Rotolo di tacchino brasato senza vino

Come preparare l'arrosto di tacchino brasato senza l'impiego del vino: la ricetta per chi non vuole usare alcol in cucina.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Brasato senza il vino? Come è possibile che riesca bene?

Possibilissimo!

E ve lo dimostro in questa ricetta del rotolo di tacchino brasato senza vino, particolarmente adatta a coloro che preferiscono evitare l’uso di alcolici in cucina.

Allo stesso modo potete anche cucinare brasati di carne rossa, ma io preferisco impiegare rotoli di tacchino, pollo e coniglio, maggiormente salutari.

Il brasato di tacchino “analcolico” è gustoso, di facile esecuzione, ideale in ogni stagione, piuttosto dietetico ed economico: se vi piacciono i brasati, vi consiglio di provare la ricetta e….non ve ne pentirete.  🙂

Per fare il rotolo è possibile impiegare sia la coscia di tacchino che la fesa, ma quest’ultima è meno grassa e più indicata per chi segue un regime alimentare disintossicante o ipocalorico.

Del resto nella cottura del tacchino brasato in questo modo sono presenti solo 2 cucchiai di olio extravergine di oliva

Suggerisco di richiedere al macellaio o al pollivendolo di preparare e di legare lui il rotolo: risparmierete tempo e fatica inutile.

Ingredienti per 6 persone:

1 rotolo di tacchino disossato di circa 1,200-1,400 kg.;
4 pomodori sodi e maturi;
18 cipolline novelle;
2 peperoni rossi del tipo dolce;
2 cucchiai di olio extravergine di oliva;
1 rametto di rosmarino fresco;
1 mazzetto di sapori freschi ( timo, alloro, prezzemolo );
sale e pepe q.b.

Preparazione del tacchino brasato senza l’aggiunta di vino

Innanzitutto occorre pelare i peperoni dopo averli fatti abbrustolire sulla fiamma o nel forno, tagliarli a metà, pulirne l’interno ( eliminando le parti bianche e i semi ) e tagliarli a listarelle.

Lavate i pomodori, asciugateli, fateli in 2 e svuotateli senza levare loro la pelle.

Mettete il tacchino legato in una casseruola capiente ( possibilmente di terracotta o di ghisa ) dai bordi abbastanza alti, irrorate con 1 cucchiaio di olio extravergine e fatelo dorare su tutte le parti a fiamma vivace.

Quando avrà preso colore, levatelo e tenetelo in caldo.

Nella stessa casseruola in cui avete fatto rosolare il tacchino aggiungete 1 altro cucchiaio d’olio e le cipolline novelle intere ( che avrete preventivamente lavate, mondate e private della pelle ) e fatele imbiondire, stando attenti che non prendano troppo colore.

Poi unite anche i peperoni e, quando questi saranno diventati morbidi, aggiungete i pomodori e continuate la cottura per qualche minuto a fuoco basso e mescolando delicatamente col cucchiaio di legno di tanto in tanto.

Liberate il fondo della casseruola dalle verdure e adagiateci il tacchino, unite il mazzetto di erbe aromatiche, versate sul fondo un bicchiere di acqua calda e, infine, aggiustate di sale e pepe.

Coprite col coperchio e fate cuocere il tutto per circa 90 minuti a fuoco dolce, rivoltando il rotolo di tacchino a metà cottura ( non usate il forchettone, ma aiutatevi con le apposite spatole ).

Quandola carne sarà diventata tenera, levatela dal fuoco, lasciatela intiepidire su un tagliere di legno, slegatela e tagliatela a fette non troppo sottili.

Disponete le fette ottenute sul piatto di servizio riscaldato in precedenza e circondatele con le cipolle e i pomodori.

Levate il grasso eccedente al fondo di cottura, togliete il mazzetto di erbe e passate il sugo al passatutto.

Poi rimettetelo sul fuoco, regolatene la consistenza ( aggiungete poca acqua se risulta troppo denso o  fatelo bollire qualche minuto senza coperchio se è eccessivamente liquido ).

Versate il sugo ben caldo sulle fette di carne e servite subito in tavola: il rotolo di tacchino brasato sarà ugualmente buonissimo e saporito anche senza l’aggiunta del vino.

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

7 commenti su “Rotolo di tacchino brasato senza vino

  1. E’ uno dei secondi che preferisco, saporito e corposo, tu l’hai preparato splendidamente e senza vino!!!
    Buon anno (anche se in ritardo…) e che sia pieno di soddisfazioni, sereno e felice!!!
    Un abbraccio
    Flora

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro