Frittura di gamberi e verdure in pastella senza uova alla birra

L'appetitosa ed allegra frittura di gamberi e verdure passati in una pastella alla birra fatta senza uova è la versione italiana della tempura giapponese, ugualmente croccante e leggera pur essendo di più semplice realizzazione.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il fritto di gamberi e verdure in pastella senza uova che ti propongo oggi è una via di mezzo tra quello della cucina giapponese che prevede tassativamente l’uso della pastella fatta con tuorli o albumi e quello mare-terra classico italiano in cui crostacei e ortaggi vengono fatti cuocere nell’olio bollente al naturale o leggermente infarinati.

Ho scelto questa ricetta dei gamberi fritti e verdure, diversa dalle solite e in cui si adopera una pastella di birra, farina e olio e completamente priva di uova, perché, pur essendo di più semplice realizzazione rispetto a quella della tempura di gamberoni e ortaggi che richiede una certa perizia nel preparare la pastella ghiacciata e ariosa tipica delle fritture della cucina del Sol Levante, permette di ottenere lo stesso una frittura perfetta e leggera particolarmente croccante che non si riesce ad ottenere con la sola infarinatura degli ingredienti.

Per la realizzazione della gustosissima e allegra pietanza ( o piatto unico con un contorno di riso in bianco al forno a parte) che si può definire una tempura di gamberi e ortaggi all’italiana adatta a qualsiasi periodo dell’anno, puoi anche usare gamberoni, mazzancolle o pure code di gamberi surgelati, ma l’importante è impiegare un prodotto ittico di buona qualità e verdure di stagione che siano saporite e non acquose.

Pastella alla birra per fritture della giusta densità

Le dosi sono modificabili a piacere a seconda dell’ “appetito” dei commensali, ma ti raccomando di rispettare le proporzioni tra gli ingredienti e di usare birra fredda di frigo nella preparazione della pastella in modo che risulti della giusta densità e riesca alla perfezione anche senza l’impiego dell’uovo.

Esecuzione della ricetta: facile

Tempo occorrente: 15 minuti + 10 minuti di cottura

Costo: medio

Ingredienti per 4 persone:

20 gamberi

120 g di farina

200 ml di birra

1 cucchiaio di olio di semi

verdure fresche a scelta ( carote, melanzane, zucchine, cipolle, zucca, cavolfiore) q.b

olio di semi di arachidi q.b

sale q.b

Preparazione della frittura di gamberi e verdure in pastella alla birra

Coda di gambero fritto lasciata intatta

Leva testa e carapace ai gamberi, lasciando, però, la coda intatta per poi rendere facile mangiali con le mani; elimina il filetto intestinale nero al loro interno e pratica un’incisione sulla parte inferiore della polpa dei crostacei per evitare che si arriccino mentre friggono.

Monda gli ortaggi, lavali, scolali e, a seconda delle varietà scelte, falli a rondelle, bastoncini, anelli, fettine o dadini.

Poi procedi con la preparazione della pastella alla birra in questo modo:

  • versa la farina setacciata in una ciotola;
  • aggiungi la birra fredda di frigorifero poca alla volta, lavorando con la frusta da cucina;
  • unisci 1 cucchiaio di olio di semi e un pizzico di sale e amalgama bene il tutto.

Asciuga molto accuratamente le verdure tagliate con carta assorbente da cucina o con un canovaccio pulito e immergile nella pastella.

Falle, quindi, friggere, poche alla volta in abbondante olio caldissimo fino a quando avranno assunto un bel colore dorato in superficie.

Poi sgocciolale sulla carta da cucina, tamponale con un altro foglio della stessa per eliminare l’unto in eccesso e tienile da parte al caldo.

Tuffa anche i gamberi nella pastella e friggili nello stesso olio che hai usato per le verdure, aggiungendone un po’ se vedi che è il caso e assicurandoti che sia ben caldo, fino a quando anch’essi saranno diventati dorati.

Scolali come hai fatto con gli ortaggi e servi subito in tavola la frittura di gamberi e verdure, accompagnando l’appetitoso piatto con una salsa a parte, come quella bernese o il ketchup piccante, e con un vino rosé dal sapore asciutto e deciso, tipo il Rosato del Salento.

Se ti piacciono le fritture, dai un’occhiata anche a:

Credit photo coda di gambero fritto: Bong Grit for Flickr.com

Credit photo pastella: Wendy for Flickr.com

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro