Pulizia e manutenzione degli elettrodomestici di cucina

Consigli per la pulizia e la corretta manutenzione degli elettrodomestici di cucina per mantenerli al massimo dell'efficienza ed allungarne il ciclo di vita.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Se non ci fossero gli elettrodomestici…non sapremmo proprio come fare, ma che fatica pulirli e mantenerli in efficienza!

Ecco alcuni consigli per la manutenzione e pulizia degli elettrodomestici, essenziale per il buon funzionamento e la durata dei nostri preziosi “aiutanti” in cucina e nei lavori di casa.

Come pulire gli elettrodomestici di cucina per mantenerli efficienti senza correre rischi

Innanzitutto, prima d’iniziare a pulire un elettrodomestico, bisogna assicurarsi che la corrente elettrica sia staccata e che non ci siano bambini e animali domestici nelle vicinanze: potrebbero venir danneggiati da fumi, vapori, sostanze chimiche.

Gli elettrodomestici in genere vanno lavati esternamente con acqua e detersivo o sgrassatore, facendo attenzione a non bagnare parti interne e motori, poi vanno sciacquati bene e asciugati con un panno morbido pulito.

Io uso il Sole Piatti quando sono poco sporchi e sgrassatore o acqua e ammoniaca in presenza d’unto.

Al posto del detersivo si possono adoperare aceto, bicarbonato e limone diluiti in acqua, sostanze ecologiche e naturali, ma ho notato che ci si mette più tempo (ahimè, la lancetta è padrona della mia vita) e allora li uso sempre per la pulizia interna ed esternamente solo quando lo sporco è poco ed occorre  dare solo una passata, come, ad esempio, sul piano di cottura dopo ogni uso.

Disegno di cucina con cappa

Per la cucina bisogna fare particolare attenzione ai bruciatori: periodicamente vanno lavati bene e messi a bagno per 1 ora in acqua e aceto ( io uso acqua calda ), aiutandosi con uno stecchino per liberare i fori eventualmente ostruiti.

Il filtro metallico della cappa va trattato a fondo con lo sgrassatore 1 volta al mese; il filtro sintetico deve essere sostituito ogni 3 mesi circa, mentre il filtro a carbone attivo deve essere cambiato ogni 4-6 mesi a seconda di quanto uso se ne fa.

La pulizia del forno è una vera seccatura, per cui consiglio di non lasciare che la sporcizia si accumuli, dando una passata di acqua e aceto dopo ogni uso: la pulizia profonda richiederà meno tempo e fatica.

La sera prima di accingersi al lavoro è utile mettere nel forno una pentola con acqua calda e bicarbonato e chiudere l’anta: la mattina lo sporco sarà ammorbidito e più facile da rimuovere.

E’ necessario rimuovere unto e sporcizia dalla guarnizione ed asciugarla con cura.

Non usare assolutamente prodotti specifici chimici per pulire il forno: sono dannosissimi per le vie respiratorie e per la pelle e possono anche creare autocombustione in presenza di correnti d’aria.

Per una buona manutenzione della lavatrice occorre sempre aggiungere  il decalcificante ad ogni lavaggio, lavare bene il filtro una volta al mese ed il cassetto del detersivo ogni  due mesi; io metto il detersivo direttamente nel cestello ed evito così la maggior parte d’ incrostazioni provocate dal calcare.

La guarnizione del portello va curata in particolar modo: non bisogna mai lasciare ristagni d’acqua ed occorre asciugarla bene ad ogni lavaggio, pulirla nelle pieghe con acqua e sapone una volta ogni 2 mesi e passare bene un panno imbevuto di vaselina su tutta la superficie della gomma.

Lasciate sempre l’oblò aperto e fate un ciclo lungo di lavaggio a vuoto con un litro d’aceto bianco una volta al mese a una temperatura compresa tra i 60 e 90 gradi.

Adoperate detersivo naturale e anticalcare per i lavaggi e, comunque, evitate detergenti troppo aggressivi.

Anche per la lavastoviglie è bene fare lo stesso ciclo a vuoto 1 volta al mese con la stessa quantità di aceto bianco o con 150 grammi di bicarbonato alla stessa temperatura di quello in lavatrice.

Particolare attenzione alla cura del filtro: va lavato spesso in acqua calda e detersivo, avendo cura di pulire bene i fori, aiutandosi, all’occorrenza, con uno spazzolino da denti e uno stecchino.

La guarnizione va lavata bene  ogni 2 mesi e, una volta asciugata bene, va cosparsa col talco per evitare la comparsa di muffa.

Il portello deve essere possibilmente solo socchiuso quando  la lavapiatti non è in funzione, per favorire la circolazione dell’aria ed evitare che si formi un cattivo odore.

Usate, possibilmente, anticalcare e detergenti naturali per lavastoviglie o detersivi non aggressivi.

Allegro frigorifero rosa

Il frigorifero e il congelatore vanno puliti internamente con acqua e aceto o con acqua, succo di limone e bicarbonato ( la soluzione è piacevolmente frizzante) se le pareti appaiono ingiallite; poi si sciacqua e si asciuga accuratamente con un panno pulito.

Se il frigo non è del tipo “no frost” va sbrinato, come il congelatore, almeno 1 volta ogni 6 mesi, in caso contrario è sempre bene sbrinarli ed effettuare una pulizia profonda annualmente che, comunque, è bene programmare con anticipo, in modo di avere il tempo di smaltire le scorte dei cibi congelati.

Il retro va pulito e liberato dalla polvere ogni 6 mesi e il foro di drenaggio va sempre monitorato e tenuto sgombro: io uso uno spruzzo di bomboletta ad aria compressa o una peretta per pulire le orecchie con acqua e aceto bianco.

Per poter utilizzare il frigorifero al meglio, le guarnizioni  e del congelatore devono essere lavate con acqua e detersivo ogni 2 mesi: dopo averle sciacquate ed asciugate bene, è consigliato passarvi una mano di borotalco.

In periodi d’inattività, quando il frigo è vuoto e staccato dalla spina, è consigliabile tenere l’anta aperta.

Per evitare i cattivi odori si può mettere una piccola ciotola contenente bicarbonato all’interno del frigo da cambiare ogni mese o i tubetti di ceramica EM.

I cattivi odori del congelatore si eliminano mettendo, dopo aver effettuato la pulizia profonda, una pentola contenente acqua calda e aceto all’interno; si chiude quindi il portellone e si lascia agire 12 ore prima di rimettere in funzione l’apparecchio.

Bisogna fare attenzione a tenere il frigo e il freezer staccati dal muro e lontani da fornelli e fonti di calore per non affaticarne i motori e consumare meno energia elettrica.

Affinché gli elettrodomestici si mantengano efficienti a lungo non bisogna dimenticare di eseguire periodicamente la pulizia profonda che io faccio seguendo le fasi lunari: in questo modo ottengo ottimi risultati e risparmio tempo e fatica. 🙂

Se poi l’accurata pulizia e la normale manutenzione degli elettrodomestici non sono sufficienti e occorre personale specializzato e artigiani per riparare i guasti, ecco un sito che ho trovato in rete e che reputo sia utile: Fazland, dove si possono richiedere e confrontare in modo gratuito i preventivi di tecnici e aziende della propria città allo scopo di ottenere il miglior rapporto di qualità-prezzo.

Articoli correlati:

Credit photo intestazione: Pxhere.com

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro