17 consigli per migliorare l’isolamento termico in casa e risparmiare sulla bolletta

Potenziare al massimo l'isolamento termico della propria abitazione è importante per proteggerla dagli eventi atmosferici, evitando condensa, comparsa di muffe e inutili sprechi energetici: 17 consigli utili per migliorare la coibentazione della casa in cui si vive senza rinunciare al comfort.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Proteggere la propria casa dagli agenti atmosferici e, nel contempo, abbassare i consumi energetici, è un obiettivo perseguito da chi è attento al proprio benessere e vuole eliminare inutili sprechi.

Grazie alle moderne tecniche e alla fabbricazione di nuovi materiali coibenti all’avanguardia, tutto ciò è fattibile e potenziare l’isolamento termico di una abitazione è al giorno d’oggi ben più economico rispetto ai tempi passati.

L’isolamento, o coibentazione termica, consiste nel mettere in pratica tecniche di edilizia e varie procedure volte a ridurre al minimo lo scambio di calore tra l’interno e l’esterno di un edificio o di un appartamento per isolarlo dal freddo e ad evitare superflue e costose dispersioni di energia.

Come ottimizzare l’isolamento termico di una abitazione

Ecco 17 consigli che vi aiuteranno a migliorare sensibilmente il comfort abitativo della vostra casa e che vi permetteranno di risparmiare sui costi relativi al riscaldamento:

  1. Se avete intenzione di isolare il tetto o le pareti della vostra casa, l’idea migliore è quella di richiedere diversi preventivi a professionisti esperti in coibentazione e di fare svolgere il lavoro da quello che riterrete più competente e affidabile, dato che gli interventi da eseguire sono molto complessi e non è certo il caso d’improvvisarsi con il fai da te.
  2. Scegliete materiali ecosostenibili.
    Per la coibentazione interna o esterna di una casa è vantaggioso optare per prodotti naturali, sia perché il loro impatto ambientale è pari a zero sia per il fatto la loro qualità e resa sono ormai ottime grazie ai livelli attualmente raggiunti dalla tecnologia moderna.
  3. Cambiate le finestre.
    Sostituire gli infissi può rivelarsi molto utile, specialmente se sono obsoleti o presentano danni strutturali, come, ad esempio, vetri divelti, legno rovinato e malfunzionamenti nel meccanismo di apertura/chiusura.

    La soluzione ideale è quella di acquistare ed installare degli infissi a taglio termico configurati in maniera tale da essere i più efficienti.

    Anche le finestre a vetrocamera realizzate con doppio o triplo vetro, sono un’ottima alternativa.

  4. Rivolgetevi ad un esperto per avere informazioni sui possibili materiali da utilizzare per ottenere un buon isolamento termico del soffitto e delle pareti interne ed esterne, dato ne che esistono in commercio numerosi specifici allo scopo e un professionista serio e preparato saprà indicarvi quelli che reputa siano i migliori nel vostro caso specifico.
  5. Optare per quelli naturali, comporta un investimento oneroso, giustificato però dalla loro ottima resistenza, durata e dai benefici salutari derivanti da tale scelta.
  6. E’ possibile acquistare pannelli isolanti fabbricati in sughero, fibra di legno, cellulosa e lana di pecora.

    I materiali isolanti sintetici, ossia, quelli di produzione artificiale, sono molto buoni dal punto di vista tecnico, ma la maggior parte di questi deriva dal petrolio ed ha un importante impatto ambientale: il poliuretano ed il polistirene sono soltanto due dei numerosi materiali che rientrano in tale categoria.

    Infine, potete optare per gli isolanti minerali: pomice, lana di roccia e lana di vetro, il cui grande vantaggio è quello di essere ignifughi, impermeabili e altamente resistenti agli agenti atmosferici.

  7. Valutate che tipo di isolamento fa al caso vostro e se è meglio effettuare un isolamento esterno a cappotto o se è più conveniente isolare la vostra abitazione dall’interno.

    Se la metratura della casa è sufficientemente ampia, potete pensare di applicare alle pareti interne dei pannelli isolanti a basso spessore.

    Se, invece, lo spazio interno è molto piccolo, realizzare un cappotto esterno è la soluzione migliore.Camera da letto in mansarda con soffitto in legno coibentato

  8. Isolare il tetto ed il sottotetto è uno degli interventi più importanti da realizzare all’interno di un’abitazione per fare in modo sia termicamente confortevole al massimo e per evitare dispersione di calore e sprechi energetici.

    Anche in questo caso, si procede applicando dei pannelli isolanti per tetti sulle coperture.

    Nell’eventualità in cui il tetto sia realizzato in tegole di terracotta ed il solaio sia difficilmente raggiungibile, è possibile contattare ditte specializzate che provvederanno ad isolare completamente la struttura, inserendo al suo interno dei tubi che riempiranno gli spazi con una determinata quantità di isolante in schiuma.

  9. Spesso bastano dei piccoli accorgimenti per cambiare in meglio l’isolamento di un ambiente ed aumentarne il comfort abitativo.

    Se non avete ancora sostituito le finestre, potete utilizzare dei rimedi temporanei molto efficaci, come ad esempio, acquistare dei tendaggi pesanti, applicare ai vetri delle protezioni ed utilizzare paraspifferi e guarnizioni specifiche.

  10. Se nella vostra casa sono presenti serrande o tapparelle, la prima cosa a cui pensare è isolare i cassonetti.

    Infatti, anche se questi elementi sono di dimensioni piuttosto ridotte, la dispersione di calore che causano è assai notevole.

    Per il corretto isolamento dei cassonetti è possibile optare ancora una volta per i pannelli isolanti, specie quelli chiamati ” pannelli accoppiati “, costituiti da cartongesso e altri materiali coibentanti, in grado di ridurre il rumore proveniente dall’esterno per il fatto che sono anche fonoassorbenti e fonoisolanti: basterà applicarli su tutta la struttura per usufruirne dei vantaggi.

  11. Prestate attenzione alla circolazione dell’aria all’interno degli ambienti durante i mesi freddi, dato che aprire una finestra per il ricambio dell’aria, soprattutto in inverno, equivale a sprecare parecchia energia termica.

    Tuttavia, è impensabile non far circolare all’interno della propria casa dell’aria pulita e salubre.

    La soluzione?

    Arieggiare gli ambienti di prima mattina, quando i termosifoni sono ancora spenti.

    Oltre ad un maggiore comfort interno, avrete il vantaggio di consumare molto meno e alleggerire la bolletta del riscaldamento in modo consistente.

  12. Applicate dei pannelli riflettenti dietro ai radiatori.
    Questa semplice tecnica consente di coibentare casa dall’interno economicamente, di risparmiare energia e di evitare la dispersione del calore all’esterno.
  13. Nella ristrutturazione della vostra casa utilizzate materiali con caratteristiche isolanti che possano rendere ancora più efficiente la coibentazione: intonaci traspiranti, deumidificanti, resine epossidiche e materiali in grado di arginare la condensa.
  14. Isolate le intercapedini di casa.
    Per questo intervento è opportuno affidarsi a personale esperto, in quanto, sicuramente, non avrete a disposizione l’attrezzatura necessaria per inserire il materiale isolante all’interno dei fori nelle pareti.

    Tale operazione si esegue, infatti, per mezzo dell’insufflaggio, una tecnica professionale specifica che consente di raggiungere anche i punti più difficili di un edificio.Come realizzare un controsoffitto originale in un salotto

  15. Realizzate un controsoffitto.
    In commercio esistono prodotti predefiniti, spesso realizzati in EPS, in polistirene espanso o XPS e in polistirene espanso estruso.

    Questi materiali isolanti svolgono egregiamente il loro compito, in quanto resistono bene agli agenti atmosferici (in particolare all’umidità), sono leggeri e stabili, hanno un’ottima conducibilità termica e sono perfetti per essere applicati su svariati tipi di strutture.

  16. Acquistate un deumidificatore fisso o portatile (rispetto al primo, il secondo richiede una più facile manutenzione) per la regolazione dell’umidità  interna.

    Questo semplice sistema, oltre a risolvere i problemi di isolamento, è utilissimo anche per contrastare l’umidità e l’insorgere della muffa e, di conseguenza, l’aria di casa sarà più salubre.

  17. Isolate i camini con dei rivestimenti: la coibentazione dei camini, in particolare modo dei condotti fumari, è molto importante, soprattutto se vivete in zone con un clima molto freddo ed umido.

    La soluzione ideale per l’isolamento termico di un camino è l’utilizzo di materiali isolanti come la lana di vetro a fibre.

Seguendo questi consigli sarà possibile ottimizzare l’isolamento termico della vostra abitazione, diminuendo gli sprechi energetici, rispettando di più l’ambiente e, cosa non meno importante, spendendo molto meno in bolletta!

Se volete scoprire altri modi per risparmiare energia senza rinunciare al comfort, date un’occhiata anche a:

Credit photo: Pexels.com

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro