Frittata di zucchine e cipolle alla genovese in padella

La frittata di zucchine e cipolle, piatto comunque saporito e sostanzioso, può diventare sublime nella sua semplicità se si aggiunge maggiorana fresca come indicato in questa ricetta tipica della Liguria.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

La frittata di zucchine e cipolle alla genovese si differenzia da quella classica della cucina italiana a base di uova e dei due ortaggi  fatti cuocere in padella per l’aggiunta di maggiorana fresca tritata, pianta aromatica largamente coltivata negli orti liguri e usata dagli abitanti della regione per esaltare le preparazioni che prevedono l’impiego di uova e verdure e per dare il caratteristico profumo a piatti di vario genere.

La ricetta, di facile e rapidissima realizzazione in cui è possibile impiegare pure la parte interna delle zucchine che viene scartata quando le si fanno ripiene, è l’ideale quando si ha poco tempo per stare ai fornelli, ma si vuole lo stesso portare in tavola un piatto gustoso e nutriente che può essere consumato come pietanza o antipasto.

La frittata di zucchine e cipolle genovese, fatta rigorosamente in padella e non al forno come si usa cuocerla in varie località italiane, è buonissima sia che venga consumata calda sia fredda e la si può anche gustare fuori casa, come pranzo veloce in ufficio o in occasione di un picnic, e impiegare per farcire panini e simili.

Se, come a me, ti piace che la frittata in padella riesca ben abbrustolita fuori e morbida dentro come quella in fotografia, al posto di una padella antiaderente usane una in ferro che facilita la formazione della crosticina in superficie.

Per diminuire l’apporto calorico del piatto (380 kcal circa a porzione) ed ottenere una frittata di zucchine e cipolle light, puoi omettere il formaggio, ridurre la quantità di olio e impiegare solo 4 uova invece che 8, ma, in quest’ultimo caso, riduci anche il dosaggio delle verdure in proporzione.

Ingredienti per 4 persone:

400 grammi di zucchine

2 cipolle

8 uova fresche

2-3 cucchiai di olio extravergine di oliva

60 grammi di parmigiano

1 cucchiaino di maggiorana fresca tritata

1 cucchiaio di prezzemolo tritato

sale e pepe q.b

Preparazione della frittata di zucchine e cipolle alla genovese

Togli le estremità alle zucchine, sciacquale sotto il getto d’acqua fredda, scolale, asciugale e tagliale a rondelle.

Leva la pelle alle cipolle, lavale, asciugale, tagliale a metà e falle a fettine piuttosto sottili.

Metti le cipolle affettate in una grossa padella antiaderente con 2-3 cucchiai di olio EVO e falle appassire, mescolandole con il cucchiaio di legno, a fiamma bassa per circa 4-5 minuti fino a quando saranno diventate traslucide.

Cipola soffritta poco per renderla più digeribile

Poi aggiungi le zucchine, insaporisci con il sale, aggiungi 1 cucchiaio di prezzemolo tritato, copri con il coperchio e  continua a cuocere a fuoco moderato per 6-7 minuti.

Mescola le verdure di tanto in tanto per evitare che scuriscano troppo e, se necessario, aggiungi un po’ di acqua bollente o di brodo vegetale ben caldo, facendo attenzione a non unire troppo liquido, perché dovranno risultare asciutte una volta che la cottura sarà terminata.

Uova sgusciate nella ciotola

Nel frattempo, sguscia le uova in una ciotola capiente e sbattile con la forchetta assieme a 2 cucchiai di acqua (trucco di mia nonna Ada per fare rimanere la frittata di zucchine e cipolle baveuse al suo interno).

Aggiungi, quindi, il parmigiano grattugiato e la maggiorana tritata, aggiusta di sale e di pepe e mescola con cura il tutto affinché gli ingredienti si amalgamino bene tra di loro.

Versa il composto di uova nella padella contenente le verdure fatte insaporire e cuoci la frittata per circa 4-5 minuti a fuoco basso.

Controlla la cottura alzandone con delicatezza il bordo con la spatola da cucina e, quando vedrai che avrà assunto una bella  colorazione bruno-dorata, girala con l’aiuto di un piatto piano e falla cuocere dall’altro lato per ulteriori 3-4 minuti.

Servi in tavola la frittata di zucchine e cipolle genovese calda, tiepida o fredda a tuo piacere, possibilmente, con un contorno di peperoni marinati e conservala in frigorifero, avvolta nella pellicola alimentare, per 2 giorni al massimo.

Se vuoi scoprire preparazioni che prevedono l’impiego di uova e verdure, dai un’occhiata anche a:

Credit photo uova sgusciate: Maxpixel.com

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro