Involtini di carne con pecorino e pomodori secchi alla messicana

Gli involtini ripieni di pecorino e pomodorini essiccati e messi sott'olio sono un modo diverso e gustoso di cucinare le fettine di fesa di vitello. la ricetta tipica messicana.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Gli involtini di vitello ripieni di pecorino e pomodorini secchi sott’olio, piatto tipico della gastronomia messicana, sono una pietanza saporita adatta a tutte le stagioni dell’anno e costituiscono una idea alternativa per cucinare in modo appetitoso e diverso la solita fettina di carne.

Se trovi che il gusto del pecorino al pepe sia per te troppo marcato, puoi sostituirlo con scaglie di provolone dolce o con un formaggio simile di tuo gusto.

La preparazione degli involtini è facile e la sua esecuzione richiede in tutto, compresa la cottura, una trentina di minuti circa.

Ingredienti per 4 persone:

12 fettine di fesa di vitello (circa 600 grammi)
50 grammi di pecorino pepato
6 pomodori secchi sott’olio
2 spicchi di aglio
2 ciuffi di prezzemolo
2 cucchiai di vino bianco secco
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
2 noci di burro
sale fino q.b

Preparazione degli involtini di fesa di vitello con pecorino e pomodorini secchi secondo la ricetta originale del Messico

Fai sgocciolare i pomodorini secchi dell’olio, taglia ognuno a metà nel senso della lunghezza e tienili da parte.

Sciacqua le fettine di carne, asciugale accuratamente con la carta assorbente da cucina e battile con l’aiuto del batticarne tra 2 fogli di pellicola per fare in modo che non si rompano.

Quindi disponi al centro di ciascuna 3-4 foglie di prezzemolo (precedentemente lavate e asciugate) spezzettate grossolanamente, 1 tocchetto di formaggio pecorino e 1/2 pomodorino secco sgocciolato.

Arrotola ogni fettina su se stessa in modo da formare un involtino che fisserai con uno stecchino o con lo spago apposito da cucina.

Fai fondere il burro nell’olio extravergine di oliva in una grossa padella antiaderente a fiamma moderata, aggiungi gli spicchi di aglio spellati e schiacciati (puoi anche lasciare l’aglio vestito, cioè con la buccia) e, quando questi avranno assunto un colore leggermente dorato, unisci gli involtini, alza un po’ il fuoco e lascia che rosolino in modo uniforme su tutta la loro superficie.

Poi spruzza gli involtini di carne messicani con il vino bianco, lascia evaporare l’alcol, insaporisci con il sale fino, copri col coperchio, regola la fiamma al minimo e continua la cottura per circa una quindicina di minuti.

Quando saranno pronti, spegni il fuoco, lasciali riposare 1-2 minuti per fare in modo che s’insaporiscano a dovere, elimina lo stecchino (o lo spago da cucina) e servili in tavola caldi con un vino rosso maturo e asciutto, come il Cerasuolo di Vittoria.

Se te ne dovessero avanzare, puoi conservarli in frigorifero per un massimo di 2 giorni e scaldarli brevemente nel microonde o in padella prima del consumo.

Se, come me, ami preparare gli involtini in modi sempre differenti e con ingredienti diversi, dai un’occhiata anche a:

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro