Guacamole: la salsa di avocado messicana

Ricetta del Guacamole, tipica salsa di avocado messicana, adatta per aperitivi e accompagnamento di piatti vari.Trucchi e suggerimenti.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il Guacamole è una tipica e antichissima salsa di avocado della cucina messicana, conosciuta fin dai tempi degli Aztechi: infatti  il nome AhuacamOlli, deriva da “Ahuacatl “(avocado nella lingua azteca) e “molli” (salsa).

L’avocado è ricco di proprietà benefiche per l’organismo e consumare spesso questa salsa, oltre a soddisfare il palato, permette di ricavarne vantaggi preziosi per la salute.

La preparazione tradizionale del Guacamole prevedeva l’uso del ” molcajete “, tipici mortaio e pestello messicani, per sminuzzare e mischiare i componenti della salsa, ma, dato che non sono facili da reperire, gli appassionati di Guacamole che desiderano essere perfezionisti nella preparazione, possono benissimo usare il surikoji e il suribachi.

La ricetta originale include solo polpa di avocado, succo di lime  ( o di limone ) e sale, ma col tempo sono state elaborate delle varianti con l’aggiunta di chili, cipolla, aglio, pepe, cumino, coriandolo, e pomodori.

La preparazione del Guacamole è molto rapida e facilissima, basta solo fare attenzione che l’avocado sia ben maturo, morbido al tatto, ma non troppo molle: scegliere l’avocado adatto e maturo al punto giusto è fondamentale per la buona riuscita della ricetta.

Se avete acquistato un frutto acerbo e duro, potete fare in modo di accelerare la maturazione mettendolo assieme a una banana o a una mela in un sacchetto di carta chiuso, in modo che l’etilene sprigionato favorisca il processo.

Ingredienti:

2 avocadi maturi;

1 spicchio d’aglio;

1 peperoncino verde piccante fresco o salsa Tabasco (possibilmente del tipo “verde”);

200 grammi di pomodori non acquosi;

1 cipolla piccola (meglio se di Tropea);

3 cucchiai di olio extravergine di oliva;

1/2 cucchiaio di cumino in polvere; succo e scorza grattugiata di un lime o di un limone biologici;

sale e pepe q.b.

Preparazione della crema Guacamole secondo la ricetta messicana

Interno di avocado maturo Tagliate gli avocadi a metà e privateli dei noccioli; riducetene la polpa in piccoli dadini; mettetene da parte la metà e ponete in una ciotola la polpa rimanente, dove la schiaccerete con l’aiuto di una forchetta fino a che avrà raggiunto una consistenza cremosa.

Levate la buccia ad aglio e cipolla e tritateli finemente con la mezzaluna; levate la pelle ai pomodori, eliminate i semi e tagliateli a dadini.

Aggiungete il tutto alla polpa di avocado.

Grattugiate la scorza del lime o del limone, spremetene il succo e aggiungeteli al composto.

Tritate finemente il peperoncino verde e unitelo agli altri ingredienti, o, in mancanza, aggiungete un cucchiaino di Tabasco Verde (la misura è indicativa, in quanto si tratta di un condimento molto piccante e ognuno deve regolarsi secondo il proprio gusto).

Aggiungete il cumino, l’olio, salate, pepate e mescolate il Guacamole con cura fino a quando la crema sarà bene amalgamata.

Infine aggiungete i dadini di avocado tenuti da parte e mischiate ancora una volta col cucchiaio di legno.

Coprite con una pellicola di plastica da cucina, cercando di eliminare le sacche d’aria il più possibile e lasciate riposare in frigorifero prima di servire.

Il Guacamole va consumato in tempi rapidi in modo che la polpa dell’avocado non passi dal verde ad una verdastro scuro poco invitante,  colorazione dovuta al combinarsi dell’enzima polifenolossidasi con l’ossigeno dell’aria.

Questa salsa nasce come antipasto e in Messico si abbina con fettine di lime intinte nel sale, tortillas, tacos, chips di granturco e tostadas, ma si sposa bene anche con carni grigliate, insalate e alcuni piatti a base di pesce.

Io la mangio spesso spalmata su pane casareccio e mi piace anche accompagnata da fette di polenta abbrustolita.

Ottimi anche gli spaghetti al Guacamole: si fanno saltare dei muscoli in padella  con olio e aglio, li si sgusciano e si aggiungono alla salsa di avocado con cui si condisce poi la pasta; io, in estate, faccio anche l’insalata fredda di pasta con questa crema, usando formati corti.

Servo molto spesso la salsa di avocado, accompagnata a crostini di pane tostato, come stuzzichino per l’aperitivo e…..faccio un figurone. 🙂

Detesto invece la “versione americana” di questo gustoso intingolo, che prevede l’aggiunta di salsa maionese e di panna acida: trovo che questi 2 ingredienti coprono il sapore delicato della salsa di avocado.

Del resto nella ricetta originale messicana del Guacamole non è assolutamente prevista tale aggiunta.

Come tagliare l’avocado:

 

Credit photo intestazione: Pixabay.com by stevepb

Credit photo avocado tagliato: Pixabay.com by stevepb

Credit video: Youtube.com by Fanpage.it

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

6 commenti su “Guacamole: la salsa di avocado messicana

  1. Devo dire che l’avocado le poche volte che l’ho assaggiato (a feste e banchetti vari) non mi ha entusiasmato. Troppo burroso forse…non so se mi spiego.
    Comunque la salsa guacamole non l’ho mai provata. Però comunque c’è il problema del piccante: io non mangio mai cose piccanti o solo se lo sono pochissimo, perchè mi dà fastidio 🙁
    Potrebbe andare bene per mio marito che invece ama i cibi piccanti!

  2. Puoi renderla meno piccante eliminando il Tabasco e spezie.Certo che se non ti piace l’avocado, è un’altra storia.A me piace molto e lo mangio spessissimo, anche se…..ingrassa:-(Ma pare che i grassi che contiene siano buoni per la salute.Sperem!

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro