad ottobre inoltrato.

Infatti il basilico continua a germogliare in casa perché il suo ciclo stagionale viene “imbrogliato” dal fatto  di essere tenuto costantemente al caldo.

 Semina del basilico

Fatta questa parentesi sulla coltivazione del basilico in casa, non ideale ma fattibile, vediamo ora come seminarlo nei tempi e nei modi ottimali.

I mesi adatti per la semina vanno da aprile a settembre, facendo attenzione che il clima non sia troppo fresco, in quanto per questa pianta la temperatura ideale si aggira attorno ai 25 gradi, ma resiste bene anche a maggior calore se la terra  viene umidificata tutti i giorni.

La prima cosa da fare è la semina nel semenzaio: si mettono sul fondo di questo dei ciottoli o palline di polistirolo per facilitare il drenaggio e si aggiunge terra nuova e soffice.

Poi si spargono i semini in modo che non siano troppo vicini tra di loro, si aggiunge un velo di terra a ricoprirli e si umidifica la superficie con uno spruzzino, facendo attenzione a non interrare troppo le sementi.

Immagine di luna in fase calante

Questa operazione va fatta con la luna calante e mai quando l’astro è in fase crescente.

Poi si ricopre il semenzaio di tessuto-non tessuto (passaggio consigliato, ma non obbligatorio) e lo si mette in un luogo caldo, riparato e possibilmente al buio,  per  fare in modo che la germinazione avvenga più in fretta.

Ricordiamoci di mantenere costante l’umidità della terra con frequenti spruzzate d’acqua.

Dopo circa 10 giorni potremo vedere spuntare i germogli.

Ripichettatura

Aspettiamo che compaia del tutto la prima foglia e poi passiamo alla “ripichettatura“:

  • prendiamo i contenitori a scomparto, quelli bucati sul fondo, nei quali si trovano le piantine che si comprano nei vivai, mettiamo un sottile strato di ciottoli per drenare ed inseriamo la terra, in modo che sia soffice.
  • Poi, col dito, facciamo un buco al centro dello scomparto.
  • Adesso l’operazione più difficile: prendiamo con delicatezza le piantine, separandole e facendo  molta attenzione a non rompere le radici e la zolletta di terra circostante gli apici.
  • Infine mettiamo, ad uno ad  uno, i piccoli arboscelli di basilico nei buchi che avevamo preparato in precedenza, ricompattiamo il terriccio ai lati e, infine, innaffiamo con lo spruzzino.

Essendo questo, come dicevo, un passaggio delicatissimo, non è certo raro perdere il 50 per cento delle piante ed io consiglio di ripichettare sempre, se possibile, a luna calante.

I contenitori non devono  mai essere posti in pieno sole, ma in una zona semi-ombreggiata, e vanno spruzzati con frequenza.

Messa a dimora o rinvaso del basilico

Piantina di basico in zolla di terra da rinvasare

Ancora in luna calante si procederà ad interrare nel suolo o a rinvasare le piante, quando queste avranno raggiunto i 10 centimetri di altezza e messo 3 foglie.

La dimora necessita di frequenti innaffiature e non deve trovarsi  in ombra, ma essere in pieno sole per almeno 1/2 giornata.

Rispettiamo una distanza di 10 centimetri tra  una pianta di basilico e l’altra.

Se, invece di utilizzare i semi, si comprano le piantine già cresciute ( è meglio acquistarle nei vivai, perché quelle dei supermercati, spesso venute su con luce artificiale, non danno buoni risultati) saltiamo le due fasi precedenti e mettiamole direttamente a dimora.

Cimatura e produzione dei semi

Quando il nostro basilico ha messo la decima coppia di foglie e si sta per formare la gemma in  sommità, dobbiamo procedere alla cimatura, levando “lo spigo”con le dita in modo delicato: in questo modo non si formerà il fiore che leva energia alla pianta e la indebolisce.

Facendo questo, il nostro basilico crescerà forte e rigoglioso.

Fiori di basilico appasiti che iniziano a seccare

Se vogliamo avere dei semi  sempre a disposizione da usare in seguito, procediamo in questo modo: non cimiamo una o due piante, tagliamo il fiore non appena la pianta inizia a seccare e mettiamolo  al sole in una ciotola, in modo che non si perdano i semini.

Una volta che il fiore è inaridito del tutto, sfreghiamolo con le mani per fare uscire la semenza e riponiamola in un sacchetto di carta in un luogo asciutto e, possibilmente, buio.

Raccolta della foglie di basilico

Come si devono raccogliere le foglie del basilico senza danneggiare la pianta?

Bisogna raccogliere le foglie apicali del basilico con un po' di stelo

Semplice: bisogna asportare una parte di rametto intero ( compreso lo stelo e non solo le giovani foglie) partendo dall’alto tagliando (e non strappando) tutta la parte apicale di circa 1/3 partendo dalla cima.

Questa potatura va fatta piuttosto spesso (anche se al momento non si devono usare le foglioline n cucina) a partire dal momento in cui una pianta ha raggiunto i 20 centimetri circa di altezza.

Tale trattamento fa in modo che i tagli sistematici impediscano la fioritura e che sullo stelo principale si formino delle gemme che daranno vita a nuovi rametti laterali che renderanno la pianta più fitta e ricca di fogliame.

I momenti migliori, detti anche “tempi balsamici“, della giornata per la raccolta del basilico sono la prima mattina e la fine del pomeriggio.

Concimazione e  trattamenti antiparassitari naturali indicati per le piante di basilico

Il basilico non necessita di concimazione, ma si possono aggiungere al terreno capelli, peli di animali ed unghie in modica quantità, o mischiare alla terriccio universale un po’ di compost.

Seguiamo i consigli del post sulla lotta alle lumache, per evitare che le foglie vengano mangiucchiate da queste predatrici che ne sono ghiottissime, ricordando anche che è utile piantare il basilico vicino ai pomodori, il cui odore le allontana.

Contro bruchi e afidi si può piantare l’aglio, repellente naturale che li terrà a distanza se si trova in prossimità delle piante di basilico.

Anche il nasturzio, piantato poco lontano, è utile, in quanto li attira su di sé, risparmiando così il nostro basilico.

Pianta di basilico bagnata

A volte il basilico assume un'”aria stanca” e sulle foglie si formano di piccoli puntini bianchi: 90 su 100 la pianta è stata attaccata da Aleurodidi o altri parassiti simili e, in questo caso,  oltre a sottoporla a “docce” a base di macerato di ortica (si nebulizza la soluzione di 1 parte di macerato in 20 parti di acqua per 3 giorni consecutivi ogni 2 settimane), è bene spostarla in un luogo dove possa godere di pieno sole e tanta aria.

Le piantine molto giovani vanno messe al riparo (o protette da un telo di plastica) in caso di pioggia intensa.

A fine stagione, se ci avanzano molte foglie che non utilizziamo al momento, mattiamole in un contenitore con olio di oliva e  congeliamole (il basilico si rovina se viene messo in freezer senza olio) o prepariamo il basilico sotto sale.

Coltivare il basilico è senz’altro piacevole e rilassante, ma richiede cura e qualche attenzione: sarebbe un vero peccato sprecare anche una piccola parte di questa pianta che, tra le altre, ha preziose proprietà benefiche per gli organi della digestione, con effetti lenitivi e calmanti.

Teniamo sempre presente il fatto che la coltivazione del basilico e delle piante officinali in genere richiede amore e sensibilità: se  ci si dedica col giusto spirito, si potranno fare scoperte insolite e bellissime, come quella di scoprire che le piante comunicano tra loro, come dimostra il video sotto sulle “affinità” del basilico col peperoncino. 🙂

Post correlati:

Credit photo intestazione: Pixnio.com

Credit photo messa a dimora del basilico: Flickr.com by Becky Stern

Credit photo rametto di basilico: Pixabay.com by markusspiske

Credit photo fiori di basilico: Pixabay.com by pisauikan

Credit photo basilico nebulizzato: Pexels.com

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

6 commenti su “Come coltivare il basilico per farlo crescere sano e rigoglioso

    1. I fondi di caffè non sono indicati per il basilico, in quanto possono formare delle muffe.Ciao e grazie della visita

  1. provo a coltivare ogni anni le piantine aromatiche che…sistematicamente mi muoio sempre! chissà che stavolta con i tuoi consigli non facciano le brave..Grazie mille!!!

  2. ho intenzione di coltivare in casa il basilico .Interessante le vostre indicazioni .Grazie ,proverò

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro