Pasta Primavera con pomodoro e basilico a crudo

Come fare la pasta Primavera col pomodoro fresco, sano e gustoso primo piatto estivo per eccellenza da consumare caldo o freddo secondo il proprio gusto.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Sapete che vi dico? Che, secondo me, ” gira che ti rigira” il pomodoro resta sempre il condimento per eccellenza della pasta, corta o lunga che sia e di tutti i formati, e oggi voglio proporti un primo piatto sano, facile a farsi e per me sublime nella sua semplicità: la pasta Primavera al pomodoro fresco, da servire in tavola calda o, se si preferisce, fredda in insalata.

Siamo in piena estate, in questi giorni il caldo è veramente torrido e l’afa mi toglie un po’ l’appetito, ma non……la mia ” voglia di pasta “.

Sarò un’italiana ” pastasciuttara “, ma sento il bisogno della pasta, del suo sapore di frumento, del sottile aroma che sprigiona mentre la si scola, della sua consistenza, del senso di appagamento che provo mentre la mangio: insomma, io non posso e non voglio fare a meno dell’italica pasta…al pomodoro, naturalmente! 🙂

Oggi, per non smentirmi mai, ho appunto cucinato la pasta col pomodoro a crudo e il basilico, preparazione tipicamente estiva e del tutto vegetariana, in grande abbondanza per il pranzo leggero di mezzogiorno e, anche se i miei ospiti, stremati dalla calura, non mostravano certo appetito all’inizio del pasto, vi posso assicurare che l’hanno proprio gradita, visto che è  andata a ruba letteralmente e non ne è avanzata neanche un po’. 😉

La pasta Primavera, di facilissima e rapidissima preparazione,  oltre ad essere  buonissima, è il classico primo piatto dei single  che, pur avendo poco tempo  o voglia di cucinare, amano consumare cibi sani.

Ingredienti per 4 persone:

400-450 grammi di pasta secca del formato desiderato;
2 spicchi di aglio;
8-9 pomodori San Marzano sodi e maturi;
olio extravergine di oliva q.b
basilico fresco q.b
sale q.b

Preparazione della pasta Primavera al pomodoro crudo e basilico

Ecco come l’ho cucinata io oggi:

dapprima ho scottato in acqua bollente i pomodori San Marzano maturi, li ho pelati, ho tolto i semi e li ho fatti a pezzetti.

Poi li ho messi in una ciotola con il loro sugo di vegetazione assieme agli spicchi d’aglio tagliati in 4, foglie di basilico fresco, un pizzico di sale fino e olio extravergine d’oliva; ho mescolato la salsa primavera con un cucchiaio di legno e l’ho lasciata riposare per 1 ora in frigorifero.

Salsa a crudo di pomodoro, basilico ed aglio fatta riposare

Fare insaporire bene il condimento è il trucco fondamentale per riuscire ad ottenere una pasta primavera degna del suo nome ( lasciate riposare la salsa di pomodoro crudo e basilico se volete che il piatto riesca perfetto).

Ho poi cotto al dente la pasta (ho usato le penne ), l’ho scolata e ho tenuto da parte un po’ di acqua di cottura.

Ho preso una casseruola capiente, vi ho versato dentro una parte di pasta, poi una di sugo, poi ancora pasta e ancora sugo fino alla fine degli ingredienti.

Poi ho acceso il fuoco a fiamma bassissima ed ho mescolato bene il tutto con l’aggiunta di acqua di cottura e olio extravergine di oliva per qualche decina di secondi ( non di più, dato che la salsa Primavera non deve assolutamente cuocere) ed ho servito in tavola la pasta nei singoli piatti.

Per rendere l’aglio meno pesante, si può levare il germoglio verde all’interno prima di tritarlo o adoperare gli spicchi interi solo per insaporire il condimento, eliminandoli solo prima dell’effettivo consumo.

Come scrivevo all’inizio del post, anche l’insalata di pasta Primavera fredda è buonissima (e particolarmente stuzzicante se si aggiunge della mozzarella tagliata a dadini), ma non bisogna usare una salsa di pomodoro fresco e basilico che sia stata in frigorifero per più di 8 ore, dato che potrebbe conferire al piatto un retrogusto acido.

Se fa caldo e siete alla ricerca di idee per presentare in tavola dei primi piatti adatti al clima estivo, date un’occhiata anche a:

 

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro