Mele in camicia

Come fare le mele in camicia, dolce tradizionale caduto in disuso e da riscoprire, con ingredienti, dosi e consigli per la preparazione.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

 

Le mele in camicia sono un vecchio dolce della tradizione italiana, ormai caduto un po’ nel dimenticatoio, ma che vale la pena di “rispolverare” in quanto è buono, economico, è facile a farsi e di bella figura.

Io uso le mele renette, in quanto mia madre soffre di diabete e il suo medico le permette di mangiare ogni tanto questo dolce solo se viene impiegata questa varietà di mele nella preparazione.

Per risparmiare tempo, si può non fare la pasta sfoglia a mano, ma utilizzare quella surgelata normalmente in vendita nei supermercati e nei negozi di alimentari.

Se avete ospiti, le mele in camicia si accompagnano bene con crema inglese senza farina, marmellate e panna.

Ingredienti per 6 persone:

6 mele renette;
80 grammi di burro;
1 fiocchetto di burro;
125 grammi di zucchero;
1-2 confezioni di pasta sfoglia surgelata ( dipende da quanto sono grosse le mele );
1 uovo fresco;
farina q.b;
cannella q.b;
zucchero semolato q.b;
olio extravergine di oliva q.b.

Preparazione delle mele in camicia

Fate scongelare la pasta sfoglia a temperatura ambiente.

Nel frattempo lavate, asciugate e svuotate le mele renette con l’apposito attrezzo “cavatorsoli” ( tenete da parte i piccioli ) e poi togliete loro la buccia.

In una ciotola capiente lavorate il burro, che avrete precedentemente tolto dal frigorifero, fino a quando sarà diventato morbido e poi unite lo zucchero.

Riempite le mele con il composto ottenuto e chiudetene il fondo con un tappo ricavato dai pezzetti di mela che avete levato prima.

Dove c’era il gambo  mettete un fiocchetto di burro, un pochino di zucchero semolato e una presa di cannella in polvere.

Srotolate la pasta sfoglia sulla spianatoia infarinata e, con l’aiuto del mattarello, lavoratela e fate in modo che abbia uno spessore di 3 millimetri circa.

Poi tagliate un quadrato e avvolgetelo su una mela ripiena, evitando di accavallare le punte di pasta e bagnate i bordi della stessa in modo di poterli incollare fra loro.

Tagliate gli altri quadrati di sfoglia come avete fatto per il primo e fasciate tutte le mele nella stessa maniera.

Altrimenti si può anche ritagliare la sfoglia in piccole strisce alte 1,5 centimetri circa e avvolgere con queste la mela, girandole intorno e iniziando dal basso verso l’alto.

Lavorate i pezzi di pasta avanzata col mattarello e ricavatene 6 dischetti che guarnirete incidendoli delicatamente con l’aiuto della punta di un coltellino.

Mettete i dischetti sopra ogni singola mela e infilateci al centro i piccioli che avete tenuto da parte.

Spennellate la superficie esterna delle mele in camicia con  il tuorlo d’uovo mescolato con pochissimo latte freddo, in modo che prendano colore durante la fase di cottura.

Foderate l’interno di una teglia capiente con la carta da forno spennellate l’interno dell’involucro con olio di oliva e fate preriscaldare il forno a 150 gradi.

Quando la temperatura è stata stabilmente raggiunta, fate cuocere le mele in camicia per circa 30-35 minuti ( il tempo dipende dalla dimensione dei frutti ).

Controllate il punto di cottura raggiunto bucando le mele con un ago da cucina sterilizzato sulla fiamma: l’ago deve poter trapassare facilmente e senza sforzo.

Potete anche preparare una variante alle mele in camicia usando le pere al loro posto, ma sceglietele con la polpa particolarmente tenera.

 

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

2 commenti su “Mele in camicia

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro