Composta di pesche gialle allo sciroppo di zucchero e panna con noci e pistacchi

La composta di pesche gialle, accompagnata da una leggera salsina di panna liquida e zucchero e guarnita con pistacchi e gherigli di noce tritati grossolanamente, costituisce un dessert dolce, ma non pesante, ideale da consumare in estate, quando fa caldo: la mia ricetta collaudata.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

La composta di pesche gialle con la salsa di zucchero e panna costituisce un fresco e idratante fine pasto leggero particolarmente adatto alle serate estive, quando i dolci tradizionali ricchi di creme e grassi risulterebbero pesanti e poco indicati ad essere consumati (e digeriti) col clima afoso.

Te ne propongo la ricetta light, ma raccomando di non usare pesche bianche, ideali, invece, per la preparazione della Persicata e dal sapore troppo delicato che verrebbe coperto da quello della panna: impiega solo frutti a pasta gialla maturi al punto giusto, profumati e di ottima qualità.

Evita anche le pesche sciroppate, anche se gialle: nonostante siano in molti ad ostinarsi a sceglierle come ingrediente principale di questa particolare composta di frutta, trovo che siano troppo dolci e consistenti per la preparazione, che ne verrebbe inevitabilmente snaturata e privata dell’inconfondibile aroma e sapore del frutto fresco.

Io adopero la menta ( la coltivo in giardino ogni anno per averla sempre a disposizione all’occorrenza durante la stagione estiva), ma anche l’erba limoncina è particolarmente indicata per aromatizzare la composta di pesche.

Esecuzione della ricetta: medio-facile

Tempo di preparazione: 20 minuti + 2 ore di permanenza in frigorifero

Ingredienti per 4 persone:

4 grosse pesche mature e sode di prima qualità
3 cucchiai di panna liquida fresca
300 grammi di zucchero
60 grammi di gherigli di noci
1 mazzetto di menta fresca
7-10 pistacchi sgusciati

Preparazione della composta di pesche con salsa alla panna

Scotta le pesche, immergendole in acqua bollente per 2 minuti, scolale e lascia che si raffreddino del tutto.

Nel frattempo, prepara uno sciroppo seguendo queste indicazioni:

  • versa 1 bicchiere e 1/2 di acqua in un pentolino, porta al punto di bollore, aggiungi lo zucchero e fallo sciogliere completamente nel liquido.
  • Togli il pentolino dal fuoco, aggiungi le foglie di menta (prima lavate, asciugate con la carta assorbente da cucina e sminuzzate con le mani).
  • Copri col coperchio, lascia in infusione per circa 15 minuti e fai raffreddare del tutto lo sciroppo di zucchero aromatizzato.

Elimina la buccia delle pesche (la precedente sbollentatura faciliterà l’operazione), disponi i frutti pelati in una ciotola, versaci sopra lo sciroppo e trasferiscili al fresco in frigorifero per un tempo di 2 ore circa, mescolandole delicatamente di tanto in tanto per fare in modo che s’impregnino bene della soluzione zuccherina.

Poi togli le pesche dal frigo, falle sgocciolare (tieni da parte lo sciroppo) e disponile sui singoli piatti.

Mescola lo sciroppo con la panna fresca, girando con cura col cucchiaio di legno per fare amalgamare bene i due ingredienti tra loro, e, infine, versa la salsa ottenuta intorno ai frutti.

Orna la composta di pesche con gherigli di noce spezzettati grossolanamente, pistacchi tritati senza la pellicina esterna e qualche fogliolina di menta prima di servire in tavola il dessert.

Se ti dovesse avanzare ( ma non credo 😉 ) un po’ di composta di pesche, puoi riutilizzarla presentandola in modo diverso: disponi in un piattino 1 o 2 biscottini di pasta frolla (vanno benissimo anche le cialde), sistemaci sopra una cucchiaiata di composta, copri con un altro biscotto e irrora a filo il dolce con poco cioccolato fondente che avrai fatto precedentemente fondere a bagnomaria.

La composta di pesche non può essere congelata, ma la si deve conservare in frigorifero, chiusa ermeticamente con la pellicola da cucina, per non più di 2 giorni.

Se ti piace chiudere il pasto in modo dolce e leggero con dessert a base prevalentemente di frutta, dai un’occhiata anche a:

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro