Spaghetti alla chitarra fatti a mano

Come preparare gli spaghetti alla chitarra a mano, seguendo passo per passo le indicazioni della ricetta tipica dell'Abruzzo.

Gli spaghetti alla chitarra, chiamati anche maccheroni alla chitarra o tonnarelli, sono un formato tipico di pasta fresca all’uovo della cucina abruzzese e della zona di Foggia, dove si chiamano troccoli.

In Abruzzo vengono generalmente serviti accompagnati dal ragù per i maccheroni alla chitarra a base di carne, ma sono anche presentati in tavola con sughi a base di cacciagione, come la salsa di lepre e il ragù di cinghiale.

Questo tipo di pasta, a sezione quadrata, è facilmente reperibile in commercio già pronta, ma, se sapete fare la pasta a mano, vi consiglio di cimentarvi nella preparazione degli spaghetti alla chitarra fatti in casa: il sapore …è tutta un’altra cosa. 🙂

Provate e mi direte!

Ingredienti per 6 persone:

6 uova fresche;
2 tuorli d’ uovo;
600 grammi di farina bianca;
1 cucchiaio di olio di oliva;
1 cucchiaio di burro fuso;
4 foglie di salvia fresca;
semolino q.b;
formaggio parmigiano grattugiato q.b;
sale q.b.

Preparazione degli spaghetti alla chitarra fatti manualmente in casa

Mettete la farina ” a fontana” sulla spianatoia di lavoro , fate il buco al centro e sgusciatevi dentro le uova intere più i due tuorli privati dell’albume ( lo si può conservare e riutilizzare), unendo anche un pizzico di sale e il cucchiaio d’olio.

Poi impastate il tutto con le mani e lavorate fino all’ottenimento di un composto omogeneo e privo di grumi.

Fatene una palla, copritela con la pellicola trasparente alimentare e lasciate riposare per 1 ora.

Tirate poi  la pasta con il mattarello ( o con l’apposita macchina per fare la pasta ) fino ad avere una sfoglia spessa circa 3 millimetri.

Prendete la rotellina apposita e utilizzatela per ottenere delle striscioline della lunghezza di 12 centimetri circa da tagliare poi col tagliapasta in modo di ricavare dei tagliolini molto simili a grossi spaghetti.


Potete anche usare la cosiddetta ” chitarra “, apposito telaio in legno, provvisto di fili di acciaio tesi a distanza regolare, generalmente reperibile nei negozi di casalinghi ben forniti.

Cospargete poi i maccheroni che avrete ottenuto con del semolino per evitare che si attacchino fra loro e lasciateli riposare, distanziati, su un piano posto in un luogo ventilato e fresco.

Mettete una pentola capiente sul fuoco con l’acqua, portate ad ebollizione, aggiungete il sale grosso, buttatevi dentro gli spaghetti e cuoceteli al dente.

Quindi aggiungete un bicchiere di acqua fredda per interrompere la cottura, scolate la pasta e mettetela in una zuppiera capiente, unite subito il ragù o  altri sughi adatti agli spaghetti alla chitarra o condite semplicemente con burro fuso caldo insaporito con foglie di salvia fresca, spolverizzando poi i maccheroni alla chitarra fatti a mano con formaggio Parmigiano grattugiato.

credit photo: Fugzu for Flickr.com

Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti su “Spaghetti alla chitarra fatti a mano

  1. Ehiehiehi, manco a farlo apposta io sono per metà abruzzese e per metà foggiano 🙂
    I troccoli sono molto più spessi della chitarrina abruzzese, diciamo che sono simili ai maccheroni alla mugnaia, come spessore. La chitarrina è più sottile, e in Abruzzo si accompagna con le “pallottine”, ossia piccole polpettine di carne inondate di sugo. E’ il pranzo delle festività o il piatto tipico da gustare nei ristoranti caserecci 🙂

    Moz-

    1. Lo so che sei un buongustaio, Moz, e la cucina abruzzese, secondo me è la migliore.Io avevo una nonna, nata in Abruzzo, che sapeva un sacco di ricette.Aveva anche “rivisitato ” il ragù di carn abruzzese: lo pubblicherò e mi dirai cosa ne pensi 🙂

      1. Certo!! Non vedo l’ora **
        W le nostre regioni, che sono sempre ricche di cultura enogastronomica 🙂

        Moz-

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook