Funghi sottaceto: come farli in casa

La conservazione sott'aceto è adatta in particolare per funghi misti di varietà diverse: la ricetta con ingredienti e consigli per la preparazione.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Oggi ho trovato nel bosco parecchi funghi commestibili di tipi diversi e, dato che erano veramente tanti,  ho deciso di fare i funghi misti sott’aceto per conservarli per l’inverno.

In questo periodo vado “a funghi” appena posso: mi diverto, faccio esercizio fisico, respiro aria buona e, non comprandoli, risparmio sulla spesa, cosa molto vantaggiosa coi tempi che corrono. 😉

Anche questa domenica sono andata a raccogliere funghi, ma ho avuto meno fortuna delle altre volte e ho trovato solo pochi porcini e parecchi, invece, di altre varietà commestibili.

Avrei voluto aumentare la mia scorta di funghi secchi o fare i porcini sott’olio, ma non avevo la quantità necessaria e allora ho optato per i funghi misti sott’aceto, adoperando anche le altre varietà meno pregiate dei porcini, ma gustose ugualmente, come chiodini, prataioli e finferli ( galletti).

Penso, infatti, che la conservazione nell’aceto sia più adatta di quella sottolio quando si tratta di diversi tipi di funghi: il sapore ne guadagna, specie se si tratta di champignon che, se conservati sottolio…..sanno veramente di poco. 😉

Una raccomandazione importante: usate un aceto di vino rosso di buona qualità e possibilmente “bio” (come, ad esempio, quello della Probios ), dato che uno scadente e poco genuino potrebbe svilire il sapore dei funghi.

Ecco la ricetta che ho seguito per preparare la conserva.

Ingredienti per riempire 4-5 vasetti da 250 ml:

1 chilo di funghi misti freschi;
1 stecca di cannella;
aceto di vino rosso q.b;
aglio q.b;
alloro q.b;
pepe in grani q.b;
chiodi di garofano q.b;
sale q.b.

Preparazione dei funghi sott’aceto

Pulite i funghi senza lavarli (perderebbero una buona parte del tipico ” profumo di bosco “), aiutandovi con un coltellino a punta, una spazzola dalle setole morbide e un canovaccio inumidito.

Tagliate a metà o a pezzi quelli più grossi, in modo che siano tutti di misura equivalente.

Mettete sul fuoco abbondante aceto con il sale, portate a bollore e fate scottare per circa 15-20 secondi se i funghi sono di piccole dimensioni, come i chiodini e i galletti; se, invece, si tratta di funghi porcini o champignon, prolungate la cottura per 3-4 minuti facendo attenzione che la consistenza rimanga ben soda.

Scolateli con la schiumarola, disponeteli distesi in piano su un canovaccio e ricopriteli con un altro panno da cucina.

Aromatizzate l’aceto con pezzetti di cannella, spicchi d’aglio, foglie d’alloro e pepe in grani e lasciatelo diventare tiepido e, infine, togliete l’aglio e l’alloro.

Filtrate la soluzione in modo che trattenga gli aromi,ma non residui.

Mettete i funghi nei vasi a strati, premete delicatamente, sistemate le grigliette ferma-verdure e versate infine il liquido: l’aceto deve ricoprire i funghi del tutto.

Coprite i vasi, senza chiuderli, e sistemateli in un luogo fresco , asciutto e buio.

Dopo 3 giorni fate ribollire l’aceto per 2-3 minuti, aggiungetene un po’ se è necessario, lasciate che si raffreddi e versatelo nuovamente sui funghi nei vasetti.

Chiudete i contenitori con tappi nuovi e sterili e conservate sempre in luogo buio, fresco e privo di umidità.

Consiglio di consumare i funghi sott’aceto dopo 40 giorni, conservando poi i vasetti chiusi in frigorifero.

articoli correlati:

credit photo: Paul Barker Hemings for Flickr.com

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro