Lasagne al sugo di funghi misti alla genovese

Come preparare le lasagne, facendole anche a straccetti, col sugo di funghi misti: la ricetta genovese con dosi, ingredienti e consigli.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Visto il tempo uggioso e il clima insolitamente freddo che ci propina questo mese di maggio, autunnale invece che primaverile come dovrebbe essere secondo natura, oggi ho preparato le lasagne al sugo di funghi alla genovese, o meglio, in versione “straccetti al sugo di funghi misti”, dato che in questa stagione i funghi porcini sono reperibili unicamente surgelati che, oltre ad essere cari, non sanno di niente e tanto vale usare i funghi misti freschi. 🙂

La ricetta ligure del sugo di funghi, ottimo ed allegro condimento (adatto, oltre che alle lasagne,che sono la “sua morte”, anche per tagliatelle, pasta fresca e secca di ogni formato, ravioli e gnocchi) prevede un trucco: l’impiego, tra gli ingredienti dei funghi secchi che servono per rafforzare ed esaltare l’aroma di quelli freschi e, anche se alcuni li considerano opzionali, io ne consiglio sempre l’uso in tutte le salse a base di funghi.

Ecco le indicazioni per cucinare delle golose lasagnette al ragù di funghi misti fatto secondo l’originale ricetta genovese in cui si impiegano straccetti di pasta fresca (da non confondersi con quelli di carne).

Ingredienti per 4 persone:

20-25 lasagne fresche e molto sottili (dipende dalla grandezza e dall’appetito dei commensali);
400-500 grammi di pezzettoni di polpa di pomodoro in barattolo;
300-350 grammi di funghi misti freschi;
1 pugno scarso di funghi secchi;
3 foglie di alloro;
2 spicchi d’aglio;
mezza cipolla gialla (o 1 scalogno);
1 carota;
1 bicchiere d’olio extravergine di oliva;
prezzemolo q.b;
sale q.b.

Preparazione delle lasagne condite col sugo di funghi misti alla ligure

Pulite i funghi misti e fateli a pezzi e mettete a bagno in acqua tiepida i funghi secchi.

Lavate la carota, asciugatela e tagliatela a rondelle; lavate il prezzemolo, asciugatelo  e tenetene le foglie; sbucciate la cipolla (o lo scalogno) e gli spicchi d’aglio.

Tritate la carota e tenetela da parte e fate la stessa cosa con la metà del prezzemolo, tenendo anche questa da parte.

Fate un trito con la cipolla (o lo scalogno), l’aglio e il prezzemolo restante e lasciatelo imbiondire nell’olio in una casseruola capiente, possibilmente di terracotta, a fuoco basso assieme alle foglie di alloro, mescolando con un cucchiaio di legno.

Poi aggiungete i funghi e fateli insaporire, sempre girando, per qualche minuto.

Trascorso questo tempo, mettete anche la carota tritata e la polpa di pomodoro (io uso la Polpa Mutti,  dell’azienda produttrice di varie conserve a base di pomodoro, che ritengo la migliore del settore per qualità e posso onestamente dire di essere soddisfatta della resa  dei suoi prodotti ), mescolate e fate cuocere a fuoco basso  per  circa 15-20 minuti, rigirando di tanto in tanto.

Nel frattempo sminuzzate i funghi secchi e, trascorsa questa prima cottura, uniteli al sugo assieme alla loro acqua di ammollo e fate cuocere ancora per altri 15 minuti. 

Se necessario aggiungete acqua tiepida se il sugo risulta troppo denso o alzate un po’ la fiamma se la consistenza è eccessivamente liquida.

Intanto mettete sul fuoco la pentola con acqua salata in cui cuoceranno le lasagne.

Prima degli ultimi 3-4 minuti di cottura aggiungete il prezzemolo rimanente, salate e mescolate ancora.

Una volta che il sugo è pronto, spegnete il fuoco, togliete le foglie di alloro, coprite la casseruola col coperchio e tenetelo al caldo (se necessario, riscaldatelo sul fuoco prima di condire le lasagne, ma con le pentole di coccio è raramente necessario, in quanto questo materiale “tiene” bene la temperatura).

Non posso dare tempi esatti, in quanto molto dipende dal pomodoro e dall’acquosità dei funghi, ma, di solito, varia dai 30 ai 45 minuti e…bisogna andare un po’ ad occhio 🙂

Cuocete le sfoglie di pasta fresca e, se volete fare le lasagne al sugo di funghi misti alla genovese, una volta cotte, estraetele dalla pentola con l’apposito mestolo bucato (facendo attenzione che non si rompano), adagiatele nei singoli piatti e cospargete sopra abbondante sugo.

Se , invece, preferite gli straccetti, levate le lasagne dalla pentola quando sono al dente, fatele a pezzi e poi mettetele sul fuoco nella casseruola contenente il condimento  e mescolate fino a che il tutto sia ben amalgamato.

Insomma, anche se le lasagne al sugo di funghi sono un classico della cucina genovese, io, personalmente, preferisco cucinarle come  straccetti, in quanto si ottengono buoni risultati anche se la pasta non è sottilissima ed anche per il fatto che, mantecando, è più facile incorporare il sugo.

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

27 commenti su “Lasagne al sugo di funghi misti alla genovese

  1. Bella idea! Questo classico “rivisitato” sono certa che abbia il pregio di far amalgamare al meglio i sapori. Poi io sono una gran mangiatrice di funghi, in tutte le salse, quindi mi segno la tua ricetta e ti ringrazio 🙂
    Buona domenica!

    PS: qui sembra novembre…un freddo, un umido e un vento che non ti dico 🙁

  2. Grazie Maris.
    Ieri era così anche qui ed ho cucinato un pò.Oggi raggio di sole e corro a prenderlo:-)
    Buona domenica anche a te!

  3. Ottima ricetta, complimenti! Con questo tempaccio un piatto così è proprio quello che ci vuole, deve essere buonissimo!

  4. ho pranzato da poco , ma guardando il tuo piatto mi è tornata la fame! davvero delizioso

  5. Ottimo articolo, ne faro’ un punto di riferimento, chissa’ che quanto letto non possa aiutare anche me.

  6. Grazie all’autore del post, hai detto delle cose davvero giuste. Spero di vedere presto altri post del genere, intanto mi salvo il blog trai preferiti.

  7. Ciao Franci! Tutto bene? Io sono sempre di corsa, in questi giorni più che mai.
    Ti lascio un salutino serale, ora che la monella dorme, il monello si sta addormentando sul divano col papà e io posso fare un giro dei miei blog amici!

  8. Ciao! Vorrei solo dire un grazie enorme per le informazioni che avete condiviso in questo blog! Di sicuro’ diverro’ un vostro fa accanito!

  9. Carissima Maris, ti capisco bene; in questo periodo sono anch’io di corsissima, ma oggi faccio un salto sul tuo blog.Ti abbraccio! 🙂

  10. Salve, quando ho fatto per la prima volta un commento su questo blog ho erroneamente spuntato “notifica nuovi commenti via email”… ora purtroppo ogni volta che viene aggiunto un commento ricevo quattro email con lo stesso commento. C’

  11. Blog davvero interessante, peccato non sia ancora disponibile la versione mobile. Almeno io non l’ho trovata, infatti per leggere questo articolo sul mio telefono ci messo mezz’ora. Perlomento era interessante e ben scritto.

  12. Posso solo dire con sollievo che ho trovato qualcuno che sa realmente di cosa sta parlando! Lei sicuramente sa come portare un problema alla luce e renderlo importante. Dovrebbero leggerlotutti per capire questo lato della faccenda.

  13. Grazie a tutti dei commenti.
    Per Elena: per non ricevere più notifiche vai sulla pagina che hai commentato e sotto al form vuoto dei commenti, clicca gu “gestisci profilo”.Ti arriverà una mail col link del tuo profilo e lì ti puoi facilmente disiscrivere.Ciao 🙂

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro