Scegliere le patate: guida all’acquisto

Come si scelgono le patate per gli usi in cucina: guida all'acquisto di quelle giuste.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Amo le patate in modo particolare, ne sono letteralmente ghiotta (ahimè, la linea…), le cucino molto spesso in vari modi e considero fondamentale la scelta delle patate al momento di comprarle al mercato e la loro corretta conservazione.

Ecco, allora, questa mia guida pratica all’acquisto delle patate “scaturita” dalla mia personale ed annosa esperienza. 🙂

Come scegliere e acquistare le patate senza commettere errori

Io cerco, se mi è possibile, di evitare l’acquisto delle patate al supermercato: sarò sfortunata, ma in quelli che sono vicino a casa mia ho dovuto constatare che le patate sono spesso vecchie, con tracce di germogli asportati prima della messa in vendita, di scarsa qualità e poco saporite. 🙁

Inoltre i tuberi in vendita nei negozi della grande distribuzione vengono generalmente irrorati con sostanze chimiche in forma di aerosol per rallentare la comparsa dei germogli e facilitare la conservazione delle patate. 🙁

Vado solitamente al mercato e le acquisto da banchetti specializzati in patate e con tuberi di varie qualità e chiedo consiglio al venditore quasi sempre: i commercianti seri sono contenti quando si chiede il loro aiuto e spesso mi è capitato che mi abbiano fatto desistere dalle mie intenzioni di acquisto del primo momento, consigliandomi al meglio e indirizzandomi verso patate differenti da quelle che avrei scelto.

Infatti non è solo importante scegliere la varietà di patate secondo gli usi in cucina che se ne vuole fare: bisogna prendere in considerazione altri fattori, come il tempo di giacenza e lo stoccaggio del prodotto, dei quali solo il negoziante può esserne a conoscenza.

Scegliete, ad una ad una, patate sode al tatto, dalla consistenza omogenea e che non presentino parti molli.

Anche il colore deve essere uniforme e la non presenza di zone verdognole o annerite è fondamentale, specie se si usano per farne il benefico succo.

Non bisogna scartare le patate piene di terra, ma occorre sempre assicurarsi che l’aspetto sia sano, la buccia non sia raggrinzita e si presenti tesa, si presenti integra e priva di tagli.

Evitate assolutamente di comprare patate con germogli o tracce di essi: i germogli sono tossici (contengono solanina e solanidina, sostanze velenose che, se ingerite, possono provocare stati d’intossicazione) e, anche se questi sono stati asportati, le patate che hanno già germogliato hanno valori nutritivi inferiori.

Se si deve cucinare una unica preparazione culinaria, scegliete patate delle stessa dimensione e qualità.

Cercate di non fare grosse scorte di patate se sapete che non le cucinerete in un tempo ragionevole.

Queste indicazioni sono sempre valide, ma la cosa più importante nella scelta al momento dell’acquisto consiste nell’optare per le varietà di patate adatte all’uso che se ne vuole fare.

Il post a cui rimanda il link è una buona guida in generale, in cui sono indicate le varietà adatte ai diversi tipi di cottura: per fare le crocchette, ad esempio, vanno bene le patate farinose a pasta bianca e non quelle a pasta gialla o rosse, particolarmente indicate per cucinare le patate al forno o quelle fritte.

Ma bisogna anche considerare il fatto che le varietà sono moltissime, molto differenti tra loro nonostante le apparenze, e che non è poi così facile sapere che tipo di patata scegliere per una determinata ricetta: è quindi fondamentale il consiglio del negoziante preparato e serio, che può indicarci il tipo più adatto in base a consistenza, quantità di amido contenuto, resistenza alla cottura, eccetera. 🙂

Articoli correlati:

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

8 commenti su “Scegliere le patate: guida all’acquisto

  1. Già, per queste cose è sempre meglio affidarsi ai banchi quotidiani, nei mercati rionali.
    L’unico modo (forse!) per avere cose di qualità.

    Moz-

  2. A casa mia le patate sono molto usate, specie la monella ama sia i crocchè, che le patate al forno, che quelle fritte, che il purè. I suggerimenti che dai nel post sono preziosi quindi per me 🙂
    Di solito mi servo da un fruttivendolo che vende patate paesane, del luogo. Sono a apsta gialla, quelle che adopero maggiromente.

    Ultimamente ho scoperto l’esistenza delle patate viola, che mio fratello ha comprato e usato. Ho visto le foto del suo purè: è proprio viola, incredibile! Tu le hai mai usate Franci?

    Un bacione!

    1. Ciao Maris.Le ho comprate 2 volte, ma non mi sono piaciute molto.Ma forse non erano di buona qualità.Riproverò 🙂

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro