I cibi da evitare con l’influenza

Alimenti da evitare se si è ammalati d' influenza o colpiti da altri mali di stagione: l'elenco dei cibi di cui è meglio sospendere il consumo per facilitare la guarigione.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Anche quest’anno, puntualmente come sempre, sono in arrivo l‘influenza e i malanni di stagione e il mangiare cibi adeguati è fondamentale per prevenirli o, per alleviarne i sintomi e facilitare la guarigione se s ne siamo già stati infettati.

Ho già scritto a proposito degli alimenti “anti influenza” e della prevenzione delle malattie del raffreddamento e, come promesso, oggi voglio elencare i cibi non indicati per chi è ammalato.

Infatti alcuni nutrimenti possono indebolire il sistema immunitario e rallentarne la reazione difensiva nei confronti delle varie forme influenzali.

 Quali sono i cibi e le bevande da evitare o da limitarne il consumo quando si ha l’influenza?

Ecco l’elenco degli alimenti che non aiutano a guarire:

  • Gli alcolici e i superalcolici sono tassativamente proibiti: oltre a interagire negativamente coi medicinali e l’azione degli stessi, le bevande alcoliche debilitano l’organismo ( anche se sembra che diano una sensazione di calore all’inizio ) e provocano la vasocostrizione di vene e capillari. 
  • Carni rosse e grasse: preferite pesce fresco ( specie salmone e del tipo azzurro, contenenti grassi Omega-3 e altre sostanze benefiche ) e pollame lesso o cucinato ai ferri.
  • Insaccati contenenti polifosfati e conservanti ( eccetto la bresaola).
  • Panna, formaggi e burro: i latticini favoriscono la formazione di muco e, di conseguenza, sono da evitare per non favorire il protrarsi delle forme influenzali e bronchiali.
  • Per la stessa ragione sarebbe meglio non consumare latte e yogurt interi: preferite i cosiddetti probiotici e yogurt coi fermenti lattici, alimenti in grado di ripristinare la flora batterica ( gli antibiotici ed altri farmaci la danneggiano notevolmente ).
  • I cibi particolarmente acidi ( come il mais e le lenticchie): un’ ulteriore apporto di acidità in un organismo sofferente, il cui l’equilibrio acido-basico è già compromesso, comporta il rischio di provocare la comparsa di acidosi e chetosi.
  • Cibi precotti e prodotti alimentari in scatola: contengono spesso conservanti, colori artificiali e additivi chimici e non apportano gli elementi nutritivi degli alimenti freschi e di quelli cucinati tradizionalmente.
  • Fritture e cibi elaborati provocano difficoltà digestive, aumentando il malessere conseguente allo stato influenzale.
  • Il caffè, che contiene l’eccitante caffeina e favorisce la diuresi e la conseguente disidratazione corporea.
  • Biscotti farciti, merendine e cookies vari.
  • E’ bene sostituire pasta, riso e cereali raffinati con quelli integrali, ricchi di fibre e sostanze utili al recupero delle forze.
  • Bevande industriali zuccherate e succhi di frutta e di agrumi confezionati: si tratta di alimenti “morti”, in cui vengono aggiunti in elevata concentrazione zuccheri e dolcificanti che rallentano l’azione dei globuli bianchi, già stressati nel combattere le infiammazioni.
  • Bibite gassate anche se prive di zucchero: l’anidride carbonica contenuta favorisce il formarsi di gonfiori addominali ed intestinali ( cosa non certamente positiva, specie se si è stati contagiati da forme virali che interessano il tratto gastroenterico ).

Quando si ha l’influenza, raffreddore e tosse è meglio anche evitare di bere l’acqua del rubinetto, ma sostituirla con acqua filtrata ( io bevo sempre acqua depurata economicamente con i tubetti di ceramica EM ) per evitare d’ingerire residui di metalli pesanti e altre sostanze non proprio benefiche.

Non dimentichiamo di bere la giusta quantità d’acqua giornaliera per evitare la disidratazione.

Le spremute di agrumi e i centrifugati di frutta vanno benissimo, ma non sostituiscono l’azione emolliente depurante e disintossicante dell’acqua: con l’influenza è necessario bere acqua più del solito e, se non si avverte lo stimolo della sete, mettiamo in pratica i suggerimenti per bere più acqua indicati qui.

La nicotina non è un alimento e qui parliamo di cibi da evitare quando si ha l’influenza, ma bisogna comunque ricordare che il fumo peggiora i sintomi dei malanni stagionali: durante il decorso della malattia non bisogna assolutamente fumare.

Eliminare i cibi non adatti quando si ha l’influenza è molto importante, ma l’astensione dal fumo è basilare per evitare complicazioni e guarire più velocemente.

Credit photo: wikimedia.org

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Un pensiero su “I cibi da evitare con l’influenza

  1. Cara Franci, alcune cose le conoscevo già ma particolari riguardo al mais e alle lenticchie, ad esempio, mi sono del tutto nuovi: i tuoi post sono sempre una fonte di informazioni preziose, non mi stancherò mai di scriverlo!
    Comunque…speriamo che l’influenza stia lontana più possibile, che l’inverno scorso fu davvero tremendo e non vorrei ripetere quel “fuoco di fila” in famiglia…!

    Ti abbraccio, buon weekend pre-natalizio 🙂

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro