Ciambella dolce di riso e albicocche della nonna gluten free

Quella della deliziosa e fragrante ciambella di riso e albicocche, dolce dal costo contenuto e attualmente "cool" in America, è una vecchia ricetta di pasticceria casalinga che non prevede l'impiego di alimenti contenenti glutine: ingredienti, dosi, istruzioni e consigli per realizzarla perfetta.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Fino a qualche anno fa pensavo che le torte di riso potessero essere golose solo se salate, come quella famosa che si fa tradizionalmente in Liguria, ma poi ho scoperto nei miei esperimenti culinari che si possono preparare dolci di riso eccellenti a basso costo, come la ciambella di riso e albicocche, sfizioso e sano dessert senza glutine costituito da una corona fatta con il cereale cotto in latte zuccherato e aromatizzato con al centro i frutti del Prunus armeniaca sciroppati al momento, da consumare fredda a fine pasto, per merenda o con il tè.

Molto diffuso in Italia nei tempi passati, questo genuino e classico dolce della nonna era finito nel dimenticatoio, ma attualmente sta tornando ” di moda ” dopo che i pasticceri statunitensi lo hanno scoperto e fatto conoscere agli americani che lo hanno apprezzato a tal punto da essere stato inserito nei menù di parecchi dei migliori ristoranti a stelle e strisce.

Le classiche ricette di ciambelle dolci di riso prevedono quasi sempre l’uso di liquori e anche in questo caso si aggiunge un po’ di rum o di kirtsch per allungare la marmellata della decorazione, ma, se il dessert è destinato a bambini o a persone che non consumano alcolici, diluiscila con poca acqua.

Riso Carnaroli crudo

Adopera un riso superfino dai chicchi grossi e allungati, che sia adatto per la preparazione di corone a base del cereale, come il Razza 77, l’R.B. (che deve il nome al suo scopritore Renato Bersani) e il Carnaroli e albicocche sane e mature al punto giusto ( devono risultare al tatto ancora sode, ma senza parti molle).

Quando non è stagione ed è impossibile trovarle fresche, puoi impiegare albicocche sciroppate, peraltro usate nella preparazione nelle torte invernali al frutto tipico dell’estate e, se il dolce sarà di tuo gradimento dopo assaggiato, ti consiglio di sperimentarne la versione fatta con la marmellata di albicocche e zucca, dal sapore meno edulcorato e, secondo me, assolutamente da provare.

Puoi seguire questa ricetta della ciambella dolce di riso e albicocche anche usando al loro posto le pesche e la loro confettura: il dessert riuscirà ugualmente buonissimo, perché il procedimento è lo stesso, ma ti raccomando di rispettare i dosaggi indicati ( il calcolo è stato effettuato per uno stampo ad anello dal diametro di 22 cm) qualora decidessi di cambiare il tipo di frutta.

Attenzione: questo dolce, non contenendo farine di alcun genere, può essere tranquillamente consumato da chi è affetto da celiachia, ma, se non impieghi conserve di frutta fatte in casa da te che sai essere totalmente prive di glutine e preferisci adoperarne di già pronte, controlla l’etichetta per assicurarti che non ve ne sia traccia.

Esecuzione della ricetta: difficoltà media

Tempo occorrente: 45 minuti + 50 minuti di cottura + 480 di riposo

Costo: basso

Ingredienti per 4 persone:

1 stampo ad anello dal diametro di 22 cm

250 g di riso

125 g di zucchero

1/2 l di latte

100 g di burro

4 tuorli d’uovo

2 cucchiai di panna fresca

1 bacca di vaniglia ( o una bustina di vanillina)

1 presa di sale

per la salsa

350 g di marmellata (o di gelatina) di albicocche

3 cucchiai di rum (o di kirsch)

per la decorazione

1 kg di albicocche

300 g di zucchero

acqua q.b

Preparazione della corona di riso e albicocche priva di glutine secondo l’ originale ricetta della nonna

Per riuscire a ridurre al minimo i tempi necessari per l’ottenimento dell’anello di riso e albicocche, segui i vari passaggi nella sequenza indicata in modo di non perdere inutilmente minuti preziosi.

Cottura del riso

Sciacqua il riso sotto al getto d’acqua del rubinetto per eliminare una parte dell’amido contenuto, polvere ed eventuali impurità.

Scolalo,quindi, versalo in una pentola piena d’acqua in ebollizione e fallo cuocere per circa 3 minuti.

Nel frattempo, porta a bollore il latte assieme al baccello di vaniglia, che avrai inciso con un coltellino senza privarlo dei semini interni, un’altra casseruola possibilmente antiaderente e, non appena inizia l’ebollizione, buttaci dentro il riso precedentemente fatto scottare e scolato.

Come cuocere il riso nel latte

Copri a metà con il coperchio e fai cuocere a fiamma bassa per 35 minuti circa con una retina spargifiamma sistemata tra il fuoco e il recipiente, girando di tanto per fare in modo che i chicchi non si attacchino al fondo.

Quando saranno trascorsi 15 minuti, unisci un pizzico di sale e lo zucchero e, una volta terminata la cottura, aggiungi fuori dal fuoco prima il burro tagliato a cubetti, poi i tuorli d’uovo uno per volta e la panna per ultima, mescolando in continuazione e con delicatezza con il cucchiaio di legno.

Ungi di burro e spolvera con lo zucchero l’interno dello stampo, versaci dentro il composto, dal quale avrai tolto la bacca di vaniglia, e fallo raffreddare del tutto prima di metterlo a riposare in frigorifero per una notte (8-12 ore).

Preparazione delle albicocche allo sciroppo dolcificato

Albicocca con la buccia tagliata a metà e denocciolata

Fai bollire l’acqua con lo zucchero in una casseruola per 5 minuti e, nel mentre, lava le albicocche, scolale, e, senza levare loro la pelle, tagliale a metà ed elimina il nocciolo interno.

Poi aggiungile alla casseruola contenente lo sciroppo e metti il coperchio.

Porta nuovamente ad ebollizione e, appena questa comincerà, spegni subito il fuoco e lascia la frutta, sempre coperchiata, riposare nel suo liquido di cottura ben caldo fino a quando ti sarà possibile bucarla facilmente con un ago da cucina.

Lascia raffreddare completamente le albicocche e poi trasferisci anch’esse, immerse nella loro ” bagnetta “, nel frigorifero come hai fatto con il riso.

Assemblaggio della ciambella di riso e albicocche

Il giorno seguente, estrai lo stampo dal frigo e, capovolgendolo con decisione, sforma la corona di riso sul piatto di servizio.

Gelatina di albicocche in barattoli di vetro a molla aperti

Se usi la gelatina salta questo passaggio, ma, nel caso tu preferisca impiegare la marmellata, passala al passaverdure o a un colino a fori larghi per eliminare eventuali grumi e renderla liscia e omogenea.

Diluisci la conserva (confettura o gelatina che sia) con il liquore e un po’ di sciroppo di cottura delle albicocche per liquefarne un po’ la consistenza, mescolala bene e, servendoti di un cucchiaio, versala generosamente sulla superficie dell’anello di riso.

Sistema la frutta al centro e servi in tavola la ciambella di riso e albicocche, accompagnando il genuino e appetitoso dolce della nonna privo di glutine, se vuoi, con della panna montata a parte per la gioia del palato di grandi e piccini.

Se ti piacciono i dessert alla frutta, dai un’occhiata anche a:

Credit photo riso Carnaroli: Xavier Lastras for Flickr.com

Credit photo riso cotto nel latte: Tiia Monto for Wilimedia.org

Credit photo albicocca denoccolata: Af Mil

Credit photo gelatina di albicocche: RitaE for Pixabay.com

Credit video scelta albicocche: GreenMe

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro