Insalata di patate alla bavarese: Bayrischer Kartoffelsalat

Insalata di patate bavarese: ricetta della Bayrischer Kartoffelsalat, tipico piatto di Monaco di Baviera, con ingredienti, dosi, consigli.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Ho già scritto un post a proposito dell’insalata di patate alla maniera tedesca, ma oggi voglio aggiornare l’argomento  con una variante, l‘insalata di patate alla bavarese, la tipica Bayrischer Kartoffelsalat o Kartoffelsalat bayrisch , che mi  è piaciuta in modo particolare durante il mio ultimo viaggio a Monaco di Baviera, dove ho avuto la fortuna di soggiornare una settimana e durante il quale ho mangiato questo piatto praticamente ogni giorno….. non si era capito, eh, che ne vado letteralmente pazza.  🙂

La versione bavarese dell’insalata di patate lesse, chiamata anche può essere costituita dai soli tuberi o prevedere anche l’aggiunta di cetrioli sottaceto, speck, pancetta o würstel tagliati a rondelle ( a me piace inserire tra gli ingredienti, in modo particolare i Bratwurst, o i würstel bianchi tipici della Baviera, detti anche Munchen Weisswurst, contenenti carne di vitello e pancetta e che tendono a una colorazione chiara, in quanto non vengono sottoposti al trattamento in salamoia.

Insomma, si tratta di una preparazione piuttosto versatile in cui potete aggiungere gli ingredienti che più vi piacciono e nelle quantità che preferite.

La scelta delle patate del tipo adatto per cucinarle in insalata è molto importante: consiglio d’impiegare patate a pasta gialla, sode e non farinose.

Nella ricetta originale della Bayrischer Kartoffelsalat è previsto l’uso del brodo di carne, ma io preferisco adoperare quello vegetale.

Alcuni aggiungono anche lo yogurt, ma io trovo che…..non ci “azzecchi” proprio. 😉

Ingredienti:

2 chili di patate  non farinose ( possibilmente a pasta gialla );
5 cucchiai di olio di oliva;
1/4 di litro di brodo vegetale;
7 cucchiai di aceto di vino bianco;
2 cipolle ( o 4-5 scalogni );
2 cucchiai di panna liquida da cucina;
1 cucchiaio di senape ( possibilmente la senape tedesca o quella all’estragone);
1 pizzico di zucchero;
semi di cumino ( se avete difficoltà a reperire il kummel, vanno benissimo anche i semi di finocchio essiccato ) q.b;
sale q.b;
pepe bianco q.b.

Preparazione dell’insalata di patate lesse secondo la ricetta bavarese

Preparate l’insalata di patate alla bavarese seguendo la ricetta dell’insalata di patate alla tedesca, che trovate cliccando sul link in alto in questo post, ma osservate queste variazioni:

  • non tagliate a fettine la cipolla, ma tritatela a pezzetti non troppo piccoli;
  • aggiungete alla marinata il pizzico di zucchero;
  • unite i cucchiai di panna e il cumino alle patate, già amalgamate alla salsa, all’ultimo momento e mescolate ancora delicatamente con il cucchiaio di legno, per fare in modo che il tutto si amalgami bene.
  • E poi servite in tavola l’insalata di patate fredda o a temperatura ambiente.

Se, invece, volete aggiungere la pancetta affumicata o lo speck ( io ne adopero solitamente 1 etto – 1 etto e mezzo ), fate delle fette abbastanza spesse, tagliatele poi a dadini, rosolatele in un pentolino con l’olio.

Quando i cubetti saranno croccanti e dorati, scolateli bene, lasciateli intiepidire, o anche raffreddare del tutto, e uniteli all’insalata già condita, mescolando un’ ultima volta con il cucchiaio di legno.

Nel caso vorreste arricchire il piatto con i würstel, consiglio di adoperare quelli lunghi tedeschi: punzecchiateli con la forchetta, fateli bollire, raffreddare, levate loro la pelle (se non vi piace la sua consistenza) e tagliateli a rondelle prima di aggiungerli alle patate.

Anche i cetrioli sottaceto, possibilmente grossi, vanno tagliati a rondelle e vanno aggiunti alla Bayrischer Kartoffelsalat  solo alla fine della preparazione.

L’arrosto, lo stinco, il roast beef e le carni in genere si abbinano molto bene all’insalata di patate bavarese.

articoli correlati:

Credit photo :  3268zauber for Wikimedia.org

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro