Torta di riso alla genovese

La ricetta genovese della torta di riso salata con i consigli per prepararla e cuocerla al meglio.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

La torta di riso alla genovese, gustoso ed economico piatto della tradizione ligure che è ancora possibile trovare nelle ” Sciamadde , sembra una preparazione facile a farsi, ma in realtà non lo è poi tanto: bisogna avere particolari accorgimenti affinché riesca al meglio e non risulti né troppo secca né troppo morbida.

Confesso che finora non avevo scritto la ricetta, in quanto la mia torta di riso…..non mi ” convinceva ” del tutto (la cucina genovese sembra facile, ma non lo è), ma, dopo aver assaggiato quella di mia sorella e aver seguito i suoi consigli, adesso il piatto mi riesce benissimo e voglio condividere qui i trucchi  che ho appreso da lei per ottenere una torta di riso perfetta. 🙂

La Prescinsêua,Presciseua e Prescinsöa, si trova facilmente qui in Liguria, ma potete sostituirla con la cagliata se avete difficoltà nel reperirla; mi raccomando di non adoperare la ricotta, che rende secca la torta.

Ingredienti:

2 bicchieri colmi di riso Carnaroli;
2 uova;
2 cucchiai di olio extravergine di oliva;
1 confezione di Prescinsêua ( 250 grammi );
1 cucchiaio colmo di parmigiano;
1/2 litro di latte;
1/2 litro di acqua;
sale q.b;
pangrattato q.b.

Preparazione della torta salata di riso alla genovese

Mettete a bollire il latte e l’acqua insieme e, una volta raggiunto il bollore, aggiungete il sale e mescolate.

Tenete poi da parte mezzo bicchiere del liquido ( servirà poi se si deve ammorbidire  il composto per la torta di riso ) e aggiungete il riso che avrete precedentemente lavato e scolato.

Fate cuocere a fiamma bassa e, una volta che il riso è al dente, spegnete il fuoco e lasciatelo raffreddare: il riso assorbirà  il liquido mentre s’ intiepidisce.

Quando il riso è tiepido, aggiungete 2 cucchiai colmi di olio extravergine di oliva, mescolate e aspettate che si raffreddi.

Una volta che è diventato freddo del tutto, unite le uova, il parmigiano e la Prescinsêua e girate il composto con un cucchiaio di legno fino a quando sarà omogeneo e ben amalgamato.

Aggiungete il 1/2 bicchiere di liquido tenuto precedentemente da parte se vi appare non abbastanza cremoso.

Ungete l’interno di una teglia capiente con l’olio e versateci poi il composto, facendo in modo che lo spessore non sia più alto di un dito.

Livellate bene la torta di riso, spolveratela con il pane grattugiato (non deve formarsi il ” crostone “) e un filo di olio.

Preriscaldate il forno, infornate, fate cuocere per 20 minuti a 180° e, alla fine, fate grigliare la torta per 3 minuti.

La torta di riso alla genovese può essere servita calda o si può anche consumare fredda e si conserva, chiusa ermeticamente, per non più di 2 giorni in frigorifero.

La Prescinseua:

Credit photo: Fugzu for Flickr.com

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

6 commenti su “Torta di riso alla genovese

  1. Ciao cara, passo per un saluto e per gustare una fetta della tua deliziosa torta. L’ho cucinata anch’io qualche giorno fa ma non ho messo la prescinseua ma solo tanto grana. Che razza di genovese sono???
    baci

    1. Ciao Sabrina, sono felice di rileggerti.Eh eh….la prescinseua dà alla torta di riso…quel tocco in più 🙂

  2. Questa torta si mangia con gli occhi!!!!!! Vorrei provarla nella versione originale, ma….. dovrei venire in Liguria a reperire la Prescinsêua 😀
    Splendida poroposta, un abbraccio!!

    1. Ciao Erica.Guarda su Internet se vicino a te vendono la Prescinsêua, altrimenti puoi usare la cagliata 🙂

    1. Ciao Paola.Nella torta di riso alla genovese non ci va la pasta sfoglia che è indicata, invece, nella preparazione della torta pasqualina. In altre regioni usano la sfoglia, ma, secondo me, con il riso non “ci azzecca” proprio.

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro