Cipolline al sughetto di arance in agrodolce

Le cipolline novelle al sughetto di arancia e cannella sono una variante più delicata e profumata delle pur buonissime cipolline in agrodolce, contorno adatto a molti secondi piatti a base di carni: la ricetta con ingredienti, dosi e indicazioni passo per passo per prepararle al meglio.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il modo più indicato di cucinare le cipolline borettane è, senza alcun dubbio, quello di farle in agrodolce, ma, dato che mi ero stufata di presentarle in tavola sempre alla stessa maniera anche se sono buonissime, ho fatto un po’ di prove per diversificare la preparazione classica e rendere il contorno più profumato e invitante al massimo e oggi ti voglio fare conoscere le cipolline al sughetto di arancia con cannella, la variante che reputo sia la migliore tra tutte quelle che ho potuto testare.

Le cipolline, cotte nel succo dell’agrume e aromatizzate con cannella e coriandolo, sono la versione della ricetta classica degli ortaggi novelli in agrodolce che mi è piaciuta di più per il fatto che il tipico gusto non viene snaturato (come succede se si usano ingredienti troppo saporiti che lo possono coprire), ma  è reso più delicato e maggiormente profumato nello stesso tempo.

Per variare ancora di più, potresti provare ad usare succo di arancia e di limone mescolati o anche il solo di limone al posto di quello di arancia, ma in questo caso ti consiglio di scegliere limoni dalla polpa particolarmente dolce, come è quella dei limoni tipici di Procida.

Le cipolline borettane cucinate in questo modo costituiscono il contorno ideale di varie pietanze a base di carne bovina e suina e possono andare bene per accompagnare piatti di pesce dal sapore piuttosto “deciso” (come è quello del pesce azzurro), mentre non si sposano affatto bene con prodotti del mare dalla polpa particolarmente delicata ed è assolutamente da evitare l’abbinamento con le uova, dato che il sapore di agrumi e quello dei tuorli cotti “ fanno a pugni“.

Ingredienti per 4 persone.

900 grammi di cipolline borettane novelle
2 arance non trattate grosse e succose
2 centimetri di stecca di cannella
30 grammi di zucchero di canna
2 cucchiaini di coriandolo fresco tritato
1 cucchiaio di aceto di vino rosso
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
sale e pepe q.b

Preparazione delle cipolline borettane all’arancia e cannella in agrodolce

Sciacqua il coriandolo, asciugalo, puliscilo, tritane le foglie e tienile da parte; monda le cipolline novelle, togliendo loro la buccia, e poi sciacquale sotto al rubinetto e asciugale molto bene.

Metti sul fuoco una padella con l’olio extravergine di oliva e, quando questo si sarà scaldato solo leggermente, unisci le cipolline e falle insaporire.

Rigalimoni in acciaio per grattare rapidamente la scorza del limone

Spremi le arance, filtrane il succo e taglia, con un coltellino affilato o con il praticissimo rigalimoni apposito, a filetti molto sottili la scorza gialla di 1/2-1 frutto (regolati a seconda delle dimensioni dello stesso), escludendo la parte bianca della buccia che renderebbe amaro e rovinerebbe inevitabilmente il contorno.

Una volta che le cipolline si saranno insaporite, spolverizzale con lo zucchero di canna, bagnale il succo di arance e con l’aceto, mescola il tutto con il cucchiaio di legno e continua a cuocere fino a quando la salsina avrà iniziato a rapprendersi.

Poi aggiungi il pezzetto di cannella intero, aggiusta di sale e di pepe, gira ancora con delicatezza, copri con il coperchio e prosegui la cottura per una ulteriore ventina di minuti circa.

Trascorso questo tempo, assaggia per controllare che le cipolline siano pronte: se lo sono, alza il fuoco per fare in modo che il sugo si restringa, altrimenti fai cuocere ancora per qualche minuto prima di fare addensare la salsa a fiamma alta.

Un minuto prima di levarle dal fuoco, spolvera le cipolline con le scorzette di buccia arancia e il coriandolo fresco tritato e lasciale riposare per 1 minuto circa prima di togliere la cannella, levarle dalla padella e sistemarle con il loro sughetto di cottura agrodolce intorno (o, se preferisci, accanto) alla pietanza a cui farà da contorno.

Se vuoi scoprire altri gustosi contorni dal gusto agrodolce e indicati per accompagnare secondi piatti a base di carne o di uova, dai un’occhiata anche a:

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro