Salsa di prugne secche alla russa: la ricetta

La salsa di prugne secche può costituire un originale antipasto totalmente vegetariano se servita coi crostini, ma è anche un intingolo particolarmente indicato per accompagnare piatti di carne in modo diverso dal solito.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

In Russia si usano frequentemente le prugne  in cucina e tempo fa una cara amica, che vi ha abitato per 2 anni, mi ha fatto assaggiare la salsa russa di prugne secche e me ne ha dato gentilmente la ricetta.

Si tratta di una salsa totalmente vegetariana, insolita e che può essere non gradita da tutti, ma a me, che adoro le salse etniche di tutti i tipi, è piaciuta molto e la trovo particolarmente indicata per accompagnare in modo diverso piatti di carne bovina,  pollame ( specie preparazioni a base anatra ) e maiale.

Ho provato anche ad abbinarla ai formaggi, ma devo dire che l’accostamento non è dei migliori e te lo sconsiglio.

La mia amica ha servito la salsa di prugne secche alla russa come antipasto sui crostini al sesamo: trovo che sia un’idea originale e voglio proportene la ricetta. 🙂

Per la cottura ti suggerisco di usare una casseruola di terracotta e di evitare l’alluminio.

Ingredienti per 4 persone:

300 grammi di prugne secche;
2 cucchiai di aceto di vino bianco;
1 spicchio di aglio;
3 cucchiai di semi di coriandolo;
4 crostini integrali, possibilmente al sesamo.

Preparazione della salsa russa di prugne secche

Porta al punto di bollore 2 bicchieri e 1/2 di acqua, immergici  dentro le prugne essiccate, abbassa la fiamma e fai cuocere per una decina di minuti.

Trascorso questo tempo, leva la casseruola dal fuoco, lascia riposare per 10 minuti, rimettila sul fornello, porta ad ebollizione e fai cuocere ancora per altri 10 minuti.

Poi sgocciola le prugne, leva loro i noccioli interni; filtra il liquido di cottura e tienilo da parte.

Passa al mixer lo spicchio d’aglio sbucciato ( puoi anche levare il germoglio interno per fare in modo che l’aglio diventi più digeribile ), le prugne e i semi di coriandolo fino ad ottenere un composto omogeneo.

Trasferiscilo poi in una casseruola con 4-5 cucchiai di acqua di cottura delle prugne, metti sul fuoco e fai incorporare il liquido girando con una frusta da cucina.

Porta la salsa di prugne al punto di bollore e, appena questo sarà raggiunto, levala immediatamente dal fuoco.

Aggiungi poi l’aceto di vino bianco e mescola bene col cucchiaio di legno per incorporarlo bene.

Servi in tavola la salsa di prugne su crostini integrali al sesamo come antipasto, accompagnata da un vino rosso corposo come il Lagrein dell’Alto Adige.

La salsa russa di prugne secche si può conservare, in un contenitore di vetro chiuso ermeticamente, in frigorifero fino a una decina di giorni.

Se vuoi, dai un’ occhiata anche a:

  •  Come utilizzo il bollito avanzato riciclandolo nella preparazione dei Pirojki, i fagottini ripieni di cavolo e uova della cucina russa;
  • Come preparare la Shuba, insalata di aringhe e verdure “cugina” della nostra insalata russa.
  • Bortsch, la zuppa russa di barbabietole ideale ” comfort food” quando fa freddo.
Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro