Bere acqua calda a digiuno: 11 benefici e modalità di assunzione

Bere acqua calda al mattino a digiuno è un antico rimedio naturale a costo zero che permette all'organismo di depurarsi, mantenersi in salute e prevenire disturbi di vario genere: perché e come adottare questa sana abitudine.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Se pensi che il caffè sia la bevanda giusta al risveglio per affrontare la giornata con una buona carica di energia, ti stai sbagliando, perché il bere acqua calda a digiuno al mattino è la cosa migliore per mantenerti in salute e aumentare il benessere del tuo intero organismo da fare appena ti alzi dal letto e, se fino adesso non lo sapevi, è ora di correre ai ripari e farlo diventare una profittevole consuetudine.

Ho già scritto un articolo sui tanti vantaggi per la salute derivanti dall’assunzione di acqua tiepida e limone al risveglio, ma molte persone fanno fatica a berne una tazza, perché il loro stomaco non tollera l’acidità dell’agrume di primo mattino, e allora una valida alternativa consiste nell’assumere della semplice acqua calda a stomaco vuoto e in questo post voglio spiegarti perché e come è bene compiere tale opportuna ed efficace azione.

Anche se le prime volte potrebbe sembrarti difficoltoso assumere questo vero e proprio disintossicante naturale a costo zero (ma ti assicuro che nel giro di pochi giorni ci si fa l’abitudine, perché l’acqua scaldata è insapore e non ha uno sgradevole gusto), bere una tazza di semplice acqua calda appena ti alzi dal letto è un comportamento molto semplice e salutare suggerito dai dottori e che vale veramente la pena adottare giornalmente per ottenerne innumerevoli benefici per l’intero organismo.

Tale pratica, infatti, non è una moda del momento, ma si tratta di una antica usanza ayurvedica e della tradizionale medicina popolare giapponese suffragata da studi scientifici del secolo scorso e approvata anche dalla Japan Medical Association, principale associazione di medici professionisti nipponici.

Del resto, il grande Paracelso, che considerava l’H2O una vera e propria medicina naturale in grado di guarire molte malattie, consigliava l’assunzione abituale di acqua calda a scopo curativo e per mantenere il corpo in condizioni di salute ottimali e allungarne il ciclo vitale.

Perché fa bene bere acqua calda appena svegli e come farlo

Sono in molti a bere acqua solo quando avvertono lo stimolo della sete, ma è sbagliato, perché, in generale, bisogna assumerne almeno 1 litro e 1/2 al giorno per mantenere in salute il proprio fisico e cominciare a farlo al mattino a digiuno è un vero e proprio toccasana per l’organismo senza effetti collaterali e controindicazioni di alcun tipo se non si è affetti da rare patologie (specie epatiche), in presenza delle quali i dottori limitano l’assunzione di liquidi da parte dei pazienti.

Le cellule del corpo umano necessitano di acqua per idratarsi ed espellere le sostanze di rifiuto che durante il riposo notturno vengono accumulate soprattutto in organi come reni e fegato attraverso la digestione e la circolazione sanguigna: l’idratazione mattutina al risveglio consente di ripulire le pareti dello stomaco vuoto e di agevolare l’espulsione di parecchie tossine nocive, facilitando in questo modo le funzioni dei cosiddetti “organi spazzini”.

L’assunzione di acqua calda ma non bollente a digiuno, entrando nel corpo quasi alla sua stessa temperatura, ottimizza l’azione filtrante dei reni e facilita l’eliminazione delle scorie metaboliche attraverso evacuazione e traspirazione, permettendo a chi prende questa sana abitudine di iniziare al meglio la propria giornata dal punto di vista fisico ed emotivo.

Una tazza di bevanda calda è quello che ci vuole al risveglio

Bere qualcosa di caldo a stomaco vuoto aumenta la velocità del metabolismo e previene i dolori gastrici, mentre ingerire acqua fredda appena svegli, contraendo fegato e stomaco, non può avere gli stessi effetti.

Inoltre, l’acqua fredda o, peggio ancora, ghiacciata, poco ricca di sali minerali per il fatto che la bassa temperatura li neutralizza, non facilita le funzioni dell’apparato digerente e può aiutare il ristagno di grassi nello stesso.

Il mio medico di fiducia mi ha consigliato questa sana pratica giornaliera, spiegandomi in modo professionale quali sono gli 11 effetti benefici reali che si possono ottenere dalla stessa e adesso ti riassumo che cosa fa  all’organismo l’assunzione di 1 tazza di acqua calda a digiuno di primo mattino:

  1. la peristalsi e le funzioni intestinali vengono stimolate in maniera naturale, favorendo la decomposizione e l’eliminazione dei rifiuti corporei e dei lieviti e la conseguente depurazione dell’organismo.Se soffri di stitichezza, è fondamentale bere acqua calda a digiuno per combatterla e per avere un intestino pulito che possa ti permettere un migliore assorbimento dei nutrienti e di evitare costipazioni, putrescenze e gonfiori.
  2. Migliora i processi gastrici, accrescendo la produzione di bile necessaria alla digestione, eliminando le tossine nocive presenti nello stomaco e distendendone e rilassandone le pareti.
  3. Stimola la diuresi, favorisce la depurazione e il benessere dell’apparato renale, facendo in modo che le scorie vengano espulse più velocemente dal corpo ed è una panacea se soffri di malattie del tratto urinario.
  4. Accelera il metabolismo, rendendolo efficiente fin dall’inizio del giorno, favorendo il corretto funzionamento dell’organismo e combattendo il tipico mal di stomaco e senso di pesantezza provocati da processi metabolici ” impigriti ” e dalla cattiva digestione.
  5. Aumentando l’attività metabolica, alzando la temperatura corporea e stimolando le funzioni tiroidee, facilita la perdita del peso in eccesso, permettendo di migliorare la combustione dei grassi e di bruciare calorie più velocemente, riducendo grasso corporeo e tessuto adiposo e controllando la sensazione di fame.Se vuoi dimagrire, leggi come l’assunzione di acqua può favorire il recupero e il mantenimento della linea.
  6. Aiuta a combattere infiammazioni e infezioni batteriche e virali, ristabilisce la corretta idratazione in caso di febbre e riduce la produzione di muco nasale tipica dei malanni di stagione.
  7. Potenzia la circolazione capillare, eliminando le tossine dal sangue, e ostacola la formazione di ritenzione idrica e gonfiore agli arti.
  8. Rilassando la muscolatura interna ed esterna, bere acqua calda a stomaco vuoto ha un blando effetto sedativo che aiuta a lenire mal di pancia, spasmi, crampi di ogni tipo e dolori mestruali.
  9. Per lo stesso motivo e per il fatto che è un potente disintossicante, l’acqua calda al mattino è di grande aiuto a chi ha ecceduto nel consumo di cibi pesanti la sera precedente, alcolici e nel fumo, riducendone i sintomi e gli effetti nocivi, e a coloro che si svegliano con mal di testa, pesantezza di stomaco e stanchezza.
  10. Rallenta l’invecchiamento e la comparsa di rughe premature sulla pelle di viso e corpo, grazie all’azione idratante e depurante che svolge sulle cellule.
  11. Favorisce il buon funzionamento del cervello e la salute dei capelli, mantenendo il cuoio capelluto ben idratato in modo di evitare la formazione di forfora e di stimolare la crescita degli stessi.

Se non vuoi invecchiare precocemente, desideri mantenerti in forma e in salute e prevenire e contrastare malattie di vario genere, penso che questi motivi siano più che sufficienti per convincerti a non sottovalutare i benefici che puoi trarre dall’assunzione mattiniera di una semplice tazza di acqua calda, la prima e più antica medicina naturale esistente al mondo per il corpo umano.

Come assumere l’acqua calda nel modo corretto

Anche se alcuni suggeriscono di bere 4 tazze colme di acqua calda a digiuno, non bisogna eccedere e, secondo il parere professionale del il mio medico, è bene consumarne a digiuno 1 sola tazza da caffellatte o  2 da tè al massimo, perché in tale quantità la si digerisce molto rapidamente, mentre bisognerebbe aspettare più tempo prima di fare colazione nel caso che se ne assumesse di più.

1 tazza da caffellatte, infatti, contiene mediamente 1/4 di litro di acqua, mentre 2 da tè ne contengono circa 2/5 di litro, e si può attendere solo 20-30 minuti prima di mangiare, tempo che si allungherebbe a 1 ora nel caso se ne assumessero 4 tazze.

Anche in questo caso non ” strafare ” è la regola, visto che poi i benefici sarebbero gli stessi e non aumenterebbero  in proporzione al dosaggio.

L’acqua non va assunta a stomaco vuoto appena tiepida, ma neanche eccessivamente bollente.

Io la riscaldo in un bollitore elettrico che tengo sul comodino, la verso in una tazza appena avviene l’ebollizione, aspetto qualche minuto per farla raffreddare un po’ e poi la bevo a piccoli sorsi.

Il bollitore elettrico scalda l'acqua in poco tempo

Fare in questo modo, anche se si può benissimo usare il fornello normalmente, è vantaggioso per il fatto che puoi sorseggiare l’acqua calda con calma e aspettare i 20 minuti prima di fare colazione standotene comodamente a letto.

Se avverti lo stimolo di andare in bagno subito dopo l’ingestione della bevanda, sappi che si tratta di una reazione normale e che significa che la depurazione dell’organismo sta compiendosi.

Che tipo di acqua bere al mattino a digiuno?

Sempre su consiglio del mio dottore, io preferisco assumere acqua minerale naturale o depurata economicamente e facilmente in casa, ma puoi benissimo usare anche quella del rubinetto.

In questo caso, per assicurarsi che l’acqua non contenga tracce di metalli pesanti e di altre sostanze nocive, è bene farla bollire il giorno prima per 15 minuti, lasciarla riposare per circa 12 ore e riscaldare e poi bere quella che non è sul fondo del recipiente, dove si depositano i residui poco salutari.

Se proprio non riesci ad abituarti al consumo di acqua calda e non sopporti l’acidità del limone, puoi addizionarla con qualche goccia di essenza di menta alimentare o aggiungere erbe officinali per darle un po’ di sapore, ma, come accennavo sopra, dopo qualche giorno ci si adatta benissimo solitamente e per me l’ ingestione di acqua calda è diventata ormai una piacevole abitudine mattutina e non faccio più caso al fatto che non abbia alcun gusto.

Da qualche tempo, dato che mi è stato prescritto dalla dietologa di non bere liquidi freddi nei 20 minuti precedenti i pasti e durante gli stessi per recuperare la silhouette e per digerire meglio, sorseggio 1 tazza di acqua calda dopo aver mangiato e la sera prima di coricarmi.

Il thermos consente di assumere bevande calde in ufficio

Per poter fare questo agevolmente anche quando pranzo o ceno fuori casa o in un ufficio e non dispongo di un fornello, ho sostituito il mio vecchio thermos di non perfetta tenuta termica con questo, che è compatto, leggero, valutato il migliore attualmente sul mercato dalla Stiftung Warentest (fondazione indipendente per i consumatori creata dalla Repubblica Federale Tedesca nel 1964 che compara prodotti e servizi con obiettività e senza pregiudizi) e dotato di tecnologia Thermax che permette al contenitore di tenere in caldo le bevande per 12 ore o di mantenerle fresche per 24 ore.

Ormai per me scaldare l’acqua al mattino nel bollitore elettrico è diventato un rito che ha sostituito quello del tè, ma devo dire che, quando mi devo alzare molto presto la mattina e ho poco tempo a disposizione, porto a bollore l’acqua la sera precedente, la verso nel thermos e la sorseggio ancora bella calda al risveglio per fare prima.

Se non vuoi alzarti per scaldare l’acqua in cucina e non disponi di un bollitore da tenere in camera da letto, l’uso del thermos può fare al caso tuo.

Siamo alla fine dell’articolo e a questo punto potresti chiederti se l’acqua calda a digiuno al mattino va bevuta anche in estate.

Capisco che quando c’è afa si ha voglia di bevande fredde, ma se hai l’abitudine di assumere il tè o il caffè al risveglio in tutte le stagioni non dovrebbe esserti difficile riuscire a berne una tazza anche nei mesi di calura, perché lo stomaco di chi si è appena svegliato in genere sente sempre il bisogno di qualcosa di caldo.

In ogni caso, ascolta il tuo corpo, ma tieni presente che bere acqua calda a stomaco vuoto è un ottimo modo per depurare l’organismo, fare fluire il sangue, stimolare la digestione, accrescere l’energia e che è una pratica salutare che consente a chi la mette in atto di routine in ogni stagione di cominciare la giornata ” col piede giusto ” per potenziare e salvaguardare il benessere del proprio organismo.

Se vuoi saperne di più sugli usi dell’acqua, dai un’occhiata anche a:

Credit photo intestazione: Dana Tentis for Pexels.com

Credit photo bollitore elettrico: Maxpixel.net

Credit photo thermos: Your Best Digs for Flickr.com

Credit photo tazza con bevanda calda: John-Mark Smith for Pexels.com

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro