Macchina del pane: come si usa e cosa fa

Consigli per l'uso ottimale della macchina del pane, validissima alleata nel preparare in casa pane, impasti, alimenti per persone celiache e molto altro.

Dato che non sarò mai abbastanza grata a chi ha inventato la MdP, grazie alla quale finalmente mangio prodotti da forno genuini e salutari e riesco ad ottenere un notevole risparmio di tempo e di denaro, in questo post voglio spiegarti i vantaggi degli svariati usi della macchina del pane e come usarla per permetterle di dare le migliori prestazioni.

Vantaggi e usi in cucina della macchina del pane

Da quando  possiedo questo miracoloso elettrodomestico non faccio più lunghe file dal fornaio, non devo uscire a comprare il pane se fa troppo freddo o troppo caldo e, inoltre, posso programmarlo in modo di avere una pagnotta fragrante e profumata al mattino quando mi sveglio.

Con la MdP, grazie al lavoro della quale si può risparmiare denaro, tempo e fatica, perché il sano pane casalingo dura di più di quello del fornaio, non fa autonomamente solo l’alimento più consumato dagli Italiani,  ma, dato che lavora meccanicamente anche vari tipi d‘impasti con programmi appositi d’impastatura, sempre più spesso mi faccio in casa pure la pizza, il pan brioche e i croissant. 🙂

Impasto per pizza fatto con la macchina del pane

I risultati, in special modo con la pasta per pizza ( per la cui preparazione mescolo spesso la farina bianca con quella integrale) sono eccezionali: in questo modo la macchina del pane mi consente di risparmiare e mangiare bene e in modo salutare.

Si può fare la polenta con la macchina del pane , la panissa e la salsa bechamel senza doverle mescolare a mano e questo, almeno per me, è molto importante. 🙂

Le marmellate, realizzate facilmente e senza alcuna fatica con il programma “confettura”, sono buonissime e devo dire che anche il budino al cioccolato riesce molto bene.

Girando su Internet a caccia di ricette apposite, ho imparato anche a cucinare con la macchina del pane un delizioso sugo con la salsiccia e i grissini fatti in casa.

Molte persone utilizzano la MdP nella preparazione della pasta frolla, ma io non lo faccio, perché il mio riparatore di elettrodomestici mi ha raccomandato di tener sempre presente che impasti troppo duri e che non prevedono l’aggiunta di liquidi potrebbero sforzarne il motore e danneggiarlo.

Talvolta adopero la multifunzionale macchina per cucinare i risotti con il programma per marmellate: non doverli girare in continuazione è veramente comodo, ma in questo caso bisogna avere l’accortezza di usare molto brodo all’inizio per evitare il rischio che i chicchi ancora duri del riso crudo possano graffiare il rivestimento interno del cestello.

Occorre, inoltre, sorvegliare assiduamente la cottura, aggiungendo altro bollente all’occorrenza e fermando la macchina una volta che il risotto è pronto senza aspettare che termini il programma.

È possibile usare l’apparecchio per fare il pane senza glutine e impasti per celiaci, ma, non avendo in casa persone affette dall’intolleranza, non ho provato a prepararli e sinceramente non so se si ottengono perfetti con una semplice MdP come la mia o se in questo caso è meglio servirsi di  apparecchio provvisto di un programma di ultima generazione studiato e “ pluricollaudato ” a questo scopo , come lo  Zero Glu della Imetec, che, a detta di chi lo usa, pare sia il non plus ultra per le ricette gluten-free.

Suggerisco, se avete già una macchina del pane priva di questa funzione, di fare una prova con una farina specifica, come quella della Schar, prima di acquistarne una nuova.

Certo che, con quello che costano i prodotti per celiaci, il risparmio ottenuto per mezzo della preparazione casalinga sarà notevolissimo!

Quando ho acquistato per la prima volta un piccolo elettrodomestico di questo tipo, ho evitato di comprare pubblicazioni costose e ingombranti per imparare ad usarlo al meglio, ma in un primo tempo ho provato le ricette dell’annesso libretto e poi ho cercato sul web, dove ho trovato numerosissime preparazioni di tutti i tipi e piuttosto facili a farsi.

In fondo al post trovate i link ai siti di ricette per la macchina del pane che consulto più spesso, mentre trovo che adesso sia opportuno limitarmi ai consigli basilari sul corretto uso della MdP che vi saranno effettivamente utili, senza confondervi le idee con ulteriori indicazioni che sarebbero superflue in questo contesto.

Come adoperare la macchina del pane correttamente affinché funzioni alla perfezione e duri a lungo

Ecco i miei suggerimenti per evitare di commettere i più frequenti errori e fare in modo che la macchina del pane lavori al meglio:

  •  assicurarsi sempre che la pala impastatrice sia ben montata.
  •  Attenersi alle dosi esatte ed immettere gli ingredienti nell’ordine  indicato.
  • Non aprire il coperchio durante l’impastamento e cottura (se non all’inizio della prima fase per controllare la consistenza dell’impasto), in quanto il contatto con l’aria fredda potrebbe far sgonfiare il composto e…quello che vedete qui sotto sarebbe l’inevitabile risultato finale. 😉

Pane riuscito male affossato al centro

  • Se la consistenza non è quella giusta, si deve aggiungere, durante l’impasto, un cucchiaio di acqua tiepida se è troppo dura, o di farina se risulta troppo morbida, e si aspetta qualche qualche minuto, affinché il tutto si amalgami bene prima di aggiunte eventuali: l’impasto è ideale quando è un po’ appiccicoso al tatto, ma non si attacca al dito.
  • Levare con una spatola di plastica le parti dell’impasto rimaste eventualmente attaccate alle pareti del cestello, in modo che si uniscano al resto.
  • Prendere appunti se si modifica una ricetta con un risultato soddisfacente, in modo di averli sottomano quando si vuole eseguirla nuovamente.
  •  Verificare la cottura finale, in quanto, in particolar modo per i dolci, spesso occorre riavviare il programma di cottura per una decina di minuti.
  • Si può aiutare la lievitazione aggiungendo bicarbonato nella quantità di una puntina di un cucchiaino.
  • Se si desidera che la crosta riesca particolarmente  croccante, si può aggiungere all’impasto un cucchiaio di miele o di malto, ma, in questo caso, bisogna aumentare la quantità di sale.
  • Se la superficie del pane tende a rimanere troppo chiara  (succede spesso, in quanto il portello col vetro d’ispezione non emana calore in quasi tutti modelli delle MdP), si può finire la cottura nel forno al grill.
  • Controllare che l’interno della pala impastatrice sia libero da residui d’impasto prima di ogni uso, in modo di facilitare l’estrazione del pane ed evitare che la pala vi resti conficcata.
  • Lasciare riposare l’apparecchio almeno 15 minuti tra un uso e l’altro per evitarne il surriscaldamento del motore.

Per ottenere il massimo risparmio, suggerisco di preparare ogni volta la quantità maggiore di pane prevista dal tipo di macchina , conservando in freezer quella eccedente al fabbisogno: usiamo il congelatore per risparmiare.

Per consumare meno energia, consiglio la cottura dell’impasto nel forno, in quanto un forno di classe A impiega molto meno potenza della macchina del pane; inoltre si possono dare alla pagnotta forme diverse o preparare singoli panini.
Treccia di pane da cuocere
Se si esegue la cottura in forno, si può fare ulteriore economia cuocendo contemporaneamente pane e pizza, in quanto i relativi impasti sono simili.

Per quanto riguarda le ricette con la macchina del pane, trovo particolarmente utile il libretto di Digidownload, il sempre utilissimo Gennarino e il ricettario di Kucinare.

Articolo aggiornato il 9 luglio 2020

credit photo intestazione: Flickr.com by Alpha

credit photo impasto per pizza: Flickr.com by Alan Levine

credit photo pane riuscito male: Flickr.com by Oliver Quinlan

credit photo treccia di pane: Flickr.com by Alpha

Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA

11 commenti su “Macchina del pane: come si usa e cosa fa

  1. Ho comprato la MdP del Carrefour in offerta a 39.90, e da quel momento non compro più pane. Mi diverto anche a fare qualche esperimento con farine diverse. Non è difficile, e da molta soddisfazione.

    1. ciao SARAH anch’io ho la tua stessa macchina del pane , ma ho perduto le istruzioni e ricette me le puoi inviare ?

  2. Ciao!!Tempo fa,curiosando su internet,mi ero anch’io imbattuta sul PDF di Matteo Brunati,che avevo trovato molto interessante e utile.Ho provato a ricercarlo ultimamente e non riesco più a trovarlo….qualcuno di voi è così gentile da indicarmi il link corretto oppure girarmi il PDF??? Vi ringrazio davvero tanto in anticipo!!!

    1. Ho provato ad andare sul sito di Brunati, ma si apre una pagina vuota,Marzia.Spero sia un problema temporaneo.Se non lo è, prova ad andare sui link che trovi qui:

  3. Mi hanno regalato la macchina del pane Kooper ma senza libretto delle istruzioni e ricettario, qualcuna può aiutarmi??? 😱😱😱

    1. Fai una ricerca su internet digitando il nome della macchina del pane.Sper anche che qualche lettore di trucchi di casa abbia la stessa MDP e possa aiutarti. 🙂

  4. Scusami, che programma usi per fare la polenta o il sugo?
    il minestrone si potrebbe fare?
    grazie

    1. Ciao Chiara e grazie per la visita.Per fare la polenta adopero il programma “marmellata”.
      Il minestrone va cotto a lungo e non occorre mescolarlo in continuazione e, a mio parere, la macchina del pane non è adatta.
      Ma sto facendo delle prove per cucinare altre cose con la MDP e, appena le avrò terminate, vi farò sapere i risultati: per ora sono buoni, ma voglio esserne sicurissima. 🙂

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook