Elettrodomestici usati: risorsa o rischio?

Comprare elettrodomestici di seconda mano permette un notevole risparmio, ma bisogna fare attenzione a farlo nel modo giusto per evitare i possibili rischi che il mercato dell'usato comporta: cosa fare per concludere un acquisto sicuro e conveniente.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Vediamo oggi come acquistare al meglio gli elettrodomestici sul mercato dell’usato, ottenendo un risparmio di denaro non indifferente e senza correre il rischio di prendere fregature, cosa che capita non raramente quando, volendo a tutti i costi fare un buon affare, non si tiene conto di elementi importanti della transazione.

Sono ormai remoti i tempi in cui le faccende di casa si sbrigavano con spazzoloni e ” olio di gomito “: fortunatamente, al giorno d’oggi, la tecnologia è riuscita a venirci incontro, sviluppando degli apparecchi di facile manutenzione in grado di aspirare, lavare, lucidare e cucinare in poco tempo e impiegando il minimo di fatica.

Una quantità di energia enorme che attualmente, grazie al progresso raggiunto, possiamo indirizzare nel nostro quotidiano in maniera diversa, a seconda delle esigenze e preferenze personali.

Ma, naturalmente, per ogni risvolto positivo ce n’è anche uno complementare e, talvolta, negativo.

Nel caso degli elettrodomestici di ultima generazione, questo risvolto è rappresentato dal prezzo.

Non tutti, infatti, possono permettersi l’acquisto di un dispositivo nuovo e  coloro che si trovano in questa condizione devono rivolgersi al mercato dell’usato, con tutti i dubbi ed i rischi del caso.

Chi compra elettrodomestici usati lo fa, ovviamente, per risparmiare denaro, ma è bene sapere a priori quali sono i benefici può trarne e in quali pericoli potrebbe incorrere.

Elettrodomestici di seconda mano: vantaggi e rischi

L’acquisto di elettrodomestici usati comporta sicuramente dei reali vantaggi:

  • si risparmia notevolmente sul costo, potendo ugualmente godere delle loro performance;
  • si tutela l’ambiente, favorendo il riciclo ed evitando di riempire le discariche;
  • si crea economia, anche se in un ambito più privato e “piccolo” rispetto al mercato globale.

Il rovescio della medaglia, però, è che si possono correre molti potenziali rischi da non sottovalutare, perché possono rivelarsi seriamente problematici.

Innanzitutto, c’è da considerare il fatto che gli articoli di seconda mano non hanno, nella maggioranza dei casi, una garanzia.

Questo significa che può capitare di portare a casa un elettrodomestico apparentemente funzionante, ma che, se dovesse cominciare a dare problemi, non potrebbe usufruire dell’assistenza gratuita per la riparazione o sconti sulla stessa, nemmeno nel primo anno successivo all’acquisto.

Una bella seccatura visto che si parla di prodotti non nuovi e già adoperati e che, quindi, potrebbero presentare usura nei componenti interni ed esterni.

In secondo luogo, c’è da considerare il fatto che si può incappare in venditori disonesti e senza scrupoli, che facilmente potrebbero rendersi irreperibili dopo aver concluso la vendita.

Come fare, quindi, per ottenere il massimo spendendo il minimo, in tutta sicurezza?

Come valutare e scegliere elettrodomestici usati sicuri

Gli elementi a cui affidarsi per fare la scelta giusta, riguardo ai venditori di elettrodomestici usati, sono essenzialmente: feedback ( indicanti la serietà del venditore e la validità del prodotto) e garanzia.

Le compravendite tra privati, che solitamente avvengono  per mezzo di annunci di elettrodomestici usati su pubblicazioni cartacee o siti web appositi, possono essere, certo, molto convenienti ma anche altrettanto rischiose, per tutti i motivi descritti precedentemente.

Ecco perché l’ideale è affidarsi a piccole realtà commerciali che siano comunque un punto di riferimento nel settore e che siano in grado di offrire tutti gli elementi di base per sentirsi al sicuro e seguiti nella scelta e nella transazione di un elettrodomestico di seconda mano.

Esistono, infatti,  e-commerce davvero seri ed affidabili, che hanno una buona quantità di clienti affezionati, acquisiti e fidelizzati nel tempo grazie a serietà professionale ed impegno costante.

Si tratta, in sostanza, di piccole attività commerciali aperte al settore dell’usato che,operando da anni con competenza del settore ed etica, sono in grado di offrire anche la garanzia su prodotti ricondizionati, cioè usati, ma rimessi a nuovo, riassemblati e controllati prima di proporli al pubblico.

Il consiglio, quindi, è quello di riferirvi quanto più possibile a questo tipo di realtà, in modo da concludere acquisti sicuri di cui non dovrete pentirvi in seguito: controllate le garanzie e valutate i feedback ( commenti e punteggi rilasciati da altri clienti che hanno effettuato transazioni) e, agendo con la dovuta prudenza in questo modo, potrete farvi un’idea chiara prima di chiudere definitivamente una compravendita.

Rivolgersi ad operatori di questo tipo, competenti e conosciuti, è consigliabile anche quando si vuole vendere i propri elettrodomestici per cambiarli con modelli più nuovi e potenti, in modo di avere una valutazione corretta dei vecchi dispositivi e non rischiare di chiedere alle persone eventualmente interessate all’acquisto degli stessi corrispettivi inadeguati e lontani dai reali prezzi del mercato di riferimento.

Nella miriade di brand produttori di grandi e piccoli elettrodomestici che operano regolarmente anche sul mercato dell’usato, possiamo certamente fare l’esempio del marchio Vorwerk, scelto dalla stragrande maggioranza delle casalinghe per una questione di feedback e rapporto qualità/prezzo.

La conosciutissima azienda tedesca produce dispositivi di fascia alta sempre all’avanguardia e di ultima generazione altamente performanti, ma il cui prezzo è quasi proibitivo per molti consumatori.

La Worverk, infatti, ha dato vita a due degli elettrodomestici più apprezzati e utilizzati, il robot da cucina Bimby e l’aspirapolvere Folletto, che, da nuovi, spesso diventano regali di nozze o investimenti importanti da fare in famiglia.

Rivolgendosi al mercato dell’usato, invece, tutto questo diventa meno oneroso, a patto, ovviamente, di fare con attenzione l’acquisto giusto.

Un Folletto usato ricondizionato, o un Bimby di seconda mano, può essere la scelta più appropriata da fare, in questi casi, anche perché  la ditta produttrice, attenta a soddisfare le esigenze del consumatore, offre una ricca gamma di accessori e ricambi che riescono a prolungare al massimo la vita di questo elettrodomestico, consentendo di avere in casa sempre qualcosa di altamente performante e facile da rimettere a nuovo in ogni sua parte.

Insomma, investire in elettrodomestici di second-hand ricondizionati, garantiti e possibilmente venduti con la formula ” soddisfatti o rimborsati” è sicuramente una soluzione vincente per molte famiglie: l’importante è che ci si accerti che si tratti di usato sicuro e garantito da un commerciante affidabile.

Se volete scoprire altri modi per fare acquisti in modo conveniente, date un’occhiata anche a:

Credit photo intestazione: Achim Hepp for Flickr.com

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro