Macchie di tintura per capelli sui tessuti: come eliminarle

Le macchie di tintura per capelli sono tra le più tenaci ed ostiche da mandare via: i metodi più efficaci per toglierle dai tessuti di vario genere.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Applicarsi la tinta per capelli da sole in casa è economico e comodo, ma, se non si è particolarmente attente e non si adottano tutte le precauzioni possibili, è facile macchiare pelle, abiti e perfino il mobilio.

Le macchie di questo tipo sono particolarmente ostiche e tra le più difficili da mandare via, ma esistono dei metodi efficaci per toglierle e oggi comincio con l’indicarti quelli che sono i migliori, secondo la mia esperienza, per eliminare le macchie di tintura per capelli dai tessuti.

La tinta di colore chiaro è quella più semplice da trattare, seguita da quella bruna e dalla rossa, la maggiormente tenace e difficile.

Come eliminare le macchie di tinta per capelli dai vari tessuti.

Dico, innanzitutto, una cosa importantissima: prima si agisce e meglio è.

Cerca di rimuovere le macchie subito per avere maggiori probabilità di successo e per fare in modo che la tintura non penetri nella fibra della stoffa ed evita assolutamente che il capo si asciughi, perché l’eliminazione diventerebbe molto più problematica.

Inoltre sappi che se lo metti in asciugatrice o lo stiri quando è ancora macchiato, sarà quasi impossibile mandare via la macchia ( anche se, come vedrai in seguito, io ci sono riuscita con della biancheria in cotone bianco).

Dato che il calore fissa la macchia e la rende spesso indelebile, è sempre meglio fare asciugare un tessuto appena smacchiato all’ombra.

Anche per le macchie di tintura su abiti, biancheria e tessuti di arredo esistono rimedi naturali e chimici, ma occorre controllare l’etichetta e, se il capo non è lavabile ad acqua, è bene limitarti a grattare subito via la tinta, tamponarlo ripetutamente e delicatamente con un panno bianco pulito e  portarlo il prima possibile in una buona lavanderia professionale.

Anche se lavabili, devi avere molta cautela con i tessuti particolarmente delicati e la lana:

  • controlla, innanzitutto, le istruzioni di lavaggio sull’etichetta;
  • gratta via più tinta possibile e gira il capo a rovescio (agire dal rovescio è utile per evitare un’ulteriore penetrazione della tintura nelle fibre del tessuto);
  • sciacqua il punto interessato, sempre da rovescio, con acqua calda (se consentito dal tessuto, altrimenti ripiega per quella fredda);
  • applica uno smacchiatore idoneo al tipo di tessuto, attendi 30 minuti (se usi il sapone, mentre se adoperi lo smacchiatore attieniti alle istruzioni);
  •  sciacqua e procedi al normale lavaggio.

Verifica se la macchia è andata via e, se ne sono rimaste tracce, ripeti l’operazione prima che il tessuto asciughi e lava a mano i capi in seta, lana e in altre stoffe.

Per i tessuti resistenti puoi provare con i rimedi della nonna naturali che ti elenco, ma sappi che gli smacchiatori naturali possono essere efficaci nel mandare via le macchie di tintura per capelli, ma potrebbero essere causa di altri danni.

L’alcol potrebbe rovinare la fibra di capi delicati, mentre l’acqua ossigenata e il succo di limone potrebbero fare stingere quelli colorati.

Io, personalmente, ho usato i rimedi fai da te solo in presenza di macchie di tintura su capi bianchi e resistenti: funzionano spesso, ma solo se le macchie sono fresche.

Te li elenco, anche se ritengo più efficaci i metodi che ti indico in seguito:

  • il succo di limone è il prodotto naturale più conosciuto per rimuovere le tracce di tinta dai tessuti, ma funziona, secondo la mia esperienza, solo se la tinta è chiara: applicalo sulla macchia, lascialo agire qualche minuto e poi procedi al normale lavaggio.
  • Il bicarbonato è, invece, efficace se la tintura è scura: fai una pastetta densa di acqua e bicarbonato, applicala sulla parte interessata, lascia agire una decina di minuti, immergi il capo per 8 ore in acqua calda in cui avrai sciolto 3 cucchiai di bicarbonato e poi lavalo come di abitudine.
  • L’aceto di mele va usato se la tinta è rossa: impregnane bene il tessuto, lascia agire per circa 2 ore e, infine, lava il capo.

Anche la trielina,l’acqua ossigenata e l’alcol denaturato (fai attenzione: ossigeno e alcol possono scolorire le stoffe) sono utili (sfregali delicatamente e ripetutamente sul tessuto macchiato), mentre latte ed altre sostanze si sono rivelate inefficaci quando ho provato ad usarle a questo scopo.

Tipica confezione bianca e rosa del Chemico, prodotto apposito per smacchiare la pelle sporcata dalla tinta per capelli

Trovo invece utile il Chemico  (prodotto naturale apposito per rimuovere le macchie di tintura dalla pelle e molto in uso presso i parrucchieri) se la macchia è fresca, ma dato che è un cosmetico e non un detergente per tessuti, fai una prova su una parte nascosta (io non l’ho mai usato su capi colorati, ma posso assicurarti che è efficace su quelli bianchi resistenti e se si agisce tempestivamente).

Per eliminare macchie di tintura per capelli su jeans e tessuti colorati resistenti faccio in questo modo:

  • tolgo via subito più tinta possibile dalla parte macchiata;
  • giro il capo e lo sciacquo a rovescio sotto il getto di acqua calda;
  • applico uno smacchiatore adatto ai tessuti colorati ( io solitamente adopero lo Scioglimacchia per colorati Grey) o la trielina e lascio agire;
  • risciacquo con acqua calda e poi lavo immediatamente in lavatrice col normale detersivo alla massima temperatura possibile consentita dal tipo di tessuto.

Non mischio i capi macchiati di tintura con il bucato, ma li lavo a parte e ripeto l’operazione quando sono ancora bagnati se mi accorgo che sono ancora rimaste tracce di tintura.

Macchie di tintura per capelli su tessuto bianco resistente I tessuti bianchi in cotone ed altri materiali resistenti si possono trattare con il percarbonato e la candeggina e, se agisci subito prima che la macchia penetri nelle fibre e si asciughi, sono quelli che danno le maggiori ” soddisfazioni ” nel fare sparire questo tipo di macchie.

Non amo particolarmente la candeggina ( è tossica e alla lunga ingiallisce i tessuti) e preferisco usare il percarbonato di sodio: è ecologico, agisce già a 30° e, grazie alla reazione chimica in cui il prodotto si scinde in soda e ossigeno a contatto con l’acqua, è più efficace rispetto alla varechina.

Io ne aggiungo 1 cucchiaio al detersivo nel cassettino della lavatrice e procedo con un lavaggio alla massima temperatura consentita dal tessuto.

Se vuoi lavare a mano il capo macchiato, lascialo in ammollo in acqua calda in cui avrai sciolto 1 cucchiaio di percarbonato e poi procedi col normale lavaggio con il detersivo.

Il prodotto, igienizzante e sbiancante, è ottimo, ma  occorre saperlo usare e non bisogna adoperarlo su capi colorati, scuri e delicati (per approfondire, leggi il post sulle caratteristiche e impieghi del percarbonato).

Se, invece, preferisci la candeggina, matti il capo in  ammollo in acqua calda e candeggina, lavalo col normale detersivo, sciacqualo con estrema cura e fallo asciugare assolutamente lontano dai raggi del sole e da fonti di calore.

Per finire, ti racconto come ho recuperato una volta due federe bianche di cotone sporche di tinta “scaricata” sul cuscino ( per fortuna non è passata all’interno , perché  protetto dal provvidenziale salvacuscino impermeabile) dai miei capelli lavati male dal parrucchiere e che avevo inavvertitamente messe assieme al bucato senza trattarle preventivamente.

Mi sono accorta che erano sporche ormai da asciutte e ho provato a metterle in ammollo col percarbonato, ma su una delle due le macchie erano ancora molto evidenti.

Allora mi sono ricordata di un consiglio di una mia amica che suggeriva di trattare queste macchie con l’ossigeno liquido che si mescola alla tinta per permetterle di “prendere” sui capelli e, dato che la federa era comunque da buttare via, ho fatto quest’ultimo tentativo.

Ho applicato la cremina all’ossigeno direttamente sulle macchie, l’ho massaggiata bene per farla penetrare nella trama, l’ho lasciata agire una ventina di minuti e, quando poi sono tornata a controllare, le macchie sembravano andate via.

Allora ho lavato la federa e dopo il risciacquo ho potuto verificare che….erano proprio sparite. 🙂

Come vedi, c’è rimedio anche alle macchie di tintura per capelli ormai secche su un tessuto asciugato: non scoraggiarti mai e fai sempre un ultimo tentativo prima di buttare via un capo.

Se vuoi sapere come eliminare altri tipi di macchie sui tessuti, dai un’occhiata anche a:

  • Come rimediare alle macchie di candeggina
  • Eliminare le macchie di sangue dai tessuti nei modi più efficaci
  • Cosa fare contro le macchie di muffa su vestiario e biancheria per mandarle via in modo efficace

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro