Minestra di farro e fagioli alla casentinese dietetica

La genuina, salutare e gustosa minestra di farro e fagioli è una specialità tipica del Casentino: la ricetta della variante dietetica senza carne o pancetta.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

La minestra di farro e fagioli alla casentinese è un primo piatto gustoso e  salutare ed oggi ti propongo la mia versione light, particolarmente adatta a chi non vuole consumare carne.

Fino a poco tempo fa la preparavo seguendo la ricetta originale della cucina toscana che prevede l’impiego di carne secca o di pancetta, ma una mia amica, che segue la dieta vegan, mi ha chiesto di fargliela senza ingredienti di origine animale.

Ho cucinato la minestra (sì, è una minestra e non una zuppa, perché contiene cereali) come lei mi ha chiesto, l’ho trovata ugualmente buona e…..ho continuato a farla in questo modo dietetico e vegetariano.

Naturalmente puoi prepararla nel modo tradizionale, aggiungendo una fetta di pancetta (da 100 grammi circa) tagliata a dadini al soffritto, ma, se provi prima la mia versione salutare, è molto probabile che continuerai a cucinare la minestra di farro e fagioli neri come faccio io. 😉

Nel Casentino la si serve in tavola fumante come primo piatto comfort quando il clima è rigido, ma la mia variante senza carne si presta anche ad essere consumata a temperatura ambiente in estate.

I fagioli ideali sono quelli neri toscani e rigorosamente freschi, ma è possibile sostituirli con fagioli borlotti surgelati.

A me questa minestra piace densa, ma, dato che il farro tende ad assorbire il liquido di cottura, puoi allungarla con brodo di dado (leggi come prepararne uno vegetale genuino ed economico in casa).

Ingredienti per 4 persone:

200 grammi di farro

300 grammi di fagioli neri freschi sgranati

1 cucchiaio di salsa concentrata di pomodoro

1/2 bicchiere di olio extravergine di oliva

1 costa di sedano

1 carota

1 spicchio di aglio

4 foglie di salvia

1 rametto di rosmarino

sale e pepe q.b

Preparazione della minestra di farro e fagioli alla casentinese

Metti il farro in una ciotola, ricoprilo interamente con acqua fredda e lascialo in ammollo per 12 ore fino a quando si sarà gonfiato; poi trasferiscilo in un colino (o nello scolapasta), sciacqualo sotto al getto del rubinetto e scolalo.Monda il sedano e la carota, lavali, asciugali e tritali finemente assieme allo spicchio di aglio privato della pelle, alle foglie di salvia e agli aghi di rosmarino.

Trasferisci il trito di erbe aromatiche e sapori in una casseruola e fallo soffriggere brevemente con 3 cucchiai di olio extravergine di oliva a fiamma moderata.

Poi aggiungi  la salsa concentrata di pomodoro, precedentemente fatta diluire in 2 cucchiai di acqua calda e fai insaporire il tutto per un paio di minuti circa.

Unisci alla casseruola il farro e i fagioli neri sgranati, copri il tutto con 1 litro e 1/2 di acqua bollente, aggiusta di sale e continua la cottura a fuoco basso per 40 minuti circa fino a quando il farro sarà cotto a dovere.

Condisci la minestra casentinese con l’olio extravergine crudo rimanente, insaporisci con il pepe e servila in tavola fumante, accompagnandola con un vino bianco giovane e asciutto come il Vernaccia di San Gimignano.

La minestra di farro e fagioli light si conserva bene in frigorifero per 3 giorni e può essere anche congelata nel freezer per poterla avere pronta da consumare entro 90 giorni.


Se vuoi trovare idee per la minestra, dai un’occhiata anche a:

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro