Come usare la spugna per fiori

Consigli sull'uso della spugna per fiori freschi e secchi da impiegare nelle composizioni floreali e nei vasi come sostegno del materiale vegetale.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Tanto tempo fa (ahimè…gli anni passano) ho fatto un corso  di decorazione floreale durato 5 anni nei quali la spugna per fiori era onnipresente  ad ogni lezione.

Oggi ne voglio spiegare i vari e corretti usi.

Questa spugna per decorazioni floreali, detta erroneamente Oasis (così si chiama la marca della più diffusa della schiuma da fiorista, che, devo dire, è di ottima qualità, anche se  più costosa di altre), venduta in diversi formati, è di due tipi principali: quella apposita per fiori essiccati e materiale artificiale ( che non ha bisogno d’acqua ) e quella per  fiori e foglie fresche.

Come  vanno adoperate la spugna per fiori freschi e quella per fiori secchi

La prima, indicata per fiori secchi ed elementi vegetali disidratati o finti, non necessita di consigli particolari, se non quello di proteggere gli occhi con gli occhiali quando la si lavora; la seconda, invece, sì e di questa voglio parlare oggi.

E’ importantissimo l’accorgimento di non tagliarla mai da asciutta: la polvere può danneggiare seriamente la vista e le vie respiratorie: quindi va sezionata sempre dopo l’ammollo in acqua.

La spugna va messa in una bacinella piena d’acqua fresca prima dell’uso, lasciando che galleggi e s’inzuppi da sola, evitando di comprimerla ( non assorbirebbe bene all’interno).

Solo quando la mattonella va sotto il livello dell’acqua e scende sul fondo del recipiente è pronta per essere utilizzata per la preparazione di addobbi floreali.

Bisogna, comunque, evitare di lasciarla a bagno troppo a lungo, in quanto potrebbe sfaldarsi.

Una volta che la spugna si è bene impregnata d’acqua, la si può tagliare e modellare secondo il contenitore e la composizione floreale che s’intende creare.

Occorre lavorare la mattonella sempre in orizzontale, in quanto in verticale assorbirebbe poco l’acqua di rabbocco e sgocciolerebbe troppo.

Tra il contenitore e la schiuma per fiori deve essere sempre lasciato uno spazio per l’aggiunta di acqua.

Per questo motivo è bene usare accorgimenti, come quello di tagliare la spugna in tondo per un contenitore quadrato e viceversa.

Spesso la spugna riempie tutto il contenitore quando si necessita di molta stabilità: in questo caso è bene fare in un angolo un tassello per il rabbocco d’acqua.

La parte che eventualmente sporge dal vaso si asciuga molto in fretta e va spruzzata spesso.

Nei vasi con molta spugna sporgente, che dovrà sostenere un notevole carico di fiori, è bene avvolgerla con rete metallica con maglie a fori grandi, dalle dimensioni simili a quelle di una moneta.

Le insegnanti del mio corso consigliavano usare la rete sottile per pollai.

La spugna si può fissare al contenitore con una specie di gancio di plastica apposito, il pinholder, in vendita su Amazon o presso fioristi e garden center.

Se si dovesse usare la spugna per fiori senza riserva d’acqua e contenitore, è bene rivestirla di pellicola alimentare per limitare il più possibile la traspirazione: questo rende più difficile il lavoro di composizione, costringendo all’uso di uno stecco per preparare i fori per gli steli più deboli.

Se la mattonella non viene rivestita con la plastica impermeabile, ci si può anche aiutare con piccoli pezzi di cannuccia da bibita per inserire gli steli più delicati.

La conservazione si effettua fasciandola in un foglio di giornale per evitare la polvere, dopo di che la spugna per fiori va riposta in un luogo asciutto e lontano da fonti di calore.

articoli correlati:

Credit photo: Flickr.com by dutchbaby

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

6 commenti su “Come usare la spugna per fiori

  1. Salve, mi saprebbe dire dove posso trovare le spugne per fiori freschi? Vorrei regalare dei centrotavola per Natale, ma i fiorai da cui sono stata sostengono di non potermela vendere perchè “non ne abbiamo poi per noi”… TUTTI! (4 fiorai in località differenti!!) Sono della provincia di Ancona, se per caso conoscesse qualcuno in particolare dalle mie parti, altrimenti mi basterebbe sapere che tipo di negozi potrebbe venderle. Grazie, Buone feste,
    Giulia Marini

  2. Io sono a Genova e la spugna la trovo al mercato dei fiori ed anche dai grossisti per fioristi e garden center.Provi lì.Buone Feste!

  3. La spugna non va mai lasciata cosi tanto tempo a bagno o si rovinerà! 8, massimo 10 minuti se abbiamo una spugna di scarsissima qualità. Una oasis ci mette massimo 2 minuti! giusto il tempo che vada a fondo! e poi… sai che disastro per noi fioristi se per ogni composizione dovessimo aspettare 3 ore per bagnare una spugna!!!

  4. Ti chiedo scusa e la chiedo anche ai miei lettori. Non avevo riletto e 3 ore e è un refuso, ma ,comunque, 1 ora è cosigliata all’EDFA dove ho fatto un corso quinquennale e questo perchè le composizioni da concorso a volte devono durare una settimana e, se la spugna non è ben impregnata internamente, i vegetali, col tempo, potrebbero soffrirne.Certo anche che di solito su un certo tipo di composizini si usa la rete metallica e anche quella serve a contenere.
    Grazie, correggo subito.

    1. Buongiorno Mario.No,una pianta non può assolutamente crescere in questa schiuma.La spugna per fiori serve solo per elementi recisi nella composizione floreale.

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro