Come coltivare una pianta di avocado in casa facilmente a spesa zero

L'avocado è una pianta che può abbellire un'abitazione a costo zero: istruzioni pratiche per coltivarlo in casa senza spendere soldi per acquistarlo dal vivaista.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

L’ avocado cresce bene e fruttifica spesso anche in Italia nei luoghi dove il clima è particolarmente mite, ma può anche essere una pianta d’appartamento molto decorativa ed oggi voglio spiegarti come anche chi non ha il “pollice verde” può coltivarla in casa in maniera molto semplice e senza spendere inutilmente denaro per l’acquisto della piantina.

Una pianta di avocado ha un prezzo intorno ai 30 euro ed è difficile trovare vivaisti che la vendano a un costo minore, ma puoi fare germogliare il seme a spesa zero (e facendo divertire i bambini) se segui le semplici indicazioni di questo post.

Premetto che il frutto di partenza deve essere ben maturo, dato che il nocciolo di un avocado ancora acerbo potrebbe non germinare affatto o impiegare parecchio tempo a farlo.

Coltivazione dell’avocado in casa

Prendi un avocado, taglialo a metà, usa la polpa per fare la Guacamole o altri piatti facili ed appetitosi a base del frutto e sciacqua accuratamente il seme.

Come sospendere nell'acqua il seme di avocado con gli stecchini

Il seme, a differenza di come si fa con la maggior parte delle piante da frutto, non deve essere messo direttamente nel terriccio, ma va sospeso in acqua fino a quando le radici e il fusto saranno in grado di sostenere la pianta.

Procedi in questo modo:

  • tenendo il seme con la punta verso l’alto, inserisci nella sua parte tenera 3 stecchini di legno per 1/3 della loro lunghezza totale.
  • Riempi un bicchiere o un recipiente simile di vetro ( il materiale deve essere trasparente per poter capire quando bisognerà aggiungere acqua) con dell’acqua fresca.
  • Metti il seme “impalato” con gli stecchini sul bicchiere, posizionandolo in modo che la parte inferiore dello stesso sia immersa nell’acqua.

Sistema il tutto in un punto luminoso della casa dove la luce del sole non sia diretta per l’intera giornata e aggiungi acqua fresca quando ce n’è bisogno (la parte bassa del seme deve “pescare” sempre nell’acqua).

A questo punto non ti resta che aspettare che il seme cominci a mettere le radici.

Non posso dirti quanto tempo ci metterà con esattezza, ma indicativamente passano circa 6-8 settimane prima che appaiano prima le radici e successivamente il germoglio.

Quando il germoglio, prendendo nutrimento dal seme, sarà diventato uno stelo alto circa 6 centimetri, potalo di 3 centimetri.

Controlla i progressi della piantina di avocado, cambia l’acqua quando è necessario e taglia ancora lo stelo quando avrà nuovamente raggiunto i 6 centimetri (accorcialo di 3 come la volta precedente).

La doppia potatura serve per fare sviluppare nuove radici e rendere la pianta più forte e ricca di foglie, ma, se vuoi limitarne le dimensioni, taglia il fusto una sola volta.

 3 piante di Persea americana a diversi stadi di crescitaQualche settimana dopo la prima potatura accertati che le radici siano ben sviluppate e che lo stelo abbia messo nuove foglie e trasferisci la pianta in un vaso contenente del terriccio organico, rimuovendo gli stecchini e non interrando completamente il seme.

Ricopri accuratamente le radici con il terriccio, ma lascia esposta la metà superiore del seme.

Il vaso deve avere un buon drenaggio e il diametro di circa 25-30 centimetri, dato che in un vaso di minori dimensioni le radici potrebbero aggrovigliarsi e bisognerebbe procedere prontamente al rinvaso della pianta per non inibirne la crescita.

Subito dopo aver invasato la pianta devi annaffiare con delicatezza e senza smuovere la terra.

Sistema la pianta un un punto della casa protetto da correnti d’aria e sbalzi di temperatura e assicurati che abbia una buona esposizione alla luce del sole solo per una parte del giorno (l’avocado, soprattutto quando fa molto caldo, sopporta la luce solare diretta solo se non è costante).

Nei primi tempi dopo la messa a dimora bisogna dare acqua alla pianta spesso, per poi annaffiarla solo in quantità sufficiente a mantenere la terra umida, dato il colletto della Persea americana (nome botanico) è particolarmente vulnerabile a funghi e muffe e le radici possono sviluppare marciume.

Come vedi, coltivare in casa una pianta di avocado non presenta particolari difficoltà, ma ricordati di rinvasarla una volta all’anno con del terriccio organico nuovo per fare in modo che resti sana e rigogliosa.

Se ne vuoi sapere di più sull’avocado, dai un’occhiata anche a:


Credit photo: Wikimedia.org by By KVDP (Own work)

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro