Come pulire il peltro

Consigli pratici e per pulire il peltro antico e moderno annerito ed ossidato e suggerimenti utili per conservarlo nel modo corretto.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Evviva! Ho quasi finito di pulire e lucidare quasi tutti gli oggetti di casa in metallo e mi mancano solo quelli in peltro, ma ne ho pochissimi e spero proprio di finire la pulizia del peltro entro le prossime 2 ore, completando così..l’opera. 🙂

Il peltro è una lega costituita al 90 per cento di stagno a cui sono aggiunti altri metalli come il bismuto, l’antimonio e il rame.

Il peltro antico può anche contenere percentuali di piombo, oggi  non più impiegato in quanto è tossico.

Teiera, lattiera e zuccheriera di peltro antico

Se non si vogliono adoperare i prodotti appositi in commercio, nocivi comunque per la salute e per l’ambiente, possiamo, come per gli altri metalli, impiegare sostanze naturali per pulire il peltro annerito ed ossidato nel modo più ecologico possibile.

Il bello del peltro è la patina, che dona quella tipica aria di “vissuto”, della quale si deve sempre evitare la rimozione e il danneggiamento.

Pulizia corretta degli oggetti in peltro

Le spugnette abrasive e la paglietta non si devono mai usare per la pulizia del peltro.

Se gli oggetti non presentano materiali non lavabili, la cosa migliore è immergerli in acqua tiepida in cui si saranno sciolte scaglie di sapone di Marsiglia per almeno mezz’ora e poi si sciacqua con acqua demineralizzata, si asciuga bene, li si tratta con un velo di olio di vaselina e infine li si lucida con un panno di lana.

Se il peltro è molto sporco e annerito si può levare la polvere e l’eventuale grasso con alcol denaturato e poi , con l’aiuto di una spugna umida, si stende sull’oggetto una pastetta composta da 1 cucchiaio di sale fino, 1 cucchiaio di amido e succo di limone quanto basta perché la crema risulti morbida; poi si sciacqua accuratamente, si asciuga e si lucida.

Foglie di cavolo crudo

Le macchie e le incrostazioni possono essere asportate strofinandovi sopra ripetutamente una foglia di cavolo crudo fin a farne uscire il succo, ma anche l’alcool denaturato può essere utile a questo scopo.

Le macchie del peltro moderno possono essere trattate anche passandovi sopra un po’ di Bianco di Spagna (polvere di carbonato di calcio) con un panno umido; utile anche strofinare l’oggetto con una fetta di patata cruda.

Le tracce di ruggine si possono eliminare con una miscela di petrolio e olio di oliva, ma anche strofinare con una fetta di patata cruda imbevuta di sapone di Marsiglia.

Per la pulizia d’intarsi e ceselli ci si può aiutare con uno spazzolino da denti a setole morbide intriso di alcol denaturato.

Per fare brillare il peltro si strofina con una foglia di cavolo crudo o con un intruglio di sapone liquido e birra calda.

Dopo ogni trattamento bisogna sempre sciacquare, asciugare bene e lucidare con un panno di lana o di pelle di daino.

Per dare al peltro un aspetto “antichizzato” lo si strofina con un pezzo di sughero.

Se gli oggetti sono antichi e di valore, bisogna avere la massima attenzione a non schiarire la patina scura che li impreziosisce, evitando le sostanze abrasive e lavandoli solamente con sapone neutro per poi lucidarli con un panno di lana.

Esistono prodotti specifici per il peltro antico, ma raccomando di chiedere sempre consiglio ad un esperto per non fare danni.

Ora che  abbiamo visto come pulirlo, passiamo ad alcuni accorgimenti per la corretta conservazione del peltro:

se si ripongono gli oggetti in peltro per lunghi periodi, è bene avvolgerli in appositi panni “trattati” con sostanze specifiche che prevengono la formazione di ossidazioni e muffe.

Il  peltro non va mai collocato in prossimità del fuoco (  potrebbe fondere ) e nemmeno si deve sottoporre a temperature inferiori ai 18 gradi, poiché il raffreddamento della lega potrebbe causare la malattia conosciuta come “peste dello stagno”.

Bustine di silica gel igroscopico

Se gli oggetti in peltro sono esposti in una vetrinetta chiusa, è consigliabile mettere all’interno della stessa piccole quantità di sostanze igroscopiche, come il gel di silice, che aiutano a mantenerne l’integrità e lo proteggono da umido e macchie di muffa.

Articoli correlati:

Credit photo foglie di cavolo: Robek for Wikimedia.org

Credit photo bustine di gel di silice: Pxhere.com

Credit photo peltro antico: HomeMaker for Pixabay.com

Salva

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

4 commenti su “Come pulire il peltro

  1. GRAZIE PER LE INFORMAZIONI. MA COME SI FA A CAPIRE SEIL PELTRO è ANTICO?. GRAZIE

    1. Il peltro antico di solito ha una patina particolare, anche se spesso oggetti fatti adesso vengono “antichizzati” artificialmente. 🙂

  2. posso attaccare su un’icona di peltro la foglia oro per renderla particolare?

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro