Come fare seccare i funghi

Come essiccare i funghi in casa nel modo corretto: procedimento e consigli utili per mantenerne tutto l'aroma.

E’ finalmente arrivata la stagione dei funghi ed io, che ne sono golosissima, ho cominciato a farne scorta per il prossimo inverno, conservandoli sott’olio, sott’aceto e facendoli anche essiccare in casa.

Ieri mattina sono andata a raccogliere funghi e, avendo avuto non poca fortuna, sono tornata a casa con  due cestini ricolmi di porcini particolarmente belli e sodi, ideali da fare seccare con il metodo casalingo.

Essendo ligure, adopero tantissimo i funghi secchi che, nella cucina genovese, sono praticamente ” onnipresenti”, dando quel tocco in più a intingoli e pietanze e  io li aggiungo sempre al sugo di funghi freschi per ” rafforzarne ” il gusto.

Si sa che i funghi secchi sono costosi, ma si vi piace “andare per funghi”, oltre a divertirvi e stare all’aria aperta, riuscirete anche a risparmiare, cosa che, specie di questi tempi, non guasta proprio. 😉

Essiccare i funghi è semplice: basta osservare alcuni accorgimenti e il risultato direi che è….assicurato. 🙂

Il periodo migliore per l’essiccamento dei funghi è la fase di luna calante (quando si vuole conservare al meglio degli alimenti è meglio che la luna non sia crescente).

I funghi vanno raccolti quando il tempo è asciutto e, se non siete dei veri e propri esperti, è sempre  bene farli controllare all’ufficio micologico del territorio di competenza.

Funghi sani da fare essiccare

Mettete a seccare solo i porcini più sodi, integri, privi di parti rovinate e di parassiti e cucinate subito, da freschi, quelli  che non hanno questi requisiti.

Essiccazione dei funghi nel modo appropriato

I funghi non andrebbero mai lavati (l’aroma ne perderebbe), ma si devono pulire con cura con un canovaccio pulito e uno spazzolino morbido, in modo che tutto il terriccio venga eliminato.

Terminata la pulizia, fateli a fette sottili e, se non avete a disposizione un essiccatore casalingo ( in questo caso seguite le istruzioni del ricettario allegato),  disponeteli su un graticcio, una griglia o un vassoio, possibilmente di legno o vimini, che avrete ricoperto di carta da cucina.

Non usate la carta di giornale, come si faceva un tempo, in quanto l’ inchiostro della stampa è tossico e nocivo per la salute.

Scegliete un luogo in cui sia una buona circolazione di aria, ma, al contempo, sia riparato e che si possa chiudere la notte e in caso di maltempo.

Funhi messi a seccare nell'essiccatore elettrico

I funghi si possono seccare sia in luoghi ombrosi che al sole e vanno disposti su una superficie piana senza sovrapporli e lasciando spazio fra loro.

In alcune località italiane vengono anche infilati su uno spago sottile e poi appesi, come si fa coi peperoncini: io non ho mai provato, ma pare che questo sistema favorisca il circolo dell’aria e renda più rapida l’essiccazione.

E’ bene coprire i funghi messi ad  essiccare con una garza, in modo da evitare spiacevoli visite di insetti e non si deve dimenticare di di girarli di tanto in tanto.

Quando saranno completamente secchi, conservateli in scatole di latta foderate di carta o in sacchetti, sempre di carta, chiusi: mai usare la plastica.

Prima del consumo, i funghi essiccati vanno messi in ammollo in acqua tiepida, in modo che si ammorbidiscano, e poi si scolano senza buttare via l’ acqua che va aggiunta quasi sempre ai sughi e alle pietanze, sempre che…..non contenga residui di terriccio. 😉

Consiglio di consumare i funghi secchi dopo 40 giorni e di non conservarli per più di un anno.

Articoli correlati:

Credit photo: Flickr.com by Ole Husby

Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti su “Come fare seccare i funghi

    1. Grazie a te, Serena.Sono contenta che il post ti sia piaciuto e…..torna presto a trovarmi. 🙂

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook