Trattamenti per fogliame particolare

Come trattare, per fare in modo che durino a lungo, alcuni tipi di foglie usate nelle decorazioni floreali che non devono essere sottoposte al condizionamento o per le quali è insufficiente.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Eccomi a dare alcuni utili suggerimenti degli insegnanti di decorazione floreale per la preparazione e il trattamento indicato per alcune foglie per le quali il condizionamento è insufficiente o da evitare.

Le foglie grigie e vellutate, come la cineraria marittima e la stachis, non devono essere immerse completamente nell’acqua durante il condizionamento, ma solo una parte degli steli va posta in ammollo, in quanto

la funzione protettiva dei peli che le ricoprono è proprio quella di rallentare la traspirazione.

Alcune piante, come le euphorbie e le stelle di Natale, hanno nello stelo una specie di lattice gommoso che tende a chiuderlo, impedendo l’assorbimento dell’acqua.

In questo caso, prima di adoperarle nell‘esecuzione di composizioni di fiori, si consiglia vivamente di praticare il solito taglio diagonale e poi  passare l’estremità recisa sulla fiamma di un accendino o del gas o di immergerla in acqua bollente per circa un minuto e, in seguito, fare bere acqua fresca a lungo.

Il fogliame ceroso, per la caratteristica stessa delle sue foglie, che sono impermeabili, necessita di poco condizionamento e, se non se ne ha il tempo, si possono mettere a bagno soltanto gli steli.

La maggior parte del materiale che presenta lo stelo legnoso può essere trattato in questo modo: mettere gli steli in acqua bollente ed aspettare fino a quando questa si sarà raffreddata; poi di deve immergere l’intero fogliame in acqua fresca per la durata di una notte intera.

Quindi, dopo il solito taglio a sbieco, si deve praticare una fenditura  a croce per aprire le fibre e poi  levare la corteccia agli ultimi centimetri dello stelo, portando la parte bianca in vista.

I rami di cespugli  e i crisantemi vanno martellati all’estremità, ma, se è possibile, il trattamento migliore consiste in una spaccatura decisa degli ultimi centimetri dello stelo.

articoli correlati: 

Credit photo: Nikon D3200 for Maxpixels.net

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro