I modi più efficaci per togliere le macchie di cioccolato dai tessuti senza danneggiarli

Le macchie di cioccolato, ai primi posti nell'hit parade di quelle più frequenti, non sono poi così difficili da mandare via dai tessuti come sembrerebbe: i sistemi più efficaci per eliminarle da vestiti e stoffe d'arredo.

Dato che ormai sono diventata un’esperta nel correre ai ripari dei  “ choco-danni ” causati assai sovente dai miei  nipoti più piccoli, che con le loro manine sporche di cioccolato imbrattano ciò che hanno addosso e tutto quello che si trova nelle loro vicinanze, penso possa esserti utile spiegare in questo post come togliere le macchie di cioccolato dai tessuti nei modi più efficaci e senza danneggiarli.

Anche se non si hanno bambini in casa, è facile sporcare con il “ re dei dolciumi ” i vestiti che s’indossano, tovaglie, arredi e pavimenti, poiché l’alimento contiene sostanze oleose e grasse che tendono a sciogliersi rapidamente quando fa caldo o al semplice contatto delle mani, ma non disperarti se provochi patacche dello stesso e non sai come farle sparire, perché non si tratta di guai irrimediabili nel 90% dei casi.

Ti  posso assicurare che, dopo aver letto questa guida pratica alla rimozione delle macchie di cioccolato con prodotti naturali o chimici, sarai in grado di eliminarle con il minor dispendio possibile di tempo e fatica, ma tieni sempre presente che:

  •  la macchia va trattata al più presto, perché sarà più difficile eliminarla se le si dà il tempo di sedimentare.
  • Prima di procedere alla sua rimozione, è bene sistemarle sotto un panno pulito per fare in modo che non passi al tessuto sottostante.
  • Bisogna evitare l’uso dell’asciugatrice, non stendere il capo al sole e non stirarlo se sullo stesso sono rimasti aloni o tracce di cioccolato, perché il calore agisce da fissativo.

Come eliminare efficacemente le macchie di cioccolato da tessuti lavabili a secco o in acqua

Nel caso che il tessuto impataccato sia lavabile unicamente a secco, per prima cosa lo si deve sistemare su una superficie piana con sotto un panno, per poi grattare via gli eccessi di cioccolato al più presto con la parte non affilata di un coltello (facendo attenzione che non si espanda e che non penetri all’interno della trama).

Poi bisogna tamponare la macchia, prima con uno straccio bianco pulito e successivamente con borotalco, per poi portarlo al più presto in una lavanderia seria in grado di rimuovere la macchia di cioccolato con un prodotti mirati ad uso professionale.

Cubetti di ghiaccio

Se la macchia è fresca, l’unico tentativo che puoi fare è quello di raffreddare e cercare di ripulire immediatamente la zona macchiata (dopo averci messo sotto un panno e aver rimosso il cioccolato come indicato sopra) strofinandola con un cubetto di ghiaccio con delicatezza e bagnando il meno possibile il tessuto.

Ho provato ad adottare questo procedimento per smacchiare il cioccolato alcune volte e sono stata fortunata, dato che in tutti i casi le chiazze marroni si sono sbiadite fino a scomparire, ma devo avvisarti che questo vecchio espediente delle nonne non sempre funziona e che, facendo in questo modo, potresti perfino peggiorare la situazione invece di migliorarla se il l’acqua disciolta del ghiaccio penetrasse eccessivamente all’interno delle fibre di una stoffa non lavabile.

In ogni caso, evita il più possibile il fai da te con capi non lavabili ad acqua a cui tieni in particolare, perché potresti danneggiarli irreparabilmente ( una volta ho usato una soluzione di acqua tiepida e detersivo per piatti con un vestito in rayon e seta e..l’ho dovuto buttare via 🙁  ), mentre, se ti rivolgi a un lavasecco specializzato, ci sono altissime probabilità di salvarlo.

Come rimuovere il cioccolato da tessuti resistenti e delicati lavabili ad acqua con prodotti chimici o rimedi naturali

Ti dico subito che sia le macchie fresche sia quelle secche su tessuti lavabili come cotone, lino, poliestere e nylon vengono via più facilmente se si impiegano smacchiatori appositi e, anche se di solito preferisco usare rimedi naturali nella pulizia della casa e dei vestiti, in questo caso li adopero, perché, essendo in assoluto i prodotti più efficaci per rimuovere le macchie di cioccolato, mi semplificano il compito e mi permettono di risparmiare tempo e lavoro.

Dato che il cioccolato contiene amidi e proteine, i migliori smacchiatori per mandarlo via dai tessuti lavabili sono quelli a base enzimatica attivi a basse temperature e con i quali non occorre usare acqua a 60°( anzi, non bisogna usarla proprio, perché a tale temperatura gli enzimi muoiono), come lo Smakia della Nuncas, contenente enzimi e sapone vegetale, che ritengo essere il migliore smacchiatore per cioccolato attualmente reperibile sul mercato italiano adatto ad essere impiegato su lino, cotone e tessuti sintetici (ma non su lana, seta, pelle liscia e scamosciata) senza alterarne le tinte.

In ogni caso, sia che tu decida di adoperare prodotti chimici appositi sia che tu preferisca servirti di detergenti multifunzionali o di sostanze naturali  naturali, ti raccomando di testare sempre la resistenza dei colori e della trama tessile, provando prima quello che intendi impiegare su una parte nascosta della stoffa per avere la certezza che non la sbiadisca e non la rovini e, se hai dei dubbi, affidati a una pulizia professionale per non correre il rischio di rovinare irrimediabilmente il capo.

Cosa fare con le macchie di cioccolato su tessuti resistenti

Per togliere le macchie di cioccolato su cotone ed altri tessuti resistenti e lavabili, come lino, poliestere e nylon, asportane al più presto i “ golosi ” resti quando sono ancora morbidi, grattandoli via con la parte non tagliente di un coltello o con il bordo di un cucchiaino.

Poi sistema sotto al capo un panno, tampona la macchia delicatamente con un dischetto per demaquillage o con uno straccio di cotone pulito, facendo attenzione a non premere troppo per evitare che si espanda e penetri in profondità nelle fibre.

Poi gira il capo a rovescio e fai scorrere il getto di acqua corrente fredda sulla parte interessata (per agevolare il distacco dei rimasugli di cioccolato dalle fibre) fino a quando la macchia sarà venuta via.

Fatto questo, applicaci sopra lo smacchiatore, lascialo agire qualche minuto ( leggi sempre le istruzioni d’uso riportate sulla confezione per non commettere sbagli) e poi procedi al consueto lavaggio.

Io uso abitualmente lo Smakia, ma in qualche occasione in cui ne ero sprovvista ho adoperato anche gli smacchiatori in polvere Vanish e devo dire che i risultati sono stati soddisfacenti, anche se io, personalmente, mi trovo meglio con il prodotto della Nuncas, che ritengo essere al momento il migliore (efficace pure contro altri tipi di macchie, come quelle particolarmente tenaci dei frutti di bosco e di sangue).

Se vuoi impiegare i prodotti appositi Vanish sulle macchie di cioccolato fresche ( il Vanish Oxi Action con i tessuti colorati e il Vanish Oxi Action Crystal White con quelli bianchi) , procedi in questo modo:

  • versa in una bacinella capiente 4 litri di acqua tiepida;
  • aggiungi 1 misurino del prodotto e fallo sciogliere;
  • immergi il capo nella soluzione e lascialo in ammollo al massimo 6 ore se il capo è bianco o 60 minuti se è colorato;
  • procedi al consueto lavaggio, aggiungendo al detersivo 1 ulteriore misurino di smacchiatore

È anche possibile preparare da soli un economico smacchiatore per cioccolato fai da te, mischiando 2 parti di acqua ossigenata  a 10 volumi con concentrazione al 3% con 1 parte di detersivo per piatti sgrassante.

Macchie di cioccolato ormai secchee su tessuto bianco

Non posso negare la validità di tale rimedio casalingo dalla duplice funzione (il detergente rimuove l’unto rilasciato nel tessuto dall’alimento e il perossido d’idrogeno ne elimina le tracce), ma ti devo avvisare che, avendo l’ H2O2 proprietà schiarenti, il suo uso può provocare lo sbiadirsi dei tessuti colorati e la perdita della loro lucentezza (cosa se non succede se si impiegano prodotti studiati appositamente per gli stessi), mentre lo puoi usare tranquillamente su quelli bianchi

Se  preferisci evitare l’impiego di uno smacchiatore o non lo hai a portata di mano, fai così:

  • elimina il cioccolato rimasto sulla superficie della stoffa e sciacquala da rovescio;
  • applica sull’intera chiazza un po’ di sapone di Marsiglia liquido (o di detersivo per bucato);
  • lascialo agire per pochi minuti;
  •  metti il capo a bagno in acqua fredda per circa 1/4 d’ora, sfregando la parte interessata con delicatezza ogni 5 minuti.

Nel caso che la macchia persista ancora, ripeti l’operazione, magari usando una maggior quantità di detergente e aggiungendogli un po’ di bicarbonato, fino a quando l’avrai rimossa prima di lavare il capo.

Per mandare via facilmente le macchie di cioccolato sui jeans, pretrattale da dritto e da rovescio con del sapone di Marsiglia ( puoi anche usare detersivo per i piatti o uno smacchiatore), aspetta 10 minuti e poi sottoponi l’indumento a un ciclo di lavaggio a 60° in lavatrice.

Come eliminare le macchie di cioccolato dai tessuti delicati

Se smacchiare i manufatti tessili resistenti in casa è piuttosto semplice,  togliere le macchie di cioccolato dai tessuti  delicati e di maggior pregio, come lana e seta, non lo è altrettanto e, se non si vuole ricorrere a professionisti del lavaggio, occorre prestare maggiore attenzione.

Anche in questi casi, ovviamente, la prima cosa da fare è raschiare la patacca (con utensili non taglienti come quelli suggeriti sopra) e fare scorrere il flusso corrente di acqua fredda attraverso la parte del tessuto sporcata per eliminare il “ grosso ”, ma poi, per mandare via del tutto i resti e le tracce di cioccolato che spesso vi rimangono attaccate, bisogna usare sostanze idonee che non provochino lo scolorimento e il danneggiamento delle fibre.

Se devi togliere una macchia di cioccolato sulla lana, strofinala con una spugnetta bagnata con acqua tiepida, alcol denaturato e qualche goccia di succo di limone.

Uomo con cravattadi seta sporca di cioccolato

Per eliminare le macchie di cioccolato dalla seta, invece, il sistema più efficace e sicuro che conosco consiste nel tamponare con delicatezza la zona sporcata con un panno bagnato in una soluzione di ammoniaca e acqua tiepida (1 cucchiaio di ammoniaca per 1 bicchiere di acqua).

Poliestere e altri tessuti sintetici chiari vanno immersi in acqua tiepida addizionata di acqua ossigenata e strofinati ogni tanto fino ad ottenere il risultato voluto, mentre per quelli colorati e scuri è preferibile impiegare un detergente del tutto naturale costituito da una soluzione di acqua tiepida e aceto bianco ( 8 cucchiai di aceto per  ogni litro di acqua) o un miscuglio di acqua tiepida e ammoniaca ( nella proporzione indicata sopra per smacchiare la seta) che, non essendo completamente atossico come il primo, va usato indossando guanti di gomma.

Come mandare via le macchie di cioccolato secche e difficili

Anche se di solito un pronto intervento premette di fare venir via facilmente le patacche senza problemi, non sempre è possibile effettuarlo, dato che  capita di sporcarsi di cioccolato fuori casa o ci si accorge della loro presenza quando sono ormai asciugate e sedimentate nelle fibre tessili ed è troppo tardi per correre ai ripari tempestivamente e riuscire a farle sparire del tutto col solo lavaggio.

Cosa fare, allora, con le macchie secche di cioccolato particolarmente ostiche e che hanno lasciato sul tessuto un alone marroncino dalla rigida consistenza e assai antiestetico a vedersi?

Procedi, innanzitutto, come indicato sopra  a seconda del tipo di tessuto per eliminare “ il grosso ”, inumidendo con acqua tiepida e sfregando le macchie resistenti di cioccolato per ammorbidirle prima di raschiarlo via,  e poi armati di pazienza e segui i successivi consigli datimi dalla proprietaria della mia lavanderia di fiducia.

Se il tessuto è bianco e resistente, la cosa migliore da fare è preparare una pastetta con percarbonato di sodio e detersivo per piatti liquido ( l’aggiunta del detergente saponato è necessaria, perché il percarbonato smacchia ma non sgrassa), applicarla sulla parte interessata e lasciarla agire 10 minuti prima di fare il consueto ciclo di lavaggio in lavatrice.

È meglio evitare l’uso di  un detersivo per piatti colorato ( adoperane uno bianco o trasparente per non correre il rischio, anche se remoto, di causare un’ulteriore macchia di tinta) e non tentare di ammollare il cioccolato secco con il getto di aria calda dell’asciugacapelli, perché potresti fare allargare la macchia.

Nel caso tu non abbia in casa il percarbonato, puoi servirti del borace, come fanno le tante persone che mettono a bagno il capo ancora sporco di cioccolato in acqua tiepida addizionata dello  minerale in polvere e ce lo lasciano immerso per qualche ora in ammollo.

Donna indossa occhiali protettivi di sicurezza

Abbi, però, l’accortezza di indossare guanti e occhiali protettivi, poiché tale sale sodico, secondo la normativa CEE 1272/2008,  è considerato irritante per gli occhi e per la pelle.

È uso comune smacchiare i tessuti bianchi e resistenti anche con la candeggina, ma io cerco di usarla il meno possibile nella pulizia della biancheria da letto, del tovagliame e del vestiario, perché il suo componente principale (l’ipoclorito di sodio), oltre ad essere tossico, facilita a lungo andare la comparsa di chiazze e di aloni giallastri sui manufatti tessili, specie se li si fanno asciugare al sole.

Ti consiglio di fare come me, che preferisco sfregare, facendo movimenti rotatori, con un panno imbevuto in una soluzione di acqua tiepida e acqua ossigenata ( 1/3 di acqua e 2/3 di acqua ossigenata a 10 volumi) gli aloni e le tracce di cioccolato eventualmente rimasti dopo il trattamento con il percarbonato e il successivo lavaggio, ma, se vuoi servirti della candeggina, usala sempre diluita e segui scrupolosamente le istruzioni di pretrattamento, ammollo e lavaggio riportate sulla sua confezione.

Il sistema maggiormente efficace per eliminare i segni scuri lasciati dal cioccolato sui tessuti colorati resistenti consiste nell’applicare sulle parti ancora sporche qualche spruzzo di un prodotto pretrattante a base di candeggina delicata innocua sui colori ( come lo Spray Universale Ace, impiegabile anche sui bianchi) e attendere una decina di minuti prima di strofinare poco energicamente e lavarli in lavatrice, aggiungendo a un detersivo idoneo 1 tappo dosatore di Ace Gentile.

Anche se lo Spray Universale Ace non dovrebbe rovinare i tessuti delicati e sintetici, la titolare della mia lavanderia me ne ha sconsigliato l’uso, suggerendomi di sfregare delicatamente le macchie rimaste su seta, lana e sintetici con una soluzione di acqua e alcol o di acqua e aceto bianco, facendo, però, sempre prima una prova su una parte non visibile della stoffa ( specie nel caso di fibre sintetiche) e usando, possibilmente, acqua distillata o anche quella priva di sali minerali di produzione casalinga.

Passa poi al lavaggio a mano dell’indumento ( se è in lana, segui le istruzioni per evitare che infeltrisca), impiegando acqua fredda o tiepida e un detergente idoneo e poi stendilo al sole e stiralo solo dopo aver controllato che sia perfettamente pulito.

Oltre a questi metodi che ritengo essere i più efficaci per mandare via le macchie di cioccolato dai tessuti per mia esperienza e per il fatto che mi sono stati consigliati da una professionista del settore, ho visto che sul web viene suggerito anche l’uso del sale e del cloroformio.

Evita assolutamente di adoperare entrambi, perché il primo, rimedio peraltro valido quando si sporca il vestiario di olio o di ruggine, in questo caso fisserebbe le macchie invece di eliminarle e per il fatto che il secondo, essendo un analgesico inalatorio di elevata tossicità, è pericoloso per la salute e non mi sembra proprio il caso di rischiare di danneggiarla anche seriamente, quando si possono fare sparire le tracce di cioccolato dalle fibre tessili  in modi ben più sicuri e collaudati.

Cosa fare con altre macchie di differente natura:

Credito foto intestazione: Esther Merbt per Pixabay.com

Credito foto cubetti di ghiaccio:  Picdrome Public Domain per Flickr.com

Credito foto macchie di cioccolato secche: Maxpixel.net

Credito foto macchia di cioccolato su cravatta: Ryan McGuire per Pixabay.com

Credito foto occhiali protettivi: Wish.com

Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenta con il tuo profilo Facebook