Composizioni floreali: regole base per non commettere errori

Le regole fondamentali della composizione floreale che si devono seguire per non commettere errori: proporzione, equilibrio, posizione, movimento, colore.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Come fare una composizione floreale ben fatta senza commettere sbagli che poi “saltano all’occhio” di chi la osserva?

Esistono due modi diversi di avvicinarsi alla composizione floreale, sia che sia fatta con elementi freschi che secchi, secondo la necessità o meno di seguire determinate regole nella disposizione dei fiori e delle foglie.

Alcune persone ritengono che le composizioni floreali più belle e spontanee siano quelle in cui i materiali vengono accostati informalmente e come li si può trovare in natura, senza rispettare le regole base degli addobbi floreali e affidandosi nelle composizioni fai da te al personale gusto artistico, preferendo i fiori di campo o quelli del proprio giardino e scegliendo contenitori semplici.

Altri, invece, sono convinti che una composizione di fiori debba avere una forma geometrica ben definita e che occorre essere comunque in possesso dei rudimenti del mestiere e rispettare determinate regole di arte floreale.

So che potrebbe sembrare una cosa ovvia, ma ritengo che la scelta più opportuna, specie per chi è principiante e si avvicina per le prime volte agli addobbi floreali fai da te, sia quella di trovare una giusta via di mezzo tra le due posizioni, imparando comunque le fondamentali regole oggettive che riguardano l’accostamento di forme e colori e le proporzioni corrette.

Potrete in seguito scegliere di seguirle o d’ignorarle secondo il vostro gusto, in modo da poter comunque essere in grado di motivare la scelta che farete.

Esaurire in un post l’argomento su come realizzare una composizione floreale è praticamente impossibile ( io ho frequentato un corso di arte floreale per ben 5 anni 😉 ), ma con questa guida pratica e sintetica voglio comunque mettervi a conoscenza dei concetti fondamentali che vi serviranno per impratichirvi e sperimentare senza commettere grandi errori che potrebbero pregiudicare il risultato di lavoro e fatica.

Ricordate sempre che in un addobbo di fiori ben fatto non devono esserci mai punti vuoti  ( ad eccezione delle composizioni floreali moderne ) e che la spugna per fioristi deve sempre essere nascosta.

Proporzione dell’addobbo floreale

Per l’ottenimento di una composizione che possa appagare l’occhio di chi la osserva bisogna, innanzitutto, rispettare le giuste proporzioni.

Creare una proporzione equilibrata tra contenitore, fiori e il cosiddetto “verde” ( fogliame, rami, bacche e altri eventuali elementi vegetali ) è fondamentale per fare in modo che il risultato finale sia gradevole dal punto di vista estetico.

Uno degli errori più frequenti è quello di usare un contenitore di di dimensioni sproporzionate rispetto ai materiali utilizzati.

Per evitare d’incorrervi, seguite la seguente indicazione: l’altezza della composizione deve essere una volta e mezzo quella del contenitore se questo è alto e stretto; mentre l’altezza della stessa deve risultare una volta e mezzo la larghezza di base del vaso se è basso.

Posizionamento della composizione di fiori

L’insieme floreale può essere ben bilanciato, ma risultare fuori luogo per quello che riguarda il punto dell’ambiente in cui è stato messo.

Per scegliere la posizione più adatta è importante che teniate conto di alcuni aspetti:

  • per prima cosa il “carattere” della stanza ( che può essere rustico, elegante, moderno, classico, etc. ): lo stile da seguire e la scelta dei fiori devono essere in armonia con lo stesso.
  • La dimensione del locale è ugualmente importante: una composizione troppo piccola, anche se proporzionata e ben fatta, può diventare insignificante e “perdersi” in un ambiente spazioso.
  • Il colore e il decoro delle pareti: una decorazione colorata e ricca rende poco distinguibili i colori e i contorni della composizione di fiori; così come una parete bianca o beige non si presta a fare da sfondo a una composizione realizzata con elementi pallidi e chiari.

Equilibrio della composizione floreale

Se la composizione è asimmetrica, la mancanza di equilibrio la rende instabile: fissate bene gli elementi vegetali alla spugna per fiori che fa loro da supporto e il contenitore deve essere abbastanza pesante da poter sostenere il tutto.

Anche il buon equilibrio visivo è importante: la composizione deve “apparire” stabile a chi la guarda.

A questo scopo ricordate che i fiori dai colori chiari e dalla forma a spiga sono otticamente più leggeri di quelli scuri e di forma tonda.

Pertanto i fiori più grandi e di maggior peso ottico devono posti alla base o al centro della composizione per non creare squilibrio.

Come dare movimento alle composizioni floreali

Lo sguardo dell’osservatore si deve poter spostare continuamente da un punto all’altro della composizione, cosa che non può succedere se l’insieme di fiori è monotono e statico.

Ci sono diversi modi e “trucchi del mestiere” per dare movimento:

  • usare foglie di forme contrastanti e di differenti dimensioni;
  • coprire con il “verde” gli steli alti e dritti che provocano una sensazione di staticità;
  • utilizzare rami e steli ricurvi;
  • posizionare i fiori ad altezze differenti;
  • impiegare fiori a diversi stadi di apertura.

I cosiddetti “punti focali” sono fondamentali per dare movimento, in quanto questi centri d’interesse attirano lo sguardo di chi osserva per qualche istante.

Potete crearli con fogliame particolare o fiori particolarmente appariscenti, ma fate in modo che siano in numero dispari e non esagerate ( in una composizione di media dimensione non dovrebbero essere più di 3 ) per evitare che il resto della composizione passi inosservato.

Scegliete materiali di consistenza adeguata e preferite alternare fiori e foglie dall’aspetto lucido, opaco, vellutato, spinoso e di diversa tessitura.

Un fiore lucido risalta di più se viene collocato accanto a fogliame opaco e le foglie lucide rendono la composizione vivace quando vengono colpite dalla luce.

Usate materiale di consistenza diversa per aumentare l’interesse che può suscitare la composizione e fare in modo che non risulti monotona.

Accostamento dei colori negli addobbi floreali

Il colore è uno degli aspetti che attirano maggiormente in una composizione ed è quindi importante saperli scegliere ed accostare le diverse sfumature e tonalità.

I modi di utilizzare i colori nella decorazione floreale sono fondamentalmente 3:

  1. Creare contrasto, impiegando colori come il giallo e il viola o il rosso e il verde per ottenere un risultato di maggior impatto visivo.
  2. Creare armonia, usando colori simili tra loro come il giallo, l’arancio e il rosso.
  3. Adoperare un colore unico e le differenti gradazioni e sfumature che possono derivarne.

I colori vengono classificati in caldi e freddi: quelli caldi ( rosso, arancio, etc. ) attirano lo sguardo, illuminano la composizione e danno l’impressione che i fiori siano più vicini a chi li osserva di quanto lo siano realmente; i colori freddi ( viola, blu, etc. ) danno una sensazione di calma, rendono la composizione più rasserenante e possono essere messi in secondo piano con l’ utilizzo di colori brillanti e vivaci.

Scegliete i colori tenendo conto di alcuni fattori, come la colorazione della stanza, l’illuminazione della stessa e la stagione dell’anno.

All’inverno ( e al periodo natalizio in particolare ) si addicono il rosso e il bianco, in primavera si usa molto il giallo e il blu, la stagione estiva richiama colori caldi e brillanti, nelle composizioni floreali autunnali è preferibile adoperare il giallo, il marrone e il colore arancio.

Nonostante che io ritenga che la pratica nell’addobbo ( quanta ne ho fatta! ) sia fondamentale per imparare a utilizzare i fiori al meglio, penso che la conoscenza delle nozioni teoriche fondamentali sia importante per migliorare il vostro stile in modo che possiate ottenere fin dalle prime volte composizioni floreali fai da te che non siano un semplice accostamento di fiori e foglie.

Articoli correlati:

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro