Uso del condizionatore portatile: 16 consigli

Molti consigli utili per usare il condizionatore portatile nel modo corretto e come eseguirne la manutenzione per rendere ottimali le prestazioni dell'apparecchio e farlo durare di più in perfetta efficienza.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

In un post precedente ho scritto sulla manutenzione del deumidificatore ed ora eccovi alcuni consigli per il corretto uso del condizionatore portatile.

Infatti,eseguire la regolare manutenzione dell’apparecchio e farlo funzionare nel modo giusto permette di ottimizzarne le prestazioni e di allungarne la durata.

16 consigli pratici per rendere funzionale al massimo il condizionatore portatile e mantenerlo perfettamente efficiente a lungo

1) L’apparecchio deve essere posto su superfici piane e lisce, evitando di spostarlo sui tappeti.

2) Non ostruire le parti laterali e la griglia con tende e oggetti, lasciando sempre uno spazio libero su tutti i lati di almeno 50 centimetri, ed assicurarsi che la distanza da televisori  sia di almeno 1 metro per evitare interferenze elettromagnetiche.

3) Attendere 4 ore prima dell’accensione se precedentemente era in posizione orizzontale.

4) Non usare mai prolunghe  e adattatori.

5) Svuotare spesso la bacinella dell’acqua senza aspettare che sia piena e lavarla, di tanto in tanto, con acqua e aceto bianco, assicurandosi che sia perfettamente asciutta prima del reinserimento per evitare la formazione di muffa.

6) Chiudere porte e finestre e, possibilmente, tirare le tende durante il funzionamento: se l’elettrodomestico è in ombra consuma il 5% in meno di corrente elettrica.

7) Non esporre mai l’apparecchio ad agenti atmosferici come sole e pioggia e tenerlo lontano da fonti di calore, vasche da bagno, docce e lavandini.

8) Se la spina è attaccata, non si deve mai mai toccarlo con mani e piedi bagnati e bisogna sempre eseguire le operazioni di manutenzione a spina staccata.

9) La temperatura ideale in estate è di 26 gradi circa col 45% di umidità ( nel caso quest’ultima fosse più alta, consiglio di usare la funzione di deumidificazione) e l’ambiente interno dovrebbe possibilmente  essere di 7 gradi inferiore a quello esterno.

10) Non lasciare sempre in funzione il condizionatore, dandogli il tempo di…riposare e, se è necessario l’uso notturno, ridurre i gradi: la temperatura corporea si abbassa durante il sonno ed è bene evitare sbalzi termici eccessivi che nuocciono alla salute e, inoltre, è bene non stare mai troppo vicino all’apparecchio.

11) Non meno importante per il nostro benessere è la manutenzione dei filtri a cui si deve prestare sempre la massima attenzione: nello sporco depositato nei filtri risiedono microbi, particelle, pollini e acari che sono molto nocivi alle vie respiratorie e che possono causare allergie, riniti e faringiti.

Filtri intasati riducono di molto l’azione purificatrice, oltre a far calare notevolmente l’efficienza dell’apparecchio, aumentandone nello stesso tempo la rumorosità e richiedendo maggior impiego di potenza: tenere i filtri puliti contribuisce non poco a risparmiare sulla bolletta dell’energia elettrica.

Solitamente  nel condizionatore ci sono due filtri: uno a carbone per combattere gli odori ed uno ad aria per l’eliminazione della polvere.

La pulizia va effettuata ogni settimana durante il periodo d’uso seguendo le istruzioni di fabbrica riportate sul libretto.

Di solito si consiglia di effettuare una prima pulizia dei filtri con l’aspirapolvere ( dopo averli estratti dall’apparecchio ), per poi lavarli in acqua saponata ad una temperatura non superiore a 40 gradi e non usando mai solventi e diluenti.

Bisogna  far asciugare i filtri all’ombra e inserirli al loro posto solo se sono completamente asciutti.

In caso di usura vanno cambiati prima di un ulteriore uso del condizionatore.

12) La pulizia va fatta  comunque e sempre prima del periodo annuale di utilizzo e alla fine dello stesso.

13) Se permangono cattivi odori, questo potrebbe essere dovuto a  parti metalliche e a  particelle depositatesi all’interno: in questo caso è necessario rivolgersi a un tecnico specializzato.

14) Tenere sempre sgombre le griglie dalla polvere.

15) Il mobile esterno va lavato con una spugna imbevuta di acqua e sapone e poi strizzata, evitando, anche in questo caso, di usare alcool e solventi che potrebbero danneggiare la vernice.

Asciugare poi bene con un panno di cotone pulito.

16) Se si prevede un lungo periodo d’inutilizzo è bene riporre l’apparecchio in un ambiente asciutto, coperto da un sacchetto di plastica per proteggerlo dalla polvere.

Per concludere, una ” dritta” per risparmiare e non sprecare l’acqua che si raccoglie nella vaschetta a causa del processo di condensa: la si può benissimo riciclare per annaffiare le piante, specie quelle acidofile.

Spero di essere stata utile con questi consigli  su come usare nel modo corretto il condizionatore portatile e assicurargli una lunga vita. 🙂

Credit photo: Your Best Digs for Flickr.com

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

4 commenti su “Uso del condizionatore portatile: 16 consigli

  1. Salve io ho un condizionatore portatile Trevi riverso 9 volevo sapere cosa serve il tappo che ho sull’apparecchio alla destra del condizionatore a cosa serve ??? Aspetto con ansia la vostra risposta

    1. Buonasera Thierry e grazie della visita.
      Purtroppo non posso aiutarti, perché non conosco quel tipo di condizionatore portatile e non posso sapere le funzioni del tappo di cui tu parli.Ma ti consiglio di rivolgerti direttamente al servizio clienti della Trevi (tel. 059 56 30 96) di Rimini negli orari di ufficio dei giorni feriali: sono certa che loro, essendo proprio i produttori dell’apparecchio che possiedi, potranno rispondere alla tua domanda. 🙂

  2. Salve volevo sapere se i condizionatori portati devono essere ricaricati col gas… Grazie

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro