Pitturare pareti e finestre: trucchi e consigli utili

Tinteggiare le pareti e rinfrescare le finestre e le porte di casa è un lavoro che si può benissimo svolgere da soli col fai da te: utili consigli e trucchi per pitturare senza commettere errori.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Ho già scritto a proposito della tinteggiatura delle pareti di casa, ma oggi voglio darvi alcuni consigli e trucchi utili  per dipingere i muri e verniciare le finestre al meglio e senza che si presentino spiacevoli inconvenienti.

Queste “dritte”, scaturite dall’esperienza e assimilabili ai trucchi delle nonne nelle faccende domestiche, mi sono state date da un vecchio e bravissimo imbianchino: dal giorno che me le ha fornite, le ho subito adottate e le metto in pratica ogni volta che devo pitturare pareti, soffitti, porte e finestre.

Vi consiglio di seguirle per facilitarvi il lavoro e risparmiare tempo e fatica. 🙂

Vediamole ora insieme, una per una.

Se dovete dipingere il soffitto, proteggete i lampadari, avvolgendoli accuratamente in teli di nylon.

Nella tinteggiatura del soffitto è necessario usare il pennello negli angoli e nelle parti difficili da raggiungere col rullo: infilatelo in in piatto di carta, fissandolo con lo scotch, per evitare che vi cadano addosso eventuali sgocciolamenti di tinta.

Dare la tinta a finestre e porte senza sporcare vetro, cornice, maniglie

Mettete in pratica questi trucchi:

  • usate il nastro adesivo di carta per imbianchini e carrozzieri e applicatelo sul vetro in stretta prossimità delle parti da dipingere, avendo cura che aderisca bene ai bordi e agli angoli; allo stesso scopo potete anche usare delle strisce di carta di giornale inumidite in acqua tiepida, che rimarranno aderenti al vetro per il tempo necessario alla verniciatura della finestra.
  • Strofinate sulla superficie del vetro una saponetta umida o applicate col pennello del detersivo liquido per i piatti: sciacquate il vetro quando la pittura si sarà completamente asciugata.
  • Prima di verniciare gli infissi di una finestra, pulitene bene gli angoli e le scanalatura con un vecchio pennello e con uno spazzolino da denti usato.
  • Se dovete stuccare le finestre, mescolate in po’ di pittura dello stesso colore della cornice di legno allo stucco.
  • Proteggete i cardini, le maniglie, le serrature e le altre parti metalliche con uno stato di vaselina prima di procedere alla verniciatura.
  • Applicate una mano di essenza di limone sulla cornice di legno prima di dipingerla: se dovessero formarsi delle gocce di pittura, verranno via facilmente.

Eliminare le macchie di pittura sul vetro di finestre e porte

Se, anche avendo adottato gli accorgimenti sopra elencati, avete sporcato inavvertitamente il vetro, ecco i rimedi:

  • Ammorbidite le vecchie macchie con la trementina ed eliminatele con l’aiuto di una lametta o del raschietto, facendo attenzione a non rigare la superficie del vetro.
  • Se la macchia di vernice sul vetro è fresca ed appena asciugata, mandatela via con un panno bagnato con dell’aceto caldo.
  • Lasciate agire del solvente per lo smalto da unghie sulla parte macchiata e poi strofinate con un panno e lavate con una soluzione di acqua tiepida e sapone: di solito la pittura viene via, anche de la macchia è di vecchia data.

Risparmiare tempo nella tinteggiatura

Se state facendo una tinteggiatura che si protrarrà per più giorni, invece di pulire i pennelli ogni volta che li adoperate, avvolgeteli nella carta stagnola, metteteli in freezer ( in uno scomparto dove non ci siano alimenti) e fateli scongelare per un’ora e mezza prima di utilizzarli nuovamente.

Se adoperate il rullo, mettete un sacchetto grande di plastica nella bacinella prima di versarvi dentro la pittura e buttatelo via quando avete finito il lavoro.

 Eliminare la puzza di vernice

Aggiungete 2 cucchiaini di estratto di vaniglia ad ogni litro di pittura che usate per dipingere e poi mettete nella stanza tinteggiata di fresco un catino d’acqua in cui avrete diluito 1 cucchiaio di ammoniaca e lasciatela riposare per una notte intera.

Se non volete usare l’ammoniaca, ponete una grossa cipolla sbucciata e tagliata in una bacinella contenente acqua fredda: la cipolla attirerà l’odore di pittura.

Vernice che fa i grumi e bianco che diventa giallastro

Per evitare che si formino grumi nella pittura, sappiate che il colino più adatto a cui passarla è una vecchia calza di nylon e adoperate un frullino da bibite in plastica per mescolarla.

Ritagliate un cerchio in una vecchia zanzariera o in un retino usato ( il cerchio ottenuto deve essere lievemente più piccolo del diametro del barattolo di pittura ) e mettetela nel contenitore della vernice: affondando, la rete si trascinerà sul fondo tutti i grumi.

Per evitare che il bianco assuma una colorazione giallastra: versate una goccia di pittura nera in quella bianca e mescolate per bene.

Ultimo trucco utile nel dipingere gli infissi di porte e finestre e tinteggiare in casa: passate una mano della medesima tinta che avete adoperato su un pezzetto di legno, che sarà un utile campione di colore se dovrete poi acquistare qualcosa che sia in tinta.

articoli correlati:

credit video: Barbara Gulienetti

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

3 commenti su “Pitturare pareti e finestre: trucchi e consigli utili

  1. Il mio consiglio per pitturare al meglio la propria casa è quello di rivolgersi a dei professionisti

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro