Cacio e pepe alla romana: i trucchi per farlo alla perfezione

Il cacio e pepe è un condimento tipico romano per preparare la pasta in modo succulento: alcuni semplici trucchi da mettere in pratica per farlo riuscire al meglio.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Coda alla vaccinara, scottadito, supplì, carciofi alla giudia, spaghetti all’amatriciana e pasta alla carbonara sono, a buon ragione, i piatti tipici regionali che hanno fatto conoscere in tutto il mondo la cucina romana.

Ma la preparazione laziale per eccellenza  è il cacio e  pepe e…..non potrebbe proprio essere altrimenti! 🙂

Sere fa ero a cena da amici a Roma e il  cuoco di famiglia ( noto per la sua bravura in cucina )  era a conoscenza della predilezione che ho sempre avuto per il cacio e pepe: naturalmente me lo sono trovato in tavola, profumato e delizioso come mai mi è capitato di mangiarlo. 🙂

Alla fine della piacevolissima serata mi ha dato alcuni preziosi suggerimenti e i suoi trucchi segreti per preparare il cacio e pepe al meglio.

Innanzitutto, secondo lui, grossi spaghetti di buona qualità sono il formato più adatto, in quanto, a suo avviso, i bucatini trattengono troppo condimento: non so se è vero, ma il piatto,  preparato con gli spaghettoni, era davvero eccellente.

Bisogna adoperare il pecorino romano, evitando l’impiego di quello sardo, che, se pur eccellente anch’esso, è poco adatto nel caso specifico della pasta al cacio e pepe.

L’aroma del pepe non deve soverchiare quello del formaggio e bisogna stare attenti nei dosaggi, pur facendoli seguendo il proprio gusto personale, per ottenere  un condimento equilibrato in aroma e sapore.

Occorre mantecare molto in fretta, in quanto il processo di amalgama impiega maggior tempo se avviene fuori dal fuoco, ma non si deve mai mescolare pasta e crema di cacio sulla fiamma per sveltire la cosa.

Gli ingredienti per 4 persone sono:

  • 400 grammi di pasta secca del formato preferito;
  • 200 grammi di formaggio grattugiato ( 6 parti di pecorino e 4 di parmigiano reggiano );
  • 20 grammi di pepe nero in grani e sale fino.

Come fare un cacio e pepe alla romana degno del suo nome

Per prima cosa, occorre farsi grattugiare finemente dal formaggiaio pecorino e parmigiano reggiano, da conservare poi in frigorifero o in congelatore prima dell’uso

Anche se molti affermano il contrario, il condimento va preparato a parte, mentre la pasta cuoce: in una casseruola, possibilmente di terracotta, si mettono il 60 per cento di formaggio pecorino ed il 40 per cento di parmigiano reggiano, il pepe nero ( precedentemente scaldato e sminuzzato finemente nel mortaio ), un po’ di acqua di cottura della pasta.

Poi si mescola con un cucchiaio di legno, fino all’ottenimento di una crema densa e senza grumi.

 

Se la salsa è troppo densa, si aggiunge ancora acqua di cottura calda all’occorrenza.

Una volta che la pasta è al dente, occorre scolarla (tenendo da parte la sua acqua) e passarla qualche secondo sotto l’acqua fredda; infine la si versa nella casseruola e si amalgama il tutto, mantecando molto rapidamente con il cucchiaio di legno.

 

Se la crema di cacio e pepe è troppo liquida si aggiunge formaggio grattugiato; se invece è troppo densa, si deve diluire con ancora un po’ d’acqua di cottura calda.

Ieri ho preparato il cacio e pepe seguendo questi accorgimenti, anche se, trovandomi all’estero, non erano disponibili parmigiano e pecorino da grattugiare al momento ed ho usato il Granmix Ferrari.

Il risultato è risultato ugualmente più che buono (anche se non ottimale come sarebbe stato se avessi usato formaggi semistagionati DOC grattugiati al momento ), ma anche se mi mancavano i formaggi giusti, avevo una gran voglia di cucinare il piatto al più presto per mettere in atto i trucchi del superlativo cacio e pepe del mio amico romano.

E poi, cosa che non guasta certo, il gustoso ed allegro cacio e pepe è un piatto veloce, semplice da preparare ed economico.  😉

Se ti piacciono i primi piatti asciutti della cucina laziale, dai un’occhiata anche a:

credit photo: Flickr. com by Naotake Murayama

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro