Calamari ripieni in padella alla romagnola

I calamari ripieni sono una squisita e ricca pietanza al sapore di mare che gli amanti dei piatti a base di molluschi devono assolutamente assaggiare almeno una volta: la ricetta romagnola della versione al pomodoro.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

I saporiti ed allegri calamari ripieni, cucinati in diverse varianti, sono uno dei piatti al profumo di mare che preferisco ed oggi voglio darti la ricetta dei calamari ripieni alla romagnola, pietanza adatta anche a pranzi importanti e che trovo particolarmente “golosa”.

A differenza dei calamari all’abruzzese (dei quali ho già pubblicato la ricetta), piatto in bianco esclusivamente “di magro” e cucinato alla griglia, quelli alla romagnola sono arricchiti con Parmigiano Reggiano e salsa di pomodoro e si cuociono in padella.

La salsa più indicata è quella fatta in casa con pomodori di stagione e sapori, ma, se vuoi fare prima o non riesci a reperire ortaggi dal sapore deciso e non acquosi, puoi benissimo usare quella già pronta aromatizzata.

Puoi adoperare molluschi freschi o surgelati (non sceglierli troppo grossi, perché quelli di grandi dimensioni hanno la carne piuttosto dura) ma, se decidi di usare i primi, ti consiglio di farteli pulire in pescheria per risparmiare tempo e lavoro.

Ingredienti per 4 persone:

8 calamari già puliti
1 bicchiere di vino bianco secco
4 fette di pane a cassetta
3 spicchi di aglio
4 cucchiai di prezzemolo tritato
400 grammi di salsa di pomodoro agli aromi (o salsa pronta al basilico)
4 cucchiai di Parmigiano reggiano grattugiato
8 cucchiai di olio extravergine di oliva
2 prese di peperoncino in polvere
sale q.b

Preparazione dei calamari ripieni alla romagnola

Se devi pulire i calamari, procedi in questo modo ( altrimenti salta il passaggio):

  • lava i molluschi sotto l’acqua corrente;
  • elimina la pelle, le interiora, la cartilagine interna e la ghiandola del”nero” ( puoi estrarre l’inchiostro e usarlo in cucina come si fa con quello di seppia), facendo attenzione a non danneggiare la sacca e a mantenerla integra e intera;
  • togli anche gli occhi alla base della sacca e il rostro (la bocca da cui partono i tentacoli), aiutandoti con uno spelucchino.
  • sciacqua i calamari,scolali e, se non li usi subito, conservali tra 2 piatti in frigorifero.

Preparazione del ripieno

Lava il prezzemolo, scolalo, asciugalo accuratamente, tritane le foglie e tienile da parte.

Elimina i bordi al pane a cassetta ( non buttarli via, perché si possono recuperare), sbriciolane la mollica e tieni anch’essa da parte; sciacqua nuovamente i calamari già puliti sotto l’acqua del rubinetto e asciugali bene anche all’interno con la carta da cucina.

Poi stacca loro i tentacoli e tritali con la mezzaluna sul tagliere assieme alla mollica del pancarré, a 2 spicchi di aglio (privati della pelle e tagliati finemente), a 2 cucchiai di prezzemolo e al Parmigiano Reggiano grattugiato.

Trasferisci il trito ottenuto in una terrina capiente, aggiungi 6  cucchiai di olio EVO, aggiusta di sale, insaporisci con il peperoncino in polvere e mescola il composto accuratamente e con delicatezza per fare in modo che gli ingredienti si amalgamino bene tra di loro.

Riempimento, cottura e presentazione in tavola

Riempi le sacche vuote dei molluschi per 2/3 della loro capacità con lo stesso e poi richiudile con degli stecchini incrociati per fare in modo che il ripieno non fuoriesca mente cuociono.

Fai scaldare l’olio extravergine rimasto in una grossa padella; poi aggiungi l’aglio rimanente, 2 cucchiai di prezzemolo tritato e fai sfrigolare il tutto per circa 1 minuto a fiamma bassa.

Unisci i calamari farciti, falli insaporire per qualche minuto, girandoli da ambo le parti, salali, pepali e sfuma con il bicchiere di vino bianco.

Una volta che l’alcol sarà evaporato, versa nella padella anche il sugo di pomodoro.

Metti il coperchio e prosegui la cottura per una quarantina di minuti circa a fiamma al minimo, aggiungendo un po’ di acqua bollente all’occorrenza.

Una volta che la cottura sarà terminata, elimina gli stecchini, spolverizza i calamari ripieni alla romagnola con il prezzemolo tritato rimanente e servili in tavola con un contorno di piselli o di verdure a piacere saltate in padella e un vino bianco e asciutto come il Sauvignon dei Colli Bolognesi.

Se ti piacciono i molluschi e vuoi scoprire altri modi per cucinarli, dai un’occhiata anche a:

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro