Come cucinare il cavolo rosso in padella con il vino nel modo più facile e veloce

Il cavolo cappuccio viola in padella al vino è un contorno appetitoso, economico, salutare e che conferisce un piacevole contrasto cromatico ai cibi che accompagna: la mia ricetta rapidissima e semplicissima con il cumino.

Il cavolo rosso in padella al vino è un contorno gustosissimo, salutare e realizzabile anche con la verza viola che a me piace accompagnare con il filetto di maiale cucinato rapidamente nello stesso strumento di cottura, ma  che si sposa bene pure con diversi piatti di carne bovina, uova e formaggi, dando una nota cromatica e di allegria alla tavola.

Di solito si tende a cucinare raramente i cavoli a causa della puzza che sprigionano mentre sono sul fuoco e che è difficile da mandare via dagli ambienti dove si vive, ma è un vero peccato, perché tali ortaggi sono dei veri e propri superfood dai molteplici benefici per l’organismo umano.

Infatti le sostanze contenute nei cavoli rafforzano il sistema immunitario ( quasi quanto il limone, anch’esso ricco di vitamina C) e quello vascolare, combattono l’ipertensione ed hanno proprietà anticancerogene, antiossidanti e antiflogistiche talmente potenti che vale davvero la pena consumarli spesso ed abituare i bambini a mangiarli fin da piccoli.

Tieni presente anche il fatto che il cavolo cappuccio rosso, chiamato anche cavolo viola e crauto rosso o blu, buono anche crudo e ancora più salutare degli altri tipi, grazie alla considerevole concentrazione  di antociani, betacarotene, minerali e per l’elevato apporto di  ferro e vitamina A ( ne contiene il doppio e il decuplo rispetto alle altre specie di cavolo), ha un odore meno forte di quello delle cultivar sylvestris, byotris e sabauda appartenenti alla famiglia delle Brassicaceae e che l’aggiunta del vino e dell’olio ne rende l’ “ olezzo ” assai meno sgradevole.

Nella realizzazione di questo piatto, che ho scelto tra le tante ricette a base di cavolo rosso o verza viola perché è semplice a farsi ed è pronto in soli 30 minuti in tutto, si può usare vino bianco o rosso a seconda delle preferenze personali e della stagione (io uso impiegare il bianco, poiché trovo quello rosso troppo corposo e più adatto alla preparazione del cavolo con le mele): l’importante è sceglierne uno secco e di buon livello qualitativo.

Semi di cumino in ciotola metallica

Lo zucchero è facoltativo e ne va aggiunto solo un pizzico unicamente se si vuole dare al cavolo rosso al vino un leggero retrogusto agrodolce (per dargli un sapore decisamente agrodolce bisogna usare l’aceto e non il vino), mentre il cumino non lo è, perché è proprio tale spezia a conferire al piatto il particolare aroma che lo contraddistingue dai soliti crauti stufati (se non lo hai, puoi sostituirlo con del finocchietto essiccato).

Esecuzione della ricetta: molto facile

Tempo occorrente: 10 minuti + 20 minuti  di cottura

Costo: basso

 

Ingredienti per 4 persone:

1/2 cavolo cappuccio grosso ( o 1 piccolo)

1 bicchiere scarso di vino bianco secco ( o rosso non corposo)

1 cipolla piccola

4  g  di semi di cumino  ( o di finocchio) q.b

olio extravergine di oliva q.b

zucchero di canna (o semolato) q.b

sale q.b

Preparazione del cavolo viola in padella con vino bianco o rosso e cumino

Come tagliare il cavolo rosso a striscioline

Sciacqua il cavolo con acqua fredda, asciugalo bene, taglialo in due e poi in quarti, elimina la parte centrale dura e fallo a striscioline ( a me piacciono un po’ spesse, come vedi nella foto in alto, ma andrebbero tagliate sottilmente) con l’aiuto di un coltello affilato o di una mandolina.

Monda la cipolla, lavala, asciugala e tagliala prima per il lungo e poi a velo.

Fai scaldare un po’ d’olio EVO in una larga padella antiaderente, unisci la cipolla affettata e falla leggermente rosolare a fiamma bassa.

Quando la cipolla sarà appena imbiondita, unisci il cavolo, il cumino, il sale e l’ eventuale punta di zucchero e fai insaporire per 2-3 minuti, mescolando ogni tanto con il cucchiaio di legno.

Poi sfuma con il bicchiere di vino, aspetta che l’alcol evapori, aggiungi 1/2 bicchiere di acqua bollente e copri con il coperchio.

Fai stufare il cavolo rosso a fiamma dolce per 15-20 minuti, mescolando di tanto in tanto e aggiungendo ancora poca acqua bollente solo se vedi che il liquido di vegetazione rilasciato tende ad asciugarsi eccessivamente.

Quando l’ortaggio sarà cotto ma ancora croccante, fai rapprendere il sughetto a fiamma vivace se è troppo liquido, spegni il fuoco, mescola ancora una volta, lascia riposare il tuo gustoso cavolo rosso al vino nella padella  per 2-3 minuti e, infine, servilo in tavola fumante o tiepido a seconda del tuo gusto.

Il cavolo cappuccio così cucinato si può conservare in frigorifero per 2 giorni, ma non ti consiglio di congelarlo, perché potrebbe perdere molto del sapore e diventare molliccio e acquoso.

Altre idee di preparazioni salutari e appetitose a base di cavolo:

Credito foto semi di cumino: Bild von Ogutier per Pixabay.com
Credito foto cavolo rosso tagliato: congerdesign per Pixabay.com

Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenta con il tuo profilo Facebook