Runebergintorttu: le tortine del poeta finlandese Runeberg

Il Runebergintorttu è un gustosissimo e particolare dolce tipico finlandese dedicato al poeta nazionale del Paese nordico: come fare le tortine di Runeberg secondo la ricetta tradizionale di Poovo.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Le tortine Runeberg, o Runebergintorttu, sono dei dolcetti della tradizionale pasticceria finlandese farciti con marmellata di fragola racchiusa in un anello di glassa al limone, aromatizzati con rum e mandorle e fatti con un impasto che potrebbe sembrare quello di una normale crostata, ma dalla consistenza più soffice e dal gusto meno dolce.

Questi golosi pasticcini, a forma cilindrica e dal peso di circa 100 grammi ciascuno e diffusissimi anche in Svezia dove vengono chiamati runebergstårta, prendono il nome dal poeta finlandese di lingua svedese Johan Ludvig Runeberg, autore dell’inno nazionale Maamme, che ne era ghiotto.

La leggenda popolare racconta che i golosi dolcetti furono inventati dalla moglie di Runeberg un giorno che, pur avendo a disposizione pochi ingredienti, volle ugualmente accontentare il marito che le aveva chiesto di fargli un dessert.

Pare, invece, che venissero già preparati fin dall’inizio dell’Ottocento da una pasticceria di Poovo, località dove i coniugi vivevano al tempo, e che l’aneddoto sia nato per il fatto che la signora Runeberg ne pubblicò la ricetta in un suo libro di economia domestica e cucina nel 1850.

Sebbene le vere origini del runebergintorttu siano destinate a rimanere un mistero, questi pasticcini sono diventati nel tempo la specialità gastronomica di Poovo, dove sono esposti nelle vetrine di pasticcerie e caffè e venduti come souvenir ai turisti in tutti i periodi dell’anno, anche se tradizionalmente gli abitanti usano consumarli dal periodo natalizio inoltrato al 5 febbraio, giorno della nascita del poeta del quale portano il nome.

Consigli preliminari importanti per la buona riuscita della ricetta

Nella preparazione delle crostatine Runeberg, non semplicissime ma nemmeno  particolarmente difficili a farsi, si può evitare l’impiego di rum o di punch se sono destinate a bambini e a persone che non consumano alcolici.

Devo farti presente, tuttavia, che l’aggiunta del liquore ci sta benissimo, perché le aromatizza e le rende davvero prelibate senza appesantirle (io, quando ne dispongo, uso il punch freddo di agrumi e rum, aumentandone un po’ la dose).

Pirottini da muffins in silicone alimentare

Come stampini, io solitamente adopero pirottini in silicone da forno, riutilizzabili e che non hanno bisogno di essere unti prima di versarci dentro l’impasto Runeberg, ma puoi benissimo usarne altri vari materiali che si adoperano per la cottura dei muffins o altri tondi dalle pareti lisce di dimensioni adeguate.

Anche per quello che riguarda la farcia c’è una certa libertà di scelta e puoi impiegare, a seconda delle tue preferenze, marmellata di fragole, di lamponi o anche quella casalinga a base di frutti di bosco e mele, che io adopero spesso nella ricetta del dolce Runeberg quando la ho in dispensa.

Sono in molti ad usare una miscela di pane e pan di zenzero grattugiati finemente nell’impasto, ma io preferisco adoperare al posto dei gingerbread sbriciolati il normale pane di segale nero, maggiormente sano e più facilmente reperibile.

Faccio questo perché , se a Poovo lo si impiega tradizionalmente ancora adesso come si faceva ai tempi di Runeberg, vuol dire che è l’ingrediente più indicato ed anche per il motivo che i biscotti di pan di zenzero io li preparo solo a Natale e anche quelli già fatti si riescono a trovare nelle panetterie e pasticcerie unicamente nel periodo delle Feste.

La ricetta originale prevede l’uso di una glassa a base di zucchero, acqua e succo di limone, ma io preferisco preparare al suo posto la mia solita ghiaccia reale, aggiungendo agli altri ingredienti la chiara d’uovo che sono solita conservare già porzionata nel freezer quando me ne avanza, perché la ritengo più affidabile per  “ tenuta ” e perché è più bella a vedersi.

Fatto questo doveroso preambolo, ora ti spiego in pratica come ottenere delle crostatine Runeberg perfette.

Esecuzione della ricetta: difficoltà media

Tempo occorrente: 25 minuti +20 minuti di cottura + 20 minuti di riposo

Costo: basso

Ingredienti:
100 g di burro
100 g di zucchero
1 uovo fresco intero + 1 albume
50 g di mandorle tritate
185 g complessivi di pane grattugiato (100 g di pane normale e 85 di pane di segale tritati finemente)
120 g di farina bianca
1 cucchiaino di cardamomo triturato
1 cucchiaino di lievito in polvere
125-140 g di panna da montare
3 cucchiai di rum (o di punch)
succo di limone q.b
confettura di fragole (o di lamponi) q.b
zucchero a velo q.b

Preparazione del Runebergintorttu finlandese con marmellata di fragole e ghiaccia reale

Tira fuori il burro dal frigorifero 30 minuti prima di usarlo per fare in modo che si ammorbidisca a temperatura ambiente.

Nel frattempo, metti in una ciotola capiente lo zucchero, le mandorle e il cardamomo tritati, il lievito, la miscela di pangrattati e la farina e mescola con il cucchiaio di legno il mix ottenuto per fare in modo che si amalgamino bene tra di loro.

Poi lavora il burro assieme allo zucchero con lo sbattitore e, solo quando avrai ottenuto una crema liscia e senza grumi, aggiungi, sempre senza smettere di sbattere, l’uovo sgusciato, la miscela di ingredienti secchi e, per ultimi, 100 grammi di panna.

Se è necessario, aumenta di 2-3 cucchiai il dosaggio della panna per ottenere un impasto soffice ma di una certa consistenza.

Versa, quindi, il composto negli stampini per muffins leggermente imburrati al loro interno, avendo l’accortezza di riempirli a poco più della metà.

Preriscalda il forno e, quando il calore statico si sarà stabilizzato a 200°, inforna e fai cuocere i dolcetti per una ventina di minuti circa prima di tirarli fuori e lasciarli raffreddare.

Preparazione della glassa

Nel mentre, fai una glassa reale di una certa densità con 100 g zucchero a velo, 1 albume e 1 cucchiaio di succo filtrato di limone in questo modo:

  • setaccia lo zucchero per evitare la formazione di grumi.
  • Versa l’albume in una ciotola e unisci, poco per volta e mescolando con il cucchiaio di legno, lo zucchero fino a quando avrai ottenuto un composto granuloso.
  • Aggiungi il succo di limone, continuando a rimestare fino a quando il tutto avrà assunto un aspetto liscio.
  • Unisci lo zucchero rimasto, sempre mescolando e poco alla volta, evitando di aggiungerne altro prima che il precedente sia stato perfettamente inglobato nella glassa.

Glassa reale della giusta densità

Alla fine dovrai ottenere una glassa reale consistente come quella della foto sopra.

Decorazione e consumo

Quando le tortine Runeberg saranno diventate fredde del tutto, sformale, crea un piccolo incavo circolare e poco profondo al centro della loro superficie superiore, riempilo con la marmellata di fragole, forma all’intorno un anello di glassa con l’aiuto, se non hai la “ mano ferma ”, di una sac à poche con montato un beccuccio tondo liscio.

Dopo aver lasciato solidificare del tutto la ghiaccia per 15-20 minuti a temperatura ambiente, il tuo Runebergintorttu  sarà pronto per essere gustato in tutta la sua bontà e fragranza a fine pasto, colazione, merenda o in altri momenti della giornata in cui vorrai coccolare dolcemente te e i tuoi cari.

Se vuoi scoprire altre preparazioni di pasticceria nordica che io trovo davvero allettanti, dai un’occhiata anche a:

Credit photo intestazione: Pixabay com by MarreKrisu

Credit photo stampini per muffins: Flickr.com by Didriks

Credit photo: glassa reale: Flickr.com by MoToMo

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro