Cestini di pasta frolla con mirtilli e crema pasticcera

I cestini di pasta frolla ripieni di crema e decorati con i mirtilli si possono trovare già pronti nelle pasticcerie, ma quelli genuini fatti in casa sono tutta un'altra cosa: la mia ricetta collaudata per preparare le deliziose crostatine monoporzione con mirtilli freschi e crema pasticcera.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

I cestini con mirtilli freschi e crema pasticcera sono delle deliziose e genuine mini crostate ai frutti di bosco più benefici per la salute che ci siano, nelle quali la pasta frolla fa da “scodellina” a una morbida ma consistente crema dolce fatta con uova, farina, latte e zucchero e la cui superficie è guarnita da mirtilli neri disposti a raggiera.

Anche se si trovano già pronti nelle pasticcerie, io, se ho un po’ di tempo a disposizione, preferisco sempre ” autoprodurre ” la base e la farcitura delle tartellette alla frutta di ogni tipo, perché, se fatte in casa, oltre ad essere genuine, sono spesso e volentieri anche più fresche, fragranti e friabili di quelle generalmente reperibili sul mercato.

Le crostatine mignon di mirtilli alla crema, vere a proprie “coccole” del palato da consumare a fine pasto, per prima colazione, con il tè, per merenda o da servire sul tavolo di un buffet e solitamente assai apprezzate da adulti e bambini, un tempo si preparavano in casa solo durante la stagione in cui era possibile trovare i mirtilli freschi in vendita o raccoglierli durante le scampagnate, ma, dato che al giorno d’oggi i frutti di bosco sono ormai reperibili sempre, si può realizzarne la ricetta in ogni mese dell’anno.

Usa mirtilli freschi ed evita quelli surgelati, che potrebbero compromettere la perfetta riuscita dei gratificanti dolcetti: le bacche devono essere sode e saporite e non mollicce, acquose e insipide come sono sovente quelle conservate.

Per velocizzare la guarnizione dei dolcetti alla frutta e rendere lucida la superficie dei mirtilli in un battibaleno, ti consiglio di usare gelatina di ribes già pronta, ma, se non ne disponi o preferisci non acquistarla, puoi preparare in casa facilmente una gelatina adatta allo scopo con preparati appositi come ti indico nella ricetta, evitando in questo caso d’impiegare la classica gelatina dolce da budini, che potrebbe risultare eccessivamente densa per questo tipo di dessert.

Esecuzione della ricetta: difficoltà media

Tempo occorrente: 20 minuti + 25 minuti di cottura + 60 minuti di riposo

Costo: medio

Ingredienti per 20 dolcetti:

per la pasta frolla

250 g di farina

1uovo

125 g di burro

100 g zucchero a velo

1 limone non trattato

per la crema pasticcera

50 g di farina

3 tuorli d’uovo

1/2 l di latte

100 g di zucchero

1 bustina di vanillina (o 1/2 bacca di vaniglia)

per guarnire

400 grammi di mirtilli

gelatina di ribes q.b (o preparato apposito e zucchero)

Preparazione dei cestini di pasta frolla con mirtilli su letto di crema pasticcera

Se vuoi riuscire a realizzare nel minor tempo possibile le tartellette ripiene di mirtilli e crema, devi procedere nell’esatta sequenza che ti indico nella ricetta per non perdere inutilmente minuti preziosi e fare prima la pasta frolla, poi la crema pasticcera e, infine, l’assemblaggio dei dolcetti.

Realizzazione della pasta frolla

Comincia con il preparare la pasta frolla, mischiando lo zucchero a velo e la farina sulla spianatoia e formando con la miscela ottenuta la classica fontana.

Metti nella cavità centrale la parte gialla grattugiata della buccia di 1/2 limone biologico, il burro a temperatura ambiente e tagliato a tocchetti, l’uovo sgusciato e il sale.

Partendo dal centro e facendo in modo di incorporare a poco a poco tutta la farina, lavora il tutto con la punta delle  dita fino all’ottenimento di un panetto di pasta omogeneo e liscio che coprirai con la pellicola da cucina e lascerai riposare nel frigorifero per circa 1 ora.

Trascorso questo tempo, riprendi l’impasto sulla spianatoia infarinata e, con l’aiuto del mattarello, stendilo in una sfoglia dallo spessore di circa 1/2 cm.

Come tagliare dei dischetti di pasta frolla con il coppa pasta

Ricava dei dischetti di frolla con un coppa pasta (meglio se ha i bordi ondulati) che ti serviranno per preparare la base di pasta frolla delle tue crostatine monoporzione ai mirtilli e crema e mettili su una superficie piana lievemente infarinata.

Non buttare via i ritagli,perché, se raccogli tutti insieme quelli che ti avanzano per poi rimpastarli e stenderli di nuovo, li puoi riutilizzare per fare altri cerchietti di pasta.

Fodera con i dischetti ottenuti l’interno degli appositi stampini di forma rotonda per dolcetti ( io uso una praticissima e robusta placca provvista di tante formine e di un mini mattarello che adopero anche per fare i muffins e le mini quiche) unti di burro e leggermente infarinati, facendo in modo che l’impasto aderisca bene alle pareti.

Poi bucherellane il fondo con una forchetta per evitare che la pasta gonfi mentre cuoce e metti le formine così rifasciate sulla leccarda nel forno statico preriscaldato per 17-20 minuti a 180° fino a quando i cestini di frolla avranno assunto una bella colorazione dorata.

Se preferisci usare il forno ventilato, regola il termostato a 160°e limita la cottura a una quindicina di minuti circa.

Poi estrai la leccarda dal forno, lascia che le scodelline di pasta frolla si intiepidiscano e poi sformale e tienile da parte su un vassoio.

Realizzazione della crema pasticcera

Metti lo zucchero e i rossi d’uovo in una ciotola e sbattili con la frusta da cucina; unisci, quindi, anche la farina e continua a sbattere fino a quando il composto avrà raggiunto la consistenza di una crema.

Versa il latte in un pentolino, aromatizzalo con una scorzetta di limone non trattato (solo la parte gialla più esterna) e con la vanillina (o 1/2 bacca di vaniglia incisa con i suoi semi), fallo scaldare e, prima che raggiunga il punto di ebollizione, togli con una pinza la buccia dell’agrume (e l’eventuale baccello di vaniglia se non hai usato la spezia in polvere) e incorporalo a filo al composto,mescolando con la frusta per farlo amalgamare bene.

La crema pasticcera deve essere mescolata durante la cottura

Rimetti la crema sul fornello acceso e, senza farle superare gli 82° di temperatura per evitare che continui a cuocere anche fuori dal fuoco, rimestala in continuazione con il cucchiaio di legno per 3-4 minuti fino a quando sarà diventata densa.

Trasferisci, quindi, la crema pasticcera ottenuta in una terrina, ricoprila con la pellicola alimentare a contatto, affinché non si formi uno strato rappreso in superficie, e lascia che si raffreddi del tutto.

Guarnizione delle tartellette ai mirtilli e crema pasticcera

Se usi la gelatina di ribes già fatta, salta questo passaggio, ma se non ne disponi, adopera un preparato apposito, come il Tortagel Paneangeli, per fare facilmente in casa una gelatina dalla consistenza ottimale per lucidare la frutta e mantenerne la bellezza in questo modo:

  • fai sciogliere, mescolando, 1/2 bustina di preparato in polvere con 2 cucchiai di zucchero in 125 ml di acqua;
  • porta a bollore e fai cuocere il composto a fiamma bassa, sempre girando, per 1 minuto fino a quando sarà diventato trasparente;
  •  lascia raffreddare la gelatina per circa 2 minuti, rimestandola di tanto in tanto.

Se preferisci usare un prodotto simile al posto del Tortagel, ti consiglio di attenerti alle istruzioni riportate sulla confezione, dato che le composizioni e i quantitativi dei diversi preparati in bustina per fare la gelatina per dolci istantanea possono cambiare.

Per iniziare la decorazione dei dolcetti, farcisci generosamente i cestini di frolla con la crema, lasciando un piccolo spazio dal bordo.

Senza sciacquarli con l’acqua in modo da evitare che rimangano umidi e diventino molli,  passa delicatamente i mirtilli con un panno morbido per eliminare polvere ed eventuali impurità rimaste sulla loro superficie.

Mirtilli puliti raccolti nello scolapasta

Raccogli man mano quelli puliti in uno scolapasta asciutto e poi disponili a raggiera sulla crema in modo che la ricoprano completamente e non rimangano spazi vuoti.

Distribuisci la gelatina sulla superficie dei frutti di bosco, aiutandoti con un pennellino da cucina, e  poi lascia riposare in frigorifero o in un luogo fresco i piccoli dolci alla frutta monoporzione prima di servirli in tavola.

Puoi conservare le crostatine ai mirtilli con la crema pasticcera per un massimo di 3 giorni in frigorifero e, se ti avanza della pasta frolla, mettila nel freezer per poi scongelarla all’occorrenza entro 90 giorni per preparare altri cestini alla frutta, biscotti e dolci vari.

Se le crostate sono la tua passione, dai un’occhiata anche a:

Credit photo intestazione: Ikuti kami for Pxhere.com

Credit photo dischetti di pasta frolla: Pxhere.com

Credit photo cottura crema pasticcera: Jeff Kubina for Flickr.com

Credit photo mirtilli nello scolapasta: Mike Dixon for Flickr.com

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro