Cosa fare contro le punture di ortica

Cosa fare se ci si punge accidentalmente con l'ortica: tutti i possibili rimedi per calmare il bruciore e risanare la pelle.

Capita spesso, specie durante le escursioni estive sui monti e in campagna, di pungersi con l’ortica e la cosa non è certo piacevole: le punture di ortica fanno davvero un gran male!

E, per ridurre i danni, bisogna agire tempestivamente con trattamenti e rimedi adeguati contro le irritazioni causate dal contatto con le foglie di questa pianta altamente urticante.

Perché l’ortica punge?

Per il fatto che le parti aeree della pianta, in particolare le foglie, sono ricoperte da una peluria “di difesa” in cui sono presenti istamina,  serotonina, aceticolina e leacido formico, sostanze attive irritanti per la pelle e che provocano al contatto diretto con la stessa  un intenso e doloroso bruciore assai simile a quello che si prova quando si ha la sfortuna di sfiorare una medusa in mare.

Dato che l’ortica è buonissima da mangiare ed è una e propria pianta curativa dalle molteplici proprietà medicinali, la raccolgo ormai da decenni per impiegarla in cucina e nella preparazione di tisane, ma nei primi tempi mi è capitato spesso di pungermi, nonostante indossassi sempre i guanti mentre la maneggiavo.

Questo succedeva perché non avevo l’accortezza di coprirmi bene braccia e gambe con indumenti adatti a proteggere la pelle per non farla entrare in contatto con questo arbusto benefico, ma molto urticante.

E così mi capitava di sfiorarla spesso incidentalmente, specie quando la raccoglievo in gran quantità per fare il macerato di ortica (ottimo fertilizzante e antiparassitario naturale che consiglio di usare nell’orto e in giardino al posto di prodotti chimici nocivi e costosi), e di ricavarne, di conseguenza, quelle dolorose  fastidiosissime infiammazioni dell’epidermide che i miei nipotini chiamano “ orticate ”.

Ho anche imparato a mie spese che non bisogna assolutamente fidarsi del fatto che, una volta che è stata tagliata, questa erba officinale  invasiva perde molta della capacità urticante: a me è capitato di pungermi con foglie raccolte anche 12 ore prima. 😉

L’unico modo per assicurarsi che l’ortica non possa più pungere è sbollentarla, come si fa quando la si usa in cucina.

Cosa fare contro le punture di ortica?

Innanzitutto bisogna tener presente che le sostanze infiammatorie della pianta sono del tipo acido e che, quindi, per combattere l’irritazione provocata da queste, occorre intervenire con sostanze basiche.

Ecco alcuni utili consigli:

  • Se vedete che nella pelle sono rimaste conficcate le piccole spine, applicate sulla zona colpita del nastro adesivo, facendolo ben aderire all’epidermide, e poi levatelo con uno strappo deciso, in modo che i residui d’ortica rimangano attaccati ad esso.
  •  Lavate la parte con acqua fredda ( quella calda apre i pori ) e sapone delicato e asciugatela accuratamente con un panno pulito.
  • Fate una pastetta a base di bicarbonato di sodio ed acqua ed applicatela sul rush.
  • Aceto (specie quello di mele ) e acqua ossigenata sono anch’esse sostanze utili ad essere applicate sulla zona irritata.
  • Se non avete a disposizione nessuno di questi “antidoti”  e trovate nelle vicinanze l’Acetosa o la Parietaria ( quest’ultima, vero rimedio naturale contro le punture di ortica, cresce spesso nei pressi della stessa ), strofinatene le foglie sulla parte punta.
  • L’Aloe Vera è antinfiammatoria e benefica per quasi tutti i disturbi della pelle: applicatela sotto forma di gel.
  • Anche bagnare la zona dolorante con  lo “sputo” è utile, in quanto la saliva umana è lievemente basica.
  • Lasciate sempre asciugare all’aria aperta, facendo però attenzione a non sottoporre la pelle trattata al sole e a sostanze irritanti.

Questi, elencati sopra, sono i rimedi naturali maggiormente utili, ma è sempre bene portare con sé un kit  o una crema specifica contro le punture d’insetti e di piante urticanti quando si va in gita o si è in campagna per lenire l’infiammazione ed evitare che si formi il ponfo.

Se la zona interessata dalla puntura di ortica non dovesse dare cenni di miglioramento in breve tempo, consultate subito un medico e non assumete a casaccio farmaci istaminici o a base di cortisone che non vi siano stati prescritti. 😉

Credit photo intestazione: Wilbysuffolk for Wikimedia.org

Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti su “Cosa fare contro le punture di ortica

    1. Con tutte le punture che ho preso in vita mia, ho una certa esperienza, carissima Speedy 🙂

  1. ciao ho toccato una pianta che sembrava una foglia di menta il tocco è avvenuto su due dita è come se mi fossi bruciato… o meglio ustionato cosa posso fare? mica mi vengono bolle su tutta la pelle?

    1. Ciao Marco, capirai bene che 1) non so che pianta hai toccato 2) non sono dermatologo.
      I suggerimenti che ho dato valgono per le comuni punture di ortica in soggetti non allergici, ma, ti ripeto, non sono un medico.Posso solo consigliarti di rivolgerti al tuo medico di famiglia.
      Ciao e tantissimi auguri!

  2. Ciao! È possibile usare il macerato anche sulle piante già in fiore o c’è rischio di bloccare la produzione dei frutti?

    1. Ciao Natascia.Il macerato di ortica non va mai usato sulle piante in fiore per non recare danno alle api: adoperalo prima e dopo la fioritura.

I commenti sono chiusi.

Commenta con il tuo profilo Facebook