Come cuocere il miglio

Come si deve cuocere il miglio senza commettere errori: consigli utili per una cottura perfetta di questo sano cereale.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Cuocere il miglio è per me ormai diventata un’ abitudine, dato che lo cucino sempre più spesso, viste le proprietà nutritive di questo cereale e la sua versatilità negli impieghi culinari.

La cottura del miglio non è affatto difficile: basta seguire il procedimento giusto e chiunque, anche chi non è proprio
un cuoco provetto ed è inesperto di cucina, ci prenderà la mano e, dopo 2 o 3 volte, otterrà un risultato perfetto.

Avevo già scritto a proposito della cottura nella ricetta del miglio ai sapori invernali, ma, visto che mi è stata richiesta da alcuni lettori ( che ringrazio della fiducia accordatami e della frequentazione di questo blog ), eccomi oggi a dare ulteriori dettagli e trucchi per cucinare il miglio nel modo corretto, senza ritrovarselo crudo o, peggio, ……una “sbobbetta”. 🙂

 Procedimento da seguire per cuocere il miglio alla perfezione

  • Innanzitutto bisogna lavarlo ripetutamente sotto il getto di acqua fredda, in quanto devono essere eliminate le impurità e la polvere: aiutatevi con un colino a maglia stretta in modo che i piccolissimi chicchi non ne escano fuori.
  • Poi lasciatelo a sgocciolare bene per 10-15 minuti: il miglio deve essere il più possibile asciutto durante la fase successiva di tostatura.
  • Mettetelo poi in una padella antiaderente e fatelo tostare con un filo d’olio per circa 3 minuti a fuoco basso, mescolandolo in continuazione con un cucchiaio di legno: fate attenzione  a non fargli prendere colore.
  • Versatelo poi in una pentola capiente e copritelo con una quantità di acqua bollente rispettando questa proporzione: 1/2 litro di acqua per 100 grammi di cereale.
  • Portate al punto di bollore a fuoco vivace e, una volta che questo è stato raggiunto, aggiungete il sale, abbassate la fiamma, coprite col coperchio e fate cuocere con la retina frangifiamma, posta sotto la pentola, per una ventina di minuti.
  • Durante questa fase di cottura, è bene mescolare di tanto in tanto il miglio col cucchiaio di legno per evitare che si bruci sul fondo.
  • Io, per ogni evenienza, tengo sempre pronta dell’acqua bollente da aggiungere all’occorrenza, se vedete che si asciuga troppo: anche se la proporzione di acqua e cereale indicata sopra è quella corretta, mi è capitato più di una volta di doverne aggiungere ancora ( chissà, credo che la cosa possa dipendere dalla qualità ed “età” del miglio ).
  • Trascorsi i 20 minuti, levate la pentola dal fuoco e lasciate riposare per un quarto d’ora in modo da permettere al miglio di assorbire l’acqua e di gonfiarsi.

All’occorrenza, si può prolungare il tempo di riposo fino a 60 minuti.

Il miglio cotto si può cucinare in molti modi: dalle zuppe, al cous cous, alle polpette, ma la corretta cottura è alla base della buona riuscita di ogni ricetta che lo contempla come ingrediente. 🙂

articoli correlati:

Credit photo: Stacy Spensley  for Flickr.com

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

2 commenti su “Come cuocere il miglio

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro