Ketchup fatto in casa: 4 varianti facili e genuine

Fare il Ketchup in casa è facile: 4 ricette ( l'originale, la rapidissima, la versione senza spezie e qulla priva di olio ) per preparare la famosa salsa rossa con ingredienti genuini e senza conservanti, sapendo cosa ci metti dentro e risparmiando.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Oggi voglio darvi 4 ricette per preparare in casa il Ketchup, la salsa sfiziosa e immancabile, almeno per me, in accompagnamento di patatine fritte, hamburger, hot dog e di tanti altri piatti veloci o “di riciclo”.

Vi chiederete se esistono ragioni valide per fare il Ketchup a casa, quando è possibile trovarlo bello e pronto sugli scaffali di qualsiasi supermercato e risparmiare tempo e fatica comprandolo già fatto.

Perché fare il Ketchup in casa?

La prima ragione è che il Ketchup di autoproduzione è buonissimo e racchiude tutto il sapore degli ingredienti naturali e l’aroma delle spezie con cui è fatto.

La seconda: avete mai letto le etichette dei Ketchup industriali? Fatelo e vi prenderete paura non poche volte. 😉

Infatti spesso e volentieri si trovano addensanti, conservanti, pomodori e ingredienti di non meglio identificata origine e schifezze varie, che serviranno pure a dare quel particolare “gustino” alla salsa rossa più amata al mondo dopo il sugo al pomodoro, ma che non costituiscono certo il non plus ultra per la salute, specie di quella dei bambini che solitamente ne vanno matti.

Non voglio certo creare allarmismi e so bene che esistono Ketchup già pronti di buona qualità e biologici preparati con ingredienti “giusti”, ma vi consiglio caldamente la lettura del post sul Ketchup e i rischi per la salute sulla Guida del Consumatore, piuttosto obiettivo, ma….che mette in guardia. 🙂

La terza ragione per preparare in casa questa famosa salsa agrodolce è conseguenza della secondo motivo: dato che quella industriale fatta bene e con ingredienti sicuri costa di solito parecchio, farsela da soli è anche un modo per risparmiare in cucina. 🙂

Proprio pensando al benessere di bambini ( ho un nipotino che è letteralmente avido di junk food e di salse “spazzatura” e per limitare i danni preparo per lui anche vagonate di Nutella fatta in casa e di maionese a mano ) ed adulti, vi propongo 4 versioni diverse per preparare il Ketchup fai da te da soli e ….sapendo cosa ci si mette dentro. 😉

La prima è la ricetta originale del Ketchup nel vero senso della parola: si tratta di quella che Sandy Addison pubblicò per prima nel 1801 sul libro americano di cucina Sugar House Book ( come la maggior parte delle ricette di un tempo non fornisce le dosi esatte e la spiegazione del procedimento è un poco approssimativa, ma ritengo comunque utile pubblicarla per quei lettori che amano ricercare le prime versioni e sperimentarle ).

La seconda è rapidissima e fornisce le indicazioni su come fare il Ketchup “d’emergenza”, la terza è fatta con pomodori freschi e completamente priva di spezie ( anche se il peperoncino ci starebbe benissimo ) e particolarmente adatta ai piccini proprio per questo; la quarta è, invece, un Ketchup speziato e fatto senza l’uso di olio.

Premetto subito che non dovete aspettarvi di ottenere sapori uguali a quello del “Tomato Ketchup“, che la Heinz produce dal lontano 1876, o delle salse industriali concorrenti dello stesso, ma sono sicura che apprezzerete queste varianti fatte con ingredienti genuini, il cui gusto, peraltro buonissimo, ricorda quello del Bagnet ros piemontese ( condimento per il bollito a cui si ispirò la Cirio quando mise in produzione la “Salsa Rubra”, il Ketchup in versione italiana e che io, in sostanza, preferisco a quello anglosassone.

Per conservare la salsa suggerisco di usare sempre recipienti e bottiglie di vetro ( non so la ragione, ma, come succede anche con le bevande, risulta più buona al gusto ) e di eseguire la sterilizzazione se non la si consuma subito.

Salsa Ketchup originale secondo le indicazioni di Sandy Addison

La ricetta è stata pubblicata ai primi dell’Ottocento ed è scritta come le ricette del tempo: consiglio a chi vuole cimentarsi a seguirla di fare delle prove con piccole quantità.

Raccogliete i pomodori in una giornata asciutta, assicurandovi che siano ben maturi; poi spremeteli con l’aiuto delle mani e continuate a spappolarli fino a quando saranno ridotti in poltiglia.

Poi mettete un centinaio di pomodori in una pentola capiente ( N.d.R le pentole dell’epoca dovevano essere davvero “molto capienti” 🙂  ) con 1/2 chilo di sale e fate bollire per 2 ore circa, mescolando spesso per evitare che brucino.

Trascorso questo tempo, pressateli al setaccio quando sono ancora caldi per eliminare la pelle, raccogliendo polpa e sugo in una ciotola ( N.d.R anch’essa “capiente” ) ed aggiungete 3 noci moscate grattugiate, chiodi di garofano, cannella, peperoncino, zenzero e pepe a piacere.

Rimettete il tutto sul fuoco e fate fino a quando la salsa si sarà addensata, mescolando per tutto il tempo della cottura.

Aspettate che il composto si raffreddi del tutto prima di travasarlo nelle bottiglie di vetro.

Con un centinaio di pomodori si riempiono da 4 a 5 bottiglie in cui conservare il Ketchup per 2 o 3 anni.

Ketchup velocissimo

A questa preparazione d’emergenza, utilissima nel caso che non si abbia Ketchup in casa e che lo si voglia comunque usare per insaporire patatine, carne fredda, etc., si può aggiungere del peperoncino per darle un gusto piccante.

Questa salsa rapida è particolarmente adatta ad accompagnare gli hamburger, ma, in tal caso, consiglio di aggiungere ancora un poco aceto quando è ormai fredda, perché il segreto di una salsa da hamburger perfetta sta nell’alto tenore di acidità della stessa, in grado di fare da contrasto al sapore pieno della carne.

Cercate di usare concentrato di pomodoro fatto in casa o, comunque, di ottima qualità.

Diminuite o aumentate la dose di acqua a seconda della densità che desiderate ottenere.

Ingredienti:

300 grammi di concentrato di pomodoro;
100 millilitri di acqua;
1 cucchiaio di aceto di vino bianco;
1 cucchiaio di aceto balsamico ( o meno, a seconda dell’intensità dello stesso );
1 cucchiaino di zucchero;
1/2 cucchiaino di sale;
1/2 cucchiaino di senape;
1/2 cucchiaino di aglio in polvere;
1/2 cucchiaino di peperoncino ( facoltativo ).

Procedimento

Mettete tutti gli ingredienti nel mixer, versate l’acqua a poco a poco mentre la salsa frulla e…..in pochi minuti il Ketchup rapidissimo sarà pronto.

Lo potete conservare, coperto e chiuso ermeticamente, in frigorifero per 3 giorni.

Ketchup senza spezie

Ingredienti:

8 pomodori sodi e maturi;
1 costa di sedano;
1 carota;
1 cipolla;
2 spicchi d’aglio;
8 cucchiai di olio extravergine di oliva;
2 cucchiai di aceto di vino rosso di buona qualità;
2 cucchiai di zucchero;
sale q.b.

Procedimento

Lavate i pomodori, scottateli brevemente in acqua bollente ( questo passaggio serve per far venir via la pelle in modo più facile ), spellateli, tagliateli a metà, eliminate accuratamente i semi e teneteli da parte.

Mondate le verdure, lavatele, tritatele assieme e fatele appassire in una casseruola dal fondo spesso a fuoco dolce e, una volta che saranno lievemente imbiondite, aggiungete i pomodori fatti a pezzi, i 2 cucchiai di zucchero, i 2 di aceto e il sale.

Fate cuocere il tutto a fiamma dolce, mescolando di tanto in tanto col cucchiaio e legno e controllando che non si attacchi al fondo; togliete dal fuoco quando la salsa si sarà addensata e “consumata” a sufficienza.

Frullate, unite l’olio rimanente, mescolate, imbottigliate, chiudete ermeticamente e conservate la salsa in frigorifero.

In caso non abbiate intenzione di usare il Ketchup subito, occorre sterilizzare i contenitori prima di conservarli in dispensa o in un luogo fresco e asciutto.

Ketchup light alle spezie senza olio

Ingredienti:

1 chilo di passata di pomodoro;
800 grammi di cipolle;
1/2 chilo di zucchero;
220 grammi di aceto di vino rosso;
4 chiodi di garofano;
2 cucchiaini di senape in polvere;
2 cucchiaini di zenzero in polvere;
2 cucchiaini di sale fino;
1 cucchiaino di paprika;
1 cucchiaino di noce moscata in polvere.

Procedimento

Mondate le cipolle, lavatele e riducetele e fette sottili.

Mettete la passata di pomodoro in una pentola capiente ( possibilmente in una casseruola di terracotta ), aggiungete le cipolle e fate cuocere la base del Ketchup casalingo per circa 30 minuti.

Levate dal fuoco e passate la salsa al passaverdure o al mixer.

Aggiungete lo zucchero e l’aceto e continuate la cottura per una ventina di minuti circa.

Unite poi le spezie e il sale e fate ancora cuocere per un’ altra decina di minuti.

Mettete il Ketchup nelle bottiglie di vetro, chiudete ermeticamente con tappi nuovi e puliti e sterilizzate la salsa se volete conservarla a lungo.

Bene, per oggi ho finito, ma mi è venuta in mente ancora una cosa che non vi ho detto prima e vi suggerisco per ultimo d’inserire il Ketchup fatto in casa tra le salse per accompagnare le carni fredde e il bollito misto all’italiana: vi leccherete i baffi e lo stesso faranno i vostri commensali. 🙂

credit photo: Flickr.com by Richard Gillin

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro