Polenta con la macchina del pane

Come preparare un'ottima polenta con la macchina del pane in modo automatico e senza perdere tempo a girarla in continuazione.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

In autunno e in inverno viene spesso il desiderio di mangiare una gustosa e fumante polenta, ma…bisogno girarla e rigirarla col cucchiaio di legno e spesso non si ha il tempo e la voglia di farlo e allora si desiste o si ripiega sulla polenta istantanea o su quella già pronta di produzione industriale.

Ma, se si possiede la macchina del pane, fare la polenta è molto semplice, richiede solo 5 minuti di lavoro attivo e, soprattutto, nessuna fatica. 🙂

Hai qualche perplessità? Prova ad usare la macchina del pane anche per fare la polenta e i tuoi dubbi spariranno. 🙂

Come si fa la polenta con la MDP?

Semplicissimo: con il programma apposito per preparare le confetture, il programma marmellata, ormai presente in ogni MDP di nuova generazione.

Ho scoperto la cosa anni parecchi anni fa e devo proprio dire che sono soddisfattissima dei risultati che ottengo, tanto che ormai non faccio più la polenta a a mano e seguo lo stesso metodo anche per preparare la panissa, risparmiando tempo e fatica. 😉

A me piace una polenta di media consistenza e le dosi che indico valgono per il mio gusto personale, ma si può benissimo aumentare la dose di farina di granturco o ridurre la quantità di acqua per renderla più consistente o viceversa.

Insomma, fate delle prove e regolatevi secondo le vostre personali preferenze: la cosa importante è “prenderci la mano ” e finalmente scoprirete come ottenere una buona polenta senza dover rimestare e senza perdere tempo 🙂

Io, solitamente, preparo mezzo chilo di polenta, ma potete aumentare proporzionalmente le dosi per ottenere una maggiore quantità: l’importante è regolarsi secondo la capienza e potenza della vostra MDP.

Il mio consiglio è quello di non eccedere comunque i 1500 ml di acqua.

Non vi spaventate se la pala parte dopo un po’ di tempo: la macchina avvia all’inizio la funzione di riscaldamento.

Alcuni consigliano di usare l’acqua calda per fare la polenta con la macchina del pane, ma io non l’ho mai adoperata e, solitamente, uso acqua a temperatura ambiente e non fredda e mi viene bene anche senza scaldare l’acqua: non so proprio se il buon risultato dipende dal tipo di MDP che adopero, ma, nel dubbio, usate acqua bollente.

Un consiglio che non c’entra nulla con la MDP e che è valido in qualunque modo decidiate di fare la polenta: usate mais di provenienza biologica o assicuratevi che, comunque, non sia geneticamente modificato, in quanto il granturco è spesso OGM anche in Italia.

Ingredienti per ottenere 500 grammi di polenta:

125 grammi di farina di mais a grana fine del tipo ” fioretto ” di provenienza biologica;
500 grammi di acqua;
1 cucchiaino di sale;
1 cucchiaio ( o 2, secondo il proprio gusto ) di olio extravergine di oliva.

Preparazione della polenta con la macchina del pane

Pesate i singoli ingredienti e metteteli nel cestello dell’apparecchio nella seguente sequenza:

  • prima l’acqua;
  • poi la farina di mais;
  •  quindi il sale;
  • e infine l’olio.

Azionate il programma marmellata e chiudete il coperchio.

Controllate che l’impasto si amalgami bene e, se notate che ai bordi rimane della farina, raccoglietela con una spatola antigraffio o col cucchiaio di legno per evitare di rovinare l’ interno del cestello e spingetela nel composto, affinché le palette possano impastare il tutto.

Chiudete lo sportello, attendete la fine della cottura ( dipende dalla macchina, ma solitamente il ciclo dura circa un’ora e non meno di 50 minuti ) e controllate che la polenta sia cotta: in caso contrario si può aggiungere una cottura supplementare che è prevista in quasi tutte le macchine del pane.

Appena le palette impastanti smettono di lavorare e la polenta è pronta, levate subito il cestello senza aspettare la fine del programma ( l’ultima fase serve, solitamente, a tenere in caldo ), estraete la polenta bollente con un cucchiaio di legno per non rovinare il rivestimento antiaderente e sistematela nel piatto di portata: la polenta verrà via dal cestello senza lasciare resti attaccati tenacemente e in questo modo eviterete di trovarvi la polenta fredda rappresa sul fondo del recipiente a mo’ di ” budino “.

Fatto questo, riempite il cestello di acqua tiepida e lasciate riposare in modo che poi gli eventuali residui vengano via facilmente quando lo laverete usando una spugnetta antigraffio e impiegando detergenti non aggressivi o, ancora meglio, il detersivo naturale per i piatti.

Per chi desidera arricchire la polenta fatta con la macchina del pane, consiglio di aggiungere pezzetti di formaggio a seconda dei gusti personali ( particolarmente indicati sono il taleggio, il gorgonzola, il latteria, il casera e il parmigiano ) prima degli ultimi 5 minuti di cottura.

Se volete sapere come cuocere alla perfezione altri alimenti, date un occhiata anche a:

credit photo: Flickr.com by evilhayama 

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

5 commenti su “Polenta con la macchina del pane

  1. Io il gorgonzola lo aggiungo proprio a freddo, a polenta già cotta: così si scioglie intorno ma dentro resta sodo (ed è troppo gustoso mangiarlo in questo modo)^^

    Moz-

  2. Quanto è buona la polenta! Non sapevo si potesse fare con la macchina del pane. Io non ho questo apparecchio, ma prima o poi sarà un’acquisto che farò, me lo sono ripromessa.
    Un abbraccio e buona settimana che sta iniziando oramai, Franci.

    1. Cara Maris, la macchina del pane è una grande invenzione.Provala e non la abbandonerai mai più 🙂

  3. Grazie, Franci.Non sapevo si potesse fare anche la polenta con la macchina del pane.Fantastico aiuto!

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro