Linguine al nero di seppia con calamaretti

Le linguine al nero di seppia con i calamaretti costituiscono un primo piatto gustoso e dall'intenso aroma di mare: ecco la facile ricetta.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Stamattina ho comprato le seppie e, visto che in cucina non si butta via niente, ho acquistato anche dei calamari piccoli per fare le linguine al nero di seppia coi calamaretti, piatto che, secondo me, è una vera delizia per il palato di chi ama gli aromi del mare in cucina.

La preparazione non è difficile, è allegra, gustosa e permette di non sprecare e dover buttare via il nero di seppia fresco, impiegandolo in un condimento per la pasta dal sapore decisamente marino. 🙂

E’ anche possibile trovare in commercio il nero di seppia in barattolo o già porzionato.

Per l’ottimale riuscita di questa pastasciutta marinara è bene usare molluschi freschissimi ed evitare quelli surgelati.

Ingredienti:

320 grammi di pasta in formato linguine;
qualche vescichetta di nero di seppia;
mezzo chilo di calamaretti freschi;
mezzo bicchiere di vino bianco del tipo secco e di buona qualità;
1 ciuffetto di prezzemolo fresco;
1 spicchio d’aglio;
olio extravergine di oliva q.b;
sale q.b;
pepe q.b.

Preparazione delle linguine al nero di seppia con calamaretti freschi

Pulite i calamaretti: separate i tentacoli dalla sacca, tirando con delicatezza e facendo in modo che vengano via anche le viscere.

Mondate il ciuffo di tentacoli, togliendo il rostro, le interiora e gli occhi e dividetelo in 2 o 3 parti a seconda della grossezza.

Togliete la lisca di cartilagine trasparente contenuta nella sacca, levate la pelle a quest’ultima e fatela a striscioline.

Lavate poi i calamaretti tagliati sotto il getto di acqua fredda e fateli sgocciolare per bene in uno scolapasta.

Togliete la buccia allo spicchio d’aglio, dividetelo in due e fatelo rosolare brevemente in una padella di ferro capiente assieme a qualche cucchiaio di olio evo.

Quando l’aglio avrà preso un lieve colore, unite i calamari a pezzi e fateli saltare per un paio di minuti a fiamma alta.

Aggiungete il vino bianco, aggiustate di sale e di pepe e continuate a fare cuocere per altri 2 minuti.

Una volta pronti, levate i calamaretti dalla padella con l’aiuto di una schiumarola  e teneteli da parte al caldo.

Fate ridurre sul fuoco il fondo di cottura, poi togliete la padella dalla fiamma, eliminate l’aglio e aggiungete il prezzemolo tritato e l’inchiostro di seppia: il nero di seppia non va mai aggiunto quando la preparazione è sul fuoco.

Fate cuocere le linguine in abbondate acqua salata ( meglio ancora in acqua di mare depurata ) e, una volta che queste sono al dente, versatele in una grossa ciotola, aggiungete il condimento e mescolate bene con il cucchiaio di legno.

Infine unite i calamari caldi e mescolate ancora.

Fate poi le porzioni nei singoli piatti e completate con qualche calamaretto in superficie.

Le linguine al nero di seppia con i calamaretti vanno servite ben calde con una spolverata di prezzemolo.

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

6 commenti su “Linguine al nero di seppia con calamaretti

  1. Io ho cominciato le mie Vacanze Natalizie con un risotto al nero di seppia e calamari… quindi… YUM! so bene che è un piatto buonissimo 😉

    Moz-

    1. Stavo giusto pensando di compare le seppie.Col risotto ce le vedo proprio 🙂

  2. Il nero di seppia non piace a maritozzo quindi mi mangio le linguine o il risotto dal mio amico ristoratore in una delle migliori trattorie di pesce le fa divine. Buona giornata.

    1. Certo, Edvige.Quando si deve cucinare per 2, e un piatto non piace a tuo marito, è molto meglio evitare di cucinare 2 preparazioni diverse e…..andarselo a mangiare al ristorante 🙂

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro