Bavarese al cioccolato bianco e ribes senza tuorli d’uovo e vaniglia

La bavarese al ribes brinato con lo zucchero è un buonissimo dessert a cucchiaio adatto ad ogni occasione: come farla senza vaniglia e tuorli di uova.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Ci sono tanti modi di preparare la bavarese, goloso dessert a cucchiaio di origine transalpina, ma la ricetta che preferisco in assoluto è questa della bavarese al cioccolato bianco e ribes, fatta senza vaniglia e tuorli di uova, per la sua cremosa delicatezza apprezzatissima da me e dai miei ospiti.

Trovo che il ribes nelle bavaresi ci stia benissimo e amo decorare questo dessert con grappolini di bacche rosse e bianche del frutto di bosco ricoperte di zucchero per dare al dolce un aspetto e una nota di gusto eleganti e originali e per presentarlo in tavola in modo diverso dai soliti accompagnamenti a base di cioccolato fondente e coulis di frutta.

Il buonissimo dolce dalla consistenza spessa e morbida e adatto anche a concludere un pranzo importante può essere realizzato in monoporzioni o in un’unica torta: usa nel primo caso degli stampini piccoli tutti uguali e nel secondo uno stampo di dimensioni adeguate al numero di commensali.

Per sformare la bavarese nel modo più agevole possibile, ti consiglio di usare stampi di silicone.

Ingredienti per una bavarese da 4 persone:

200 grammi di cioccolato bianco
160 grammi di zucchero
2 bicchieri scarsi di panna fresca
2 bicchieri di latte fresco intero
2 albumi di uovo
3 fogli di gelatina (15 grammi)
1 grappolino di ribes rosso e 1 di ribes bianco per guarnizione

Preparazione della torta bavarese al cioccolato bianco e ribes senza tuorli di uova e vaniglina

Inizia a preparare la bavarese ” in bianco ” mettendo la gelatina a bagno in acqua fredda per farla ammollare.

Nel frattempo spezzetta finemente 160 grammi di cioccolato bianco, tenendo da parte gli altri 40 grammi rimanenti.

Versa il latte in un pentolino, aggiungi 60 grammi di zucchero, porta ad ebollizione, spegni il fuoco e incorpora prima il cioccolato bianco tritato e poi la la gelatina ben strizzata, mescolando fino a quando i due ingredienti aggiunti si saranno sciolti del tutto.

Monta la panna e aggiungila, mescolando con delicatezza con movimenti dal basso verso l’alto, al composto dopo averlo lasciare raffreddare.

Trasferisci il tutto nello stampo (o in 4 stampini monoporzione) e mettilo in frigorifero, coperto con la pellicola alimentare, a riposare per 8 ore circa.

Senza staccare le bacche dai rametti, lava il ribes e asciugalo accuratamente; monta gli albumi in una ciotola e metti lo zucchero rimanente in un’altra.

Intingi i grappolini di ribes negli albumi montati, uno per volta, falli sgocciolare bene e poi passali nello zucchero facendo in modo che ogni chicco ne sia interamente ricoperto.

Disponi il ribes brinato su un piatto piano e lascialo asciugare.

Una volta che saranno trascorse le ore di riposo al fresco necessarie a far prendere al dessert la giusta e carezzevole consistenza, tiralo fuori dal frigorifero solo al momento di servirlo e, per facilitare l’estrazione della bavarese dallo stampo adotta i seguenti vecchi trucchi di pasticceria:

  • passa la lama liscia di un coltello tra il bordo del dolce e lo stampo;
  • immergi lo stampo in acqua calda per qualche istante.

Tieni ” a bagnomaria ” lo stampo solo per pochi secondi, facendo in modo che l’acqua non ne raggiunga il bordo e penetri al suo interno per evitare di bagnare e rovinare irrimediabilmente il dolce e poi sformalo sul piatto di portata.

Decora, infine, il goloso dessert con riccioli ricavati dal cioccolato bianco rimanente e con i grappolini di ribes brinati.

La bavarese al cioccolato bianco e ribes si può conservare in frigorifero, coperta con la pellicola di plastica alimentare, per 2-3 giorni al massimo, ma non è possibile congelarla, perché ne perderebbe in sapore e consistenza e diventerebbe inevitabilmente una insipida e molliccia ” pappetta bavarese “.

Se ti piacciono i dessert a cucchiaio, dai un’occhiata anche a:

Loading...
Scritto da Francesca Be
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Commenta con il tuo profilo Facebook
  • Ricevi Ultimi Articoli

    I tuoi dati sono al sicuro