Sardine in carpione con zafferano e timo

Le sardine in carpione sono un piatto appetitoso e di basso costo, particolarmente adatto all'estate e preparabile in anticipo: la mia variante con la marinata al timo e zafferano.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Le sardine in carpione allo zafferano e timo costituiscono un antipasto di mare particolarmente appetitoso e adatto alla stagione estiva, dato che va consumato freddo.

Accompagnate dal riso e servite con un’insalata mista fresca possono anche diventare un piatto unico per un pasto veloce di mezzogiorno ed hanno il grande vantaggio di poter essere preparate in anticipo.

Il carpione, che prende il nome da un pesce di acqua dolce, è un antico metodo di conservazione di carni e di pesci fritti, ottenuto per mezzo di una marinata a base di aceto, erbe aromatiche e sapori.

Ci sono vari modi per fare la marinatura e spesso si aggiungono pinoli e uvetta (come, ad esempio, nella preparazione delle famose sarde in saor venete) per rendere sfizioso del pesce povero ed oggi ti voglio proporre questa variante allo zafferano che trovo particolarmente originale e “azzeccata”.

Esecuzione della ricetta: facile

Tempo di preparazione: 20 minuti + almeno 24 ore di riposo

Ingredienti per 6 persone:

1 kg di sardine freschissime
100 gr di farina
olio per friggere q.b

per la marinata

5 spicchi di aglio
1 cipolla
1 carota
1 limone
3 dl di aceto di vino
1 dl di olio extravergine di oliva
1/2 litro di acqua
1/2 bustina di zafferano
1 mazzetto di timo fresco
2 foglie di alloro
1 peperoncino piccante
sale q.b
pepe q.b.

Preparazione delle sardine in carpione con zafferano e timo

Togli le squame ai pesci, puliscili (senza eliminare la testa e la coda) e lavali sotto il getto d’acqua.

Scolali, asciugali con cura, passali nella farina e friggili da entrambe le parti in una padella con abbondante olio bollente fino a quando saranno ben dorati.

Disponili su un foglio di carta assorbente e tamponali con delicatezza per eliminare l’unto in eccesso.

Pulisci la cipolla, lavala, asciugala e tagliala a fettine sottili; togli la buccia agli spicchi di aglio e tritali.

Monda la carota, sciacquala, asciugala e tagliala a rondelle spesse.

Fai imbiondire nell’olio in padella il trito di aglio e la cipolla e poi aggiungi la carota.

Quando le verdure saranno appassite, versaci sopra l’aceto e poi bagnale con l’acqua, aggiungendo un pizzico di sale e di pepe, le foglie di alloro, il timo, il peperoncino e lo zafferano fatto precedentemente sciogliere in un cucchiaio di acqua tiepida.

Fai cuocere il composto a fiamma bassa per una ventina di minuti e lascialo raffreddare del tutto.

Disponi le sardine allineate in un patto da portata fondo e dai bordi alti e versaci sopra la marinata filtrata al colino.

Decora con il limone tagliato a fette, le foglie di alloro e le rondelle di carota e, se vuoi, aggiungi anche un po’ di cipolla della marinata.

Trasferisci le sardine in carpione nel frigorifero e lasciale riposare al fresco per 24-48 ore prima di servirle in tavola.

 

Se ti piacciono le sardine, dai un’occhiata anche a:

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro